Motto della cuoca: il bicchiere bisogna sempre vederlo mezzo pieno, se poi quella metà è alcolica è anche meglio!
La cuoca si è appena fatta tre giorni di relax.
E’ andata in una Spa? No…
E’ andata in una beauty farm? Nooo
E’ andata in un eremo carmelitano? Noooò
E’ andata in ospedale. Per un intervento banalissimo che fino a qualche tempo fa si faceva in day hospital… tre giorni! Uno per ricoverarla, uno per operarla, uno per dimetterla. Giovedì mattina si presenta puntualissima alle 8e30 al reparto preposto e dà le sue generalità. Dopo un paio d’ore, durante le quali si è trasformata da cuoca a degente, con tanto di pigiamino rosa, vestaglia di pile sformata con le pecorelle e la ciavatta strascicante, le cominciano i primi esami. Esami del sangue, fatti e si passa all’elettrocardiogramma… e qui si è aperto un mondo. Siete mai finiti sotto le tenere grinfie delle tirocinanti? Giovanissime, tutte molto carine, gentilissime e volenterosissime che per disposizioni sanitarie portano capelli raccolti nella cuffietta e solo un filo di mascara sulle ciglia. Nella minuscola stanzetta dove si effettuava il controllo cardiaco erano una decina, sembrava un summit di microingegneriamedicina molecolare: la cuoca unica sdraiata, una dottoressa, un numero imprecisato di infermiere e quattro tirocinanti (la cuoca ad un certo punto si è spaventata perchè pensava la dovessero tener bloccata…) e a queste ultime spettava il compito di montare gli elettrodi e far partire il segnale. In quattro, intorno alla cuoca che ipotizzavano la disposizione dei colori da applicare ai quattro arti: “Io ieri ho messo il giallo al braccio destro e il rosso a quello sinistro, il nero al piede.. non mi ricordo quale…” “io ho sempre messo il nero al destro…” “Ma che dici ci va il verde”
“Scusate!” dice al cuoca “Non so se mi posso permettere, ma su quello rosso c’è scritto braccio destro e su quello giallo braccio sinistro… può aiutare?”
Risolini di scherno “Grazie signò, non ci avevamo mai fatto caso!”
Intanto riempiono la scheda di ricovero:
“Anni?” “45” “Peso?” “75” “Quanti anni ha la signora? 75?” Aritmie da incacchiatura nell’elettrocardiogramma…
Colloquio con l’anestesista, visita. La vita da degente della cuoca può cominciare. La sua compagna di camera è una signora, molto carina, molto gentile, molto molto pessimista. Dopo le chiacchiere di rito, per raccontarsi reciprocamente le proprie esistenze, visione reciproca di foto di figli e nipoti, il silenzio piombava in camera e veniva interrotto da epitaffi della cara signora: “Siamo appesi ad un filo…”, “La morte è un sonno…”, “Siamo solo di passaggio…” e la cuoca si chiedeva se l’intervento lo avrebbe potuto fare anche dopo un processo per omicidio.
Per fortuna verso le 20 passa l’amica del cuore della cuoca, che le tiene compagnia fino alle 23, permettendole di arrivare piena di sonno al letto in modo da non avere l’insonnia pre-intervento. La mattina dopo arriva e con lei anche il meraviglioso camice operatorio…. posso dire che non c’è niente di più ridicolo e mortificante di quel camice? In sala operatoria, il personale medico e paramedico è attento, delicato, parlano con la cuoca per farla distrarre, rassicurandola. Le applicano la flebo con la fisiologica, la bloccano al letto operatorio e la cuoca si aspettava la mascherina con l’anestesia.
“Signora faccia dei bei respiri profondi…”
“Si, ma dov’è la masch….”
… apre gli occhi. E’ sdraiata su una barella, nella stanza dove l’avevano preparata. Era tutto finito. E non se n’era accorta… che bello!!
“Che ora è?” chiede ad un infermiere che la stava monitorando
“Le undici e venti”
“Gesù, ho dormito un’ora e mezza!”
“Più o meno… come si sente?”
“Bene…” e comincia a riflettere sullo stato di benessere nel quale si trova. Nessun dolore, nessuna ansia, nessun pensiero, tanta pace interiore… o sono morta o sono drogata. Morta non era.
Dopo un pò la riportano in camera e pian piano quello stato di beatitudine svanisce lasciandole comunque una sorta di buon umore irrazionale. Il principe era lì che l’aspettava, sorridente e dopo tre minuti era già stato buttato fuori perchè non era orario di visite… e la giornata passa lenta e sonnacchiosa, nel senso che la cuoca ha dormito quasi tutto il pomeriggio.
Sabato mattina, visita e domanda di rito: “Signora come sta?”
“Bene”
Foglio di dimissioni firmato, il principe può passarla a prendere e riportarla al Castello… si ma come sarà il Castello? Esisterà a ancora? Ci saranno libri e giocattoli sparsi dall’ingresso al bagno? Ci saranno incrostazioni sul piano cottura che dopo averle tolte mi farò ricoverare in ortopedia con la spalla slogata? Le bambine si saranno lavate? Troverò le mutande anche sui lampadari? Questi ed altri pensieri assalivano la cuoca sulla strada verso casa… Aprono le porte del castello e la prima cosa che la cuoca trova è questo:
…poi le camere in ordine, pulite, la cucina immacolata, i bagni sterilizzati…. la cuoca esce sul pianerottolo per verificare se sul campanello c’è il suo cognome o se per caso è la casa sbagliata. Le fatine tutta la mattina avevano rassettato, pulito e riordinato… Ma la cuoca in ogni caso, non si farà altri tre giorni di ospedale per la sola soddisfazione di avere la casa linda e pinta senza averci faticato dentro….
Grazie fatine mie!
Veniamo alla ricetta. La cuoca ne aveva sentito parlare su FB nel gruppo Panissimo: Luigi l’aveva inventata e Lou l’aveva rifatta…. e la doveva fare pure lei, se n’è innamorata… come si fa a non innamorarsi di un babà salato?

INGREDIENTI:

550gr di farina manitoba
250ml di latte (lui latticello)
135gr di burro
150gr di lievito madre rinfrescato sei ore prima
4 uova intere
100gr di pecorino romano grattugiato
100gr di parmigiano grattugiato
500gr di salumi a pezzetti
pepe, niente sale

PROCEDIMENTO

La sera preparare un lievitino: sciogliere il lievito madre nel latte appena tiepido e aggiungere 120gr di farina (presa dal totale), amalgamare bene fino ad avere una bella pastella liscia liscia. Sigillare con una pellicola e mettere in frigo. La mattina dopo sarà bella gonfia piena di bollicine.
Tirare fuori dal frigo e far ambientare un’oretta. Trascorso questo tempo separare gli albumi dai tuorli e mettere questi ultimi in frigo. Mettere nella planetaria con la foglia montata gli albumi e romperli, vale a dire mescolarli fino a quando staranno per montarsi. Aggiungere una parte della farina in modo da ottenere un impasto cremoso che faccia dei fili. Aggiungere delicatamente il lievitino agli albumi seguito da una cucchiaiata di farina e uno di formaggi grattugiati. Unire quindi un tuorlo, seguito da un cucchiaio di farina e uno di formaggi grattugiati, fino ad esaurire gli ingredienti, avendo cura di conservare un pò di farina per lo spolvero finale. A questo punto unire il burro a pezzetti lentamente e il pepe. Ogni tanto ribaltare la massa. Sostituire la foglia con il gancio, inserire i pezzettini di salumi e lavorare l’impasto fino ad incordatura. Mettere l’impasto in una ciotola, coprire con pellicola e mettere in frigo anche 48 ore. Trascorso questo tempo rovesciare l’impasto sul piano di lavoro, prenderne un lembo e portarlo verso il centro, girare la ciotola e ripetere, girare la ciotola e ripetere fino a quando non sarà finita la circonferenza. Lasciar riposare 5 minuti e quindi porzionare in due stampi da babà da 28cm diam. non superando i 2/3 dello stampo. Lasciar lievitare fino a quando avrà raggiunto il bordo dello stampo. Accendere il forno a 180° e infornare quando è a temperatura per circa 35′.
…e anche questa ricetta la metto in bella vista nel cortile del Castello per la raccolta Panissimo ideata da Sandra e Barbara. 
Portate tanti bei lievitati al Castello mi raccomando e metteli qui
http://www.ilcastellodipattipatti.ifood.it/2014/03/panissimo-14.html

 

 

 

 

 

Facebook Comments

77 Comments on Di ricoveri e Babà dell’apprendista pasticcione (ma con lievito madre)

  1. SugarNess
    10 Marzo 2014 at 8:43 (6 anni ago)

    Ma che brave le fatine del castello! 🙂 E la cuoca che si rimette subito all'opera con questa meraviglia di babà! Bentornata al castello… e non strapazzarti!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Marzo 2014 at 9:14 (6 anni ago)

      Il babà è stato uno spettacolo, veramente un bravissimo apprendista pasticcione quel Luigi!!! Grazie tesoro, un bascione!

      Rispondi
  2. Ilenia Meoni
    10 Marzo 2014 at 8:53 (6 anni ago)

    Bellissimo il racconto del ricovero! E bravissime le tue fatine! Sono contenta Sia andato tutto bene ! Ricetta deliziosa e risultato fantastico devo dire! Un abbraccio e ben tornata allora!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Marzo 2014 at 9:15 (6 anni ago)

      Ile era talmente stupido come intervento che non era assolutamente necessario ricoverarmi.. mi sono riposata però! Un bascione!!

      Rispondi
  3. riseofthesourdoughpreacher
    10 Marzo 2014 at 8:59 (6 anni ago)

    Che carine le tue bimbe!
    è una cannonata il babà di Luigi, bravissima per averlo declinat con il lievito madre!
    un abbraccio grande e buon post-ospedale!
    baci
    Lou

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Marzo 2014 at 9:17 (6 anni ago)

      Vero che buono? Dopo averlo visto da voi due non mi sono trattenuta!! Un bascione bella donna!

      Rispondi
  4. Luigi Parascandolo
    10 Marzo 2014 at 9:00 (6 anni ago)

    Eh beh… che posso dire, finalmente sei a casa, bella pimpante, con l'ospedale ormai solo un ricordo e fai il mio babà. Ti hanno fatto qualcosa alla testa? 😀
    Scherzi a parte, sono contentissimo per te Patty e onoratissimo!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Marzo 2014 at 9:18 (6 anni ago)

      No, avrebbero voluto…. ma non c'era speranza…. hanno preferito dedicarsi ad altro!!! 😀
      Ti ringrazio tanto anche per i messaggi dei giorni scorsi!
      un bascio!

      Rispondi
  5. Maria Teresa
    10 Marzo 2014 at 9:48 (6 anni ago)

    PattyPa…

    In un momento così delicato come quello che hai appena vissuto, sei riuscita a trasmetterci la gioia e l'allegria di sempre!!
    Bella che sei… :)))
    E le fatine??? Quanto son state dolci!! ♥♥♥

    Di questo babà salato cosa vogliamo dire??? Gnam gnam, che bontà!!
    Grazie Patty!!
    Bentornata al castello e fra di noi:))))

    Un abbraccio grande ma leggero leggero per non strapazzarti! 😉

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Marzo 2014 at 15:53 (6 anni ago)

      Nessuno strapazzo… ieri mattina me ne sono anche uscita per una lunghissima passeggiata… le bambine sono state meravigliose! <3 un bascione!

      Rispondi
  6. Dani
    10 Marzo 2014 at 10:06 (6 anni ago)

    Ecco, quasi quasi mi faccio ricoverare ogni tanto… ahahahahahahah
    Patty pure io lo voglio fare il babà salato, e Sara sabato mi porta il lievito madre, così ci rispovo! Vediamo un pò se stavolta riesco a non ammazzarlo 😛

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Marzo 2014 at 15:54 (6 anni ago)

      No e ti prego e nun lo fà murì di nuovo!!!! In bocca al lupo e che bello ci vediamo sabato! Un bascione!!

      Rispondi
  7. Isabella M.
    10 Marzo 2014 at 10:13 (6 anni ago)

    Sei unica al mondo solo tu riesci a farci ridere anche in un occasione cosi' !!! Tu sei veramente positiva e il principe e le fatine sono davvero fortunati! Il tuo baba' rustico mi piace troppo appena ci riesco lo preparo! Ti abbraccio forte cuoca e in bocca al lupo per tutto :*

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Marzo 2014 at 15:55 (6 anni ago)

      Grazie Isabè… ma ti assicuro che ci sono personaggi che pur in un momento particolare li osservo e muoio dal ridere… le tirocinanti… uno spettacolo!! Un bascione!

      Rispondi
    • Isabella M.
      10 Marzo 2014 at 16:09 (6 anni ago)

      A te Patti e' andata bene alla mia vicina di casa che si e' operata di emorroidi e' andata maluccio….si e' ritrovata sdraiata sul lettino con un esercito di ventenni che le osservavano il punto da operare,poverina e' ancora scossa se ci ripensa, una vergogna!! Un bacione grande a te cara ;)))

      Rispondi
    • Isabella M.
      10 Marzo 2014 at 16:11 (6 anni ago)

      …..quasi tutti maschietti poi eheheh quanto mi veniva da ridere quando me lo ha raccontato ;))))

      Rispondi
  8. Valentina Profumo di cannella e cioccolato
    10 Marzo 2014 at 10:28 (6 anni ago)

    Felice sia andato tutto bene!! dal tuo resoconte sembravi così tranquilla.. ma come hai fatto?? io avrei avuto l'ansia a mille!! sembrava il racconto di una vacanza.. ovviamente non lo era!! 😉
    Buonissimo il babà rustico.. non l'avevo mai sentito!!
    buon lunedì!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Marzo 2014 at 15:57 (6 anni ago)

      Vale in realtà anche io avevo l'ansia e non vedevo l'ora che venisse il momento in cui l'operazione fosse passata… Mica ho sempre il sangue freddo, ma come si dice: ero in ballo e dovevo ballare… E' buonissimo questo babà! Un bascione!!

      Rispondi
  9. sandra pilacchi
    10 Marzo 2014 at 10:47 (6 anni ago)

    mi toccherà farlo anche a me questo babà!
    ma allora perche non ti fai delle belle vacanze ogni tanto?
    io ho posto, se ti interessa… tu vieni da me e loro mettono a posto e puliscono!!!!
    ciao tesoro, rimettiti subito subito!!!
    baci grossi
    Sandra

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Marzo 2014 at 16:04 (6 anni ago)

      Sandra magari…. non sono abituata a lasciarli e non ti nego che è stata una delle cose che più mi sono pesate…. Mi sa che per onor di panissimo ti tocca rifarlo! Un bascione

      Rispondi
  10. stelle d'oriente
    10 Marzo 2014 at 11:00 (6 anni ago)

    Grande l'amica mia!!!! Bellissima anche in vestaglia e ciabattine!!!
    Il babà è da fare, aspetto il lievito madre ma solo dopo aver fatto lievitare "i cosi" di cui ti parlavo stamane …. 😀

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Marzo 2014 at 16:06 (6 anni ago)

      Bella…. tu si che puoi dire com'ero fascinosa vestita da degente!!!! Nun me ce fa penzà alla tue colture!!! Un bascione!

      Rispondi
    • Mirka
      14 Marzo 2014 at 10:08 (6 anni ago)

      Tesoro ma com'è che la pasta madre s'è inacidita e la mistura misteriosa si conserva e non accenna a marcire? Ho capito fingerò di preparare dei panini per i bettini!!!!
      😀

      Rispondi
  11. Luca Monica
    10 Marzo 2014 at 11:05 (6 anni ago)

    Ma sei una grande donna…riesci a farmi ridere sempre…come vorrei ridurre quei 676 km…
    mi hai fatto morire da ridere "Non so se mi posso permettere, ma su quello rosso c'è scritto braccio destro e su quello giallo braccio sinistro… può aiutare?" e la loro risposta mi ha fatto venir da piangere… Come stai stellina??!! Felice di sentire che sei tranquilla nella tua casetta…come nuova!!! Non ti stancare comunque troppo anche se era un piccolo intervento…sempre un intervento è stato…quindi fatti ancora qualche giorno tranquillo…volevo chiamarti ma poi ho capito di cosa parlavi da me così ti ho lasciato tranquilla… Fantastico il babà salato…ma prima voglio fare quello dolce!!!

    Un abbraccio super stritoloso a tutto il castello…hai visto che brave le fatine!!!
    moni

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Marzo 2014 at 16:14 (6 anni ago)

      Monica ma sai quanto mi farebbe bene la riduzione chilometrica? L'intervento è quello di cui parlammo a dicembre, mi hanno chiamata solo la settimana scorsa… ma sono tranquillissima.. Ieri mattina me ne sono uscita per una bellissima e lunghissima passeggiata alla Reggia con il gruppo di fotografi e mi sono pure divertita tanto!!! Un bascione forte forte forte!!!

      Rispondi
  12. SimoCuriosa
    10 Marzo 2014 at 11:15 (6 anni ago)

    ahahaha avrei voluto vederti mentre quella signora ti diceva che siamo di passaggio!
    non mi parlare di tirocinanti, quando partorii mio figlio (cesareo) mi stavano per mettere la flebo di quella accanto.. e per non parlare dei prelievi di sangue (io ho un po di problemi per vene profonde)..era diventato un incubo la mattina…facevano a turno una dopo l'altra perchè non riuscivano.. 🙁
    buona convalescenza e questo babà ti tirerà sicuramente su
    un baScione e un abbraccio grande

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Marzo 2014 at 16:15 (6 anni ago)

      Allora anche tu sei vittima delle tirocinanti.. non sono l'unica!! 😀 In realtà è finito… 😀 Un bascione grandissimo!

      Rispondi
  13. Ely Valsecchi
    10 Marzo 2014 at 11:55 (6 anni ago)

    Eh brava la nostra cuoca che per evadere dalla solita routine rumorosa si va una vacanza in ospedale :-), spero tutto sia ok adesso :-).
    Che meraviglia questo babà è che ripieno goloso, mi piace l'idea del salato 🙂
    Un bacione

    Rispondi
  14. Michela
    10 Marzo 2014 at 12:37 (6 anni ago)

    Sono felice di sentirti serena….e che dire? forse dovresti mandare più spesso da casa se questi sono i risultati 😀 magari non per l'ospedale, eh! Fai a farti un giro 😀 ahahahha
    Sei stupenda Patty! Adoro leggerti pure quando mi racconti di ospedali 😀

    E del babà di Gigi? Che meraviglia…non so che darei per assaggiarlo, mannaggia a mort! 😀

    Ti abbraccio stretta, Patty, ti voglio bene :* <3

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Marzo 2014 at 16:22 (6 anni ago)

      Michè… per il babà che problema c'è? Ce lo rifacciamo insieme un giorno di questi.. che dici?? Gli ospedali sono luoghi incredibili dove osservare personaggi a volte talmente grotteschi nelle loro esternazioni… Comunque non ho intenzione di andarci più per un bel pò!!! Un bascione tesoro bello!!!

      Rispondi
  15. Immacolata Cuorvo
    10 Marzo 2014 at 13:57 (6 anni ago)

    Ciao tesoro come va ? Accipicchia bel luogo per rilassarsi e poi hai avuto una compagna di stanza ideale…quella che tutti vorrebbero avere prima di un intervento!!!! Cmq ti faccio tanti complimenti per la tua ricetta che è gustosissima e tanti auguri per la tua convalescenza. Un bascione immenso

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Marzo 2014 at 16:23 (6 anni ago)

      Porella era tanto buona e quando sono rientrata in camera si è fatta in quattro per aiutarmi a vestirmi e sistemarmi… ma porca paletta com'era pessimista… Grazie per il tuo bascio… ricambio schioccamente! un bascione

      Rispondi
  16. Anonimo
    10 Marzo 2014 at 14:29 (6 anni ago)

    Bentornata a casa, Patty cara! Il castello e noi lettrici abbiamo bisogno di te, del tuo ottimismo, delle tue ricette, della tua serenità. Baci baci velia

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Marzo 2014 at 16:30 (6 anni ago)

      Velia bella!!!!! Grazie, che bello leggerti!!! L'ottimismo non cala, assolutamente! Anche se a dicembre ha avuto dei forti sbandamenti… Ho avuto più l'ansia di farmi gli esami preliminari che l'operazione … che baccalà!! Ma ora sono qui e vado avanti! Con serenità… 😀
      Un bascione fortissimo!

      Rispondi
  17. Erica Di Paolo
    10 Marzo 2014 at 14:30 (6 anni ago)

    Non sono mamma, non sono zia, ma quel biglietto mi ha letteralmente commosso. Tu hai il potere di farmi passare dalle risate alle lacrime (di gioia, preciso :D) in un baleno. E poi di deliziarmi con le tue manine magiche.
    Sei strepitosa Patty. Qualsiasi sia stato il tuo intervento, vedi di riguardarti e di non strafare. Faccio la morale a te, perché me la sono sentita fare anche io, nel mio appena passato post intervento ^_^ E aggiungo anche che io, tanto brava, non lo sono neanche stata, ahahahahahah!!
    Grande Patty, un bacione immenso.

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Marzo 2014 at 16:33 (6 anni ago)

      Ma sei una donna e anche molto sensibile… non ti nego che quel biglietto ha commosso anche me e ora è in bella vista attaccato sul frigo… non ho strascichi e sto benissimo… avevo solo bisogno di fare una luuuuuuuunga doccia!! 😀
      Un bascione tesoro mio!!

      Rispondi
  18. Simona Mirto
    10 Marzo 2014 at 14:58 (6 anni ago)

    Bella amica mia:* sono felice che tutto sia andato per il meglio… leggo che l'intervento era banalissimo quindi meglio ancora… 😉
    Rientrare a casa poi e trovare per incanto tutto in ordine, pulito e sistemato non ha prezzo… le tue piccole donne crescono :*
    Il babà rustico lo conosco bene .. è uno spettacolo… lo preparo con lievito di birra… quando mi organizzerò con la pasta madre saperò dove sbirciare…. complimenti :* ti abbraccio stella:*

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Marzo 2014 at 16:35 (6 anni ago)

      Le piccoline si fanno grandi e autonome… e responsabili soprattutto! Se ci sei alla Boscolo te la posso portare io.. che dici? Un bascione!

      Rispondi
  19. marina riccitelli
    10 Marzo 2014 at 16:16 (6 anni ago)

    Inizio subito dicendoti che il babà è nù babbà!!!!ammazza che bello ci credo che andava rifatto e rifatto…e rifatto…e rifatto…!!! Mi fa piacere che tutto sia finito bene e ti rassicuro sugli sfondi e i sottofondi ospedalieri… anche a me sono successe più o meno le stesse cose, ma come mai si incontrano sempre compagne di stanza e di stanza accanto che fanno a gara a chi è più sfigata? Io in ospedale mi sono sempre sentita fortunata perche le vicine stavano tutte peggio di me… Potresti avere la cosa più brutta ma c'è sempre qualcuno che ce l'ha più brutta della tua!!! Comunque bentornata al castello sempre più bello!!! Bacioni mia cara!!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Marzo 2014 at 16:41 (6 anni ago)

      Questa vicenda di "Io sto peggio di te" l'ho vissuta con i tre parti… le altre avevano sempre quel quid in più per stare male, malissimo… sull'orlo del baratro… e guai a dire il contrario! Ti bascio forte forte Mari!!

      Rispondi
  20. consuelo tognetti
    10 Marzo 2014 at 17:45 (6 anni ago)

    Mamma mia tesoro che esperienza O__O meno male che tutto è andato bene e la sorpresa che ti ha aspettato al castello deve essere stata compensativo di tutto il "travaglio" 😀
    Deliziosa la tua ricetta..ma dove trovi tutti queste energie??? 6 una vera wonder woman ^_*

    Rispondi
  21. edvige
    10 Marzo 2014 at 17:56 (6 anni ago)

    Bentornata e meravigliose le fatine come meraviglioso il babà. Qunado sono stata io 12 anni fa nel reparto cardiologico porca miseria gli infernieri tutti uomini e…plaestrati. Un vergogna farsi pulire ecc. perchè impossibilitata a muovermi per tutti i cavi cavetti ecc… ancora oggi se ci penso mi viene da arrosire fortuna che almeno avevo 58 e non i 70 di oggi…magra consolazione.
    Un abbraccio forte e buona settimana.

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      11 Marzo 2014 at 10:02 (6 anni ago)

      Grazie tesoro…. l'unica è pensare che loro sono più che abituati…. vabbè però l'effetto palestrato non guasta… no? Il barelliere che mi ha portato in sala era enooooooorme cone delle manine piiiiiiiiiccole…. 😀 Grazie, un bascione forte!

      Rispondi
  22. Enrica - Vado...in CUCINA
    10 Marzo 2014 at 20:08 (6 anni ago)

    soprassediamo sulla ricetta golosissima, il rientro a casa è stato stupefacente, mentre meno male che la tua amica ti ha salvato dalla vicina di letto. buona serata

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      11 Marzo 2014 at 10:04 (6 anni ago)

      La mia amica è un fenomeno… è passata tutte e due le sere sacrificando tempo prezioso per la sua famiglia… io l'adoro!!! Un bascione!!

      Rispondi
  23. Cristina D.
    10 Marzo 2014 at 22:51 (6 anni ago)

    Non so se ho riso di più per la vestaglia sformata e la ciavatta strascicante o per la "porta iella" che avevi accanto o per il "morta non sono". Sei uno spasso senza eguali ! Che tenere le fatine ! Tantissimo bene ti vogliono. Ma il babà mica l'avrai fatto al ritorno…vero ?!?!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      11 Marzo 2014 at 10:08 (6 anni ago)

      No Cri… lo avevo fatto prima di andare…. ma già ho fatto il pane… non riesco a stare lontana dal criaturo del frigo… 😀 Grazie Cri e un bascione anche a te….

      Rispondi
  24. terry giannotta
    11 Marzo 2014 at 7:32 (6 anni ago)

    Bentornata cuoca del mio cuore!!! Mi ero spaventata l'altro giorno, dopo il tuo messaggio su fb in cui dicevi di essere in ospedale, meno male … niente di grave. Come al solito riesci a farmi ridere anche nel racconto di un intervento all'ospedale!! Hai visto le fatine che brave? Questo babà è favoloso, me lo sono salvata anche io, prima o poi lo faccio. Ti è venuto benissimo e immagino anche la bontà.
    Un abbraccio stritoloso, senza farti male però ♥

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      11 Marzo 2014 at 10:11 (6 anni ago)

      No Terry nessuna paura, io sono indistruttibile, ogni tanto ci provano a buttarmi giù ma non ci riescono….Le fatine sono state meravigliose, non me lo aspettavo!!! Ti bascio forte forte anche io!!!

      Rispondi
  25. Miky
    11 Marzo 2014 at 8:13 (6 anni ago)

    Allora non so da dove cominciare a commentare il tuo post! Forse dall'ortibile camice verde? Ahimè anche a me è toccata la gioia di indossarlo 🙁
    Comunque l'importante è che la cuoca ora stia bene e sia tornata al castello x farci ammorare ancora le sue delizie in cucina 😉
    Le tue fatine sono state bravissime <3 e molto dolci!
    Un bacio Patty
    Miky

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      11 Marzo 2014 at 10:14 (6 anni ago)

      Grazie tesoro…. sono tornata e non ho più l'intenzione di reindossare il mostruoso camice!!! Si le bambine sono state veramente splendide!!! Un bascione tesoro!!

      Rispondi
  26. Antonietta
    11 Marzo 2014 at 13:17 (6 anni ago)

    Bentornata al castello Patty e complimenti per il babå

    Rispondi
  27. speedy70
    11 Marzo 2014 at 14:03 (6 anni ago)

    Bentornata cara, leggerti è uno spasso!!!!! Ghiottissimo il babà, ti abbraccio!!!!!

    Rispondi
  28. Gloria Baker
    11 Marzo 2014 at 22:22 (6 anni ago)

    Love this Baba rustico! look amazing!
    un abbraccio!

    Rispondi
  29. Antonella
    12 Marzo 2014 at 12:40 (6 anni ago)

    Ciao Patty, bentornata! Spero che tu stia meglio. Bravissime le piccole fatine e il tuo babà rustico è .. troppo invitante!! Baci e rimettiti presto.

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      14 Marzo 2014 at 11:19 (6 anni ago)

      Antonella ora tutto va bene, sto molto meglio (in realtà non sono mai stata male, questa è la cosa più bella!)… Ti ringrazio tantissimo!!! Un bascione

      Rispondi
  30. Unafettadiparadiso
    12 Marzo 2014 at 15:59 (6 anni ago)

    felice di saperti in salute e che la casa non sia andata a fuoco, mi godo il tuo babà e mi rimbocco le maniche per eventuali future letture nel tuo super blog…
    un abbraccio
    Vale

    Rispondi
  31. Silvia- Perle ai Porchy
    12 Marzo 2014 at 21:00 (6 anni ago)

    Ma Patty, spero davvero sia stata una cosa da null, mica farai preoccupare le vecchie galline?? Che carine le tue piccole!!! Davvero!!! E comunque si, eri drogata ahahahahaha!! Baciniiii

    Rispondi
  32. Vaty ♪
    12 Marzo 2014 at 21:02 (6 anni ago)

    Ti ho letto con un po di magone.. Stare via da casa non è mai bello.. E se si è in ospedale meno.. Però quando si torna e si trova così tanto amore , e' veram commovente.. Le tue bimbe sono speciali perché hanno una mamma speciale..
    No, non hai sbagliato campanello.. È che hai creato un regno e anche se la regina manca, non sarà meno incantato di prima.
    Ti voglio bene Patty ❤

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      14 Marzo 2014 at 11:25 (6 anni ago)

      Bella che parole meravigliose che mi hai detto…. non vedo l'ora di abbracciarti… Domani!!! Un bascione!

      Rispondi
  33. Chiarapassion
    12 Marzo 2014 at 22:05 (6 anni ago)

    Patty spero che ora sia tutto ok ed hai visto che brave le tue fatine? Ma con una mamma come te non poteva essere diversamente.
    Il babà rustico lo amo tanto ed il tuo è molto invitante.
    Dolce notte
    Enrica

    Rispondi
  34. lagreg74
    12 Marzo 2014 at 22:46 (6 anni ago)

    Bentornata a casa Patty…bravissime le tue fatine ed il tuo principe a farti trovare la casa in ordine…e bellissimo questo babà

    A presto
    Silvia

    Rispondi
  35. Giovanna
    13 Marzo 2014 at 14:06 (6 anni ago)

    Che bello prendere le cose con tranquillità come fai tu. Ci sono persone che, per un colpo di tosse, si lamentano per ore.
    Il tuo post è un concentrato di energia e serenità. Ma anche di golosità, il baba' rustico lo adoro,
    Un bacio

    Rispondi
  36. ilcastellodipattipatti
    14 Marzo 2014 at 11:32 (6 anni ago)

    Giò è perchè io penso: "Se mi agito le cose migliorano? No, e allora tanto vale stare sereni!"… ti ringrazio, un bascione!

    Rispondi
  37. An Lullaby
    14 Marzo 2014 at 22:31 (6 anni ago)

    Oh *_* che dolci le tue fatine *_* Ahaha certo rassicurante la compagna di stanza è? 🙂 Una simpaticona 😀
    Questo babù rustico è la fine del mondo, così alto e soffice 🙂 Buonissimo!
    Tanti baci

    Rispondi
  38. Silvia
    17 Marzo 2014 at 10:43 (6 anni ago)

    Ma tu sei uno spasso anche dall'ospedale?!?

    Questo babà rustico me lo faccio di sicuro!!!

    Ciao Patty!

    Rispondi
  39. Lawanda
    18 Maggio 2016 at 5:35 (3 anni ago)

    yo solo kiero decirte que tengas suerte, y el ser entrenador tambien conlleva estas sitcuaiones que a nadie le gusta pasar.pero tambien recordar que no es solo hacer piña, jugar bien, si no los resultados mandan en esto del futbol y si no llegan hay esta este resultado cese del entrenador.

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.