Ogni tanto la cuoca torna bambina… non nel senso che gioca con le bambole, quello lo fa ogni giorno con la fatina Ma e capisce che l’età non c’è più. Nel senso che fa dei tuffi nel passato e spesso riemerge da quei ricordi con delle cose buone.
Chi conosce la cuoca, nel leggere quanto segue rischierà un attacco cardiaco per le grasse risate, ma che ci crediate o no, la cuoca da bambina era inappetente e sottopeso.
Vabbuò, state ancora ridendo? Io fino a quando non avete finito non vado avanti.
….

Ok. Allora dicevamo. In uno dei suoi voli a ritroso nel tempo, la cuoca si è ricordata di quando le strade del borgo dove passava (e dove tutt’ora le trascorre) le vacanze erano ancora sterrate, l’asfalto ancora non era arrivato. Non c’erano macchine è vero, al massimo il trattore di Tugnin o di Pidrett, ma ciò comportava un consistente numero di ginocchia e gomiti sbucciati durante l’estate, conseguenza di corse finite male all’improvviso sul brecciolino, e che venivano sommariamente sciacquate, senza passare da mamma, che altrimenti dava il resto, nel lavatoio dove le donne portavano i panni. Erano quelle corse da una parte all’altra del borgo, da un campo ad un altro, dall’aia di tizio a quella di sempronio a dare il senso di libertà fondamentale per un bambino e che oggi manca.

Durante quei movimentatissimi pomeriggi, attraverso la canicola che minimamente affievoliva l’energia della cuoca e del gruppo di bambini con cui giocava, si sentivano i loro nomi urlati dalle madri per richiamarli per lo spuntino di metà pomeriggio… se le grida non arrivavano a destinazione partiva il tam tam delle ‘zdore: “Và chesa che la tua mamma chiama”… I decibel della voce materna che raggiungeva le orecchie dei bambini una volta giunti a destinazione era doppiamente proporzionale al numero delle ‘zdore che per strada avevano avvertito i latitanti: “Sei sempre in giro, una zingara, guardati: tutta sudata, la maglietta sporca, la faccia piena di terra… I piedi, ma ti sei vista i piedi? …” e via così, ma contemporaneamente la mano della mamma allungava quella che oggi la cuoca considera una delizia, ma che allora era un supplizio: la merenda. Va da sè, che se per caso la merenda veniva recapitata direttamente dalla madre, la mano che non recava la stessa si appiccicava violentemente sulla guancia del malcapitato che aveva preferito ignorare i richiami del destino e non solo.Che malinconia… Pane burro e zucchero, pane e marmellata (spesso calda, appena fatta), le albicocche sciroppate, i fichi sul pane tostato… tutta roba home made… non c’era altra scelta. Ma la cosa su cui la cuoca oggi si butterebbe a capofitto, era la spianata, una focaccia tipicamente romagnola, con la crema di nocciole, quel matrimonio fra il salato e il dolce, la morbidezza, i denti impastati …. ma la Regina Madre l’aveva avvertita: “Con tutto quello che mi fai penare per mangiare due bocconi stai pur certa che quando un giorno ti verrà fame, ti nasconderò il pane”…

… e così è stato, solo che la cuoca poi quel pane lo ha trovato… e da allora non ha più smesso di mangiarlo…Queste girelle sono ottime con qualsiasi affettato, formaggio o marmellata, in onore dei vecchi tempi, la cuoca le ha farcite con la crema di nocciole…. buonissime!!!

 

 

 

 

INGREDIENTI

400gr di farina (+ forse ancora un pò)
250ml di acqua
60gr di strutto (o 40ml di olio)
50gr di lievito madre rinfrescato da quattro ore
1 cucchiaino di zucchero
10gr di sale
1 rametto di rosmarino
olio+acqua per spennellare

 

PROCEDIMENTO

Far intiepidire l’acqua in una capiente ciotola e scioglierci il lievito madre e lo zucchero. Aggiungere lo strutto (o l’olio) e pian piano la farina, lavorando e sciogliendo i grumetti che la farina tenderà a produrre. Incorporare il sale e finire di aggiungere la farina. Rovesciare l’impasto sul piano di lavoro e lavorare fino ad ottenere una massa liscia e morbida (ce ci si riesce è meglio non aggiungere farina). Far riposare mezz’ora, riprendere l’impasto e lavorarlo ancora un pò. Ungere leggermente una ciotola e metterci l’impasto, quindi coprire con una pellicola e dopo circa un ora mettere in frigo per 12 ore. Trascorso questo tempo tirare fuori dal frigo l’impasto e farlo ambientare per un’oretta, quindi stenderlo in una sfoglia spessa 1/2 centimetro. Spennellare con un pò di olio e soplverizzare con il rosmarino. Arrotolare su se stesso e tagliare 10 fette piuttosto spesse, si otterranno le girelle. Foderare una placca con carta forno e disporre le 10 girelle orizzontalmente. Far lievitare fino al raddoppio (occorranno circa quattro ore), accendere il forno a 180° con il grill e infornare quando sono a temperatura per 20′.
Sfornare e far raffreddare su una gratella. Quando sono fredde farcire a piacere.

Queste girelle sono per la raccolta #21 di Panissimo ideata dalla mia amica Pilacchi, di “Sono io Sandra” e da Barbara di Bread and Companatico, che per settembre trovate da Sandra

 

Facebook Comments

45 Comments on Girelle di spianata con lievito madre

  1. www.mipiacemifabene.com
    17 Settembre 2014 at 9:54 (5 anni ago)

    La mia bella Patty Patty! Sei stata vicino a casa mia per tanto tempo e mi sei sfuggita così, senza neanche un abbraccio… Lo so che non è facile incastrare tutte le cose ma questa volta almeno ci siamo andate vicine a incontrarci 😉 Se non altro ci siamo mandate un sacco di messaggi con wazzup 😉 La prossima volta ce la faremo lo so! Io quest'anno detengo un record… Non sono andata in spiaggia neanche una volta! Spero che il tuo soggiorno Riminese sia stato piacevole e il rientro sia andato bene 🙂 Vedo che ti sei messa subito al lavoro! Queste spianate girelle mi fanno impazzire! BravaBravissima Patty! Un bacione e a presto
    Federica 🙂

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      17 Settembre 2014 at 11:21 (5 anni ago)

      Si, l'anno prossimo ci dobbiamo riuscire!!! Confido nel fatto che Matilde più grande sarà più calma e la posso lasciare più a cuor leggero… Il soggiorno riminese è sempre meraviglioso… io non sostante tutto là mi rigenero… Un bascione cara e grazie!

      Rispondi
  2. sandra pilacchi
    17 Settembre 2014 at 10:12 (5 anni ago)

    ooooooooooooooooo! rieccoci finalmente. ricomincia la scuola riappare la Patty!!
    bella vita tu che fai le vacanze estive in romagna, con tutte quelle meraviglie alimentari!
    non ci si crede, che tu eri inappetente da piccola: e che lo ero pure io ci si puo' credere?
    ma saranno mica state due marziane che avevano preso il nostro posto da bambine?
    ma, io una girellina con la marmellata calda me la farei volentieri, no, di più che volentieri!
    come sono contenta che sei tornata!
    Sandra

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      17 Settembre 2014 at 11:23 (5 anni ago)

      Tutte quelle delizie alimentari romagnole mi hanno fatto pienamente riprendere tutto quello che a fatica avevo perso prima dell'estate… ben mi sta, la prossima volta sto più attenta…
      Son contenta che sei contenta! Un bascio!

      Rispondi
    • sandra pilacchi
      19 Settembre 2014 at 9:25 (5 anni ago)

      allora siamo tutte contente… e per i kg perduti e ritrovati: bisogna fare festa, come con il figlio prodigo, da retta, non si puo' mica vivere una vita di privazioni!!!!!
      come dice il grandi Gino Strada: voglio vivere da sano e morire da malato e non viceversa!

      Rispondi
  3. Giorgia Riccardi
    17 Settembre 2014 at 10:18 (5 anni ago)

    meraviglia delle meraviglie patty! Ne vorrei una proprio adesso :*

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      17 Settembre 2014 at 11:24 (5 anni ago)

      Fai attenzione ai desideri!!!! 😀 Ci fossero disponibili passerei da te a consegnartele! Un bascione!

      Rispondi
  4. Maria Teresa
    17 Settembre 2014 at 10:19 (5 anni ago)

    PattyPaaaaaaaaaaaa!!!!

    Finalmente!!!
    Finalmente riesco a passare a salutarti e a darti i mio bentornata al castello!!! :))))))))))

    E che rientro… :-OOO
    Giusto ieri, passando da un'altra amica foodblogger, mentre leggevo il suo post un ingrediente mi ha riportata indietro di circa 30 anni…, quando ero bimbetta!!!

    Ed ora, trovare questo tuo racconto così bello ed emozionante, mi fa sorridere ebetemente (si può dire???) e mi fa immaginare quanto dovevi essere bellina con la faccia ed i piedi inzaccherati di terra… :DDDDD

    Ed i decibel della voce materna???? Mi han fatto morire!!!!! Ahahahaahahahhhaahahhahaha

    E poi c'è questa merenda… dal sapore speciale perché condita dai tuoi meravigliosi ricordi e perché ad un lievitato del genere come si fa a dire di no??? ;))

    Patty!!
    Grazie per la ricetta e per averci regalato, come sempre, un momento di dolcezza, di allegria e di bontà!!!

    Ti abbraccio forte forte forte :)))))))

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      17 Settembre 2014 at 11:29 (5 anni ago)

      …. e manco te lo sto a raccontare che spettacolo indecente ero tutta sporca di polvere, terra, … ma sono contenta che il mio tuffo nel passato ti abbia fatto sorridere! Un bascione tesoro bello!

      Rispondi
  5. paneamoreceliachia
    17 Settembre 2014 at 10:44 (5 anni ago)

    Patty sei una tentatrice. Ora vorrei tanto rifarle…in realtà avrei più voglia di addentarne una al volo invece mi tocca faticare, però che soddisfazione! Sono venute meravigliose! Gnammete!!!
    Buona giornata.
    Alice

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      17 Settembre 2014 at 11:29 (5 anni ago)

      Grazie Alice,… di solito non mi lodo e mi imbrodo ma sono venute proprio una bellezza! Un bascione!!!

      Rispondi
  6. Antonella
    17 Settembre 2014 at 11:02 (5 anni ago)

    Ciao cara Patty, anche io da piccola non mangiavo niente ma davvero niente, incredibile. Queste girelle sono una meraviglia, io scelgo la versione con l'olio e le provo subito. Baci e a presto!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      17 Settembre 2014 at 15:46 (5 anni ago)

      Antonella, le ho fatte anche io con l'olio,ma avevo paura che i puristi della spianata mi avrebbero mozzato le mani se avessi nominato la parola olio durante la lavorazione della spianata… Un bascio e grazie!

      Rispondi
  7. i Pasticci di Terry
    17 Settembre 2014 at 11:18 (5 anni ago)

    Che metavigliaaaaaa! Mi piace un sacco anche la forma, bella bella! Quanto mi sei mancata…. quanto mi sono mancati i tuoi racconti! Condivido tutto; ginocchia e sgridate annesse. Solo che io sono sempre stata una gran mangiona, mia mamma doveva nascondermi il cibo. Nonostante tutto ero magrissimaaaa! Lo so, mi odi

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      17 Settembre 2014 at 15:47 (5 anni ago)

      Si ti odio… io ingrasso anche respirando l'aria…. va bene, sei tu, non ti odierò tanto tanto!!! Come ti trovi lassù? Un bascione!!!

      Rispondi
  8. Cucina Teorica
    17 Settembre 2014 at 13:04 (5 anni ago)

    Bellissimo questo amarcord nell'infanzia! Mi sarebbe piaciuto di più vivere in un borgo ed essere chiamata da una rezdora per fare merenda…mi piace l'immagine della mamma che prepara una fetta di pane con la marmellata appena fatta, calda
    Queste girelle sono bellissime e mi fanno una gola tremenda (per non parlare della farcitura).
    Ciao Isabel

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      17 Settembre 2014 at 15:50 (5 anni ago)

      Si Isabel, ma dovevi vedere mentre la preparava quanto era incazzata!!! Con quell'occhio fisso… ma tanto dolce!!! Oggi la mamma di un'amichetto di Flavia mi ha chiesto quanto durassero… una decina? Massimo cinque minuti!! Un bascione!

      Rispondi
  9. sississima
    17 Settembre 2014 at 13:27 (5 anni ago)

    quanto mi piacciono queste girelle, magari le provo ma senza lievito madre, un abbraccio SILVIA

    Rispondi
  10. consuelo tognetti
    17 Settembre 2014 at 20:06 (5 anni ago)

    Che bellissimi ricordi che hai condiviso oggi con noi..grazie Patty e complimenti anche x queste strepitose girelle, 6 un portento!

    Rispondi
  11. Erica Di Paolo
    18 Settembre 2014 at 8:59 (5 anni ago)

    Le merende, e chi se le dimentica!!!!! Pane e Nutella o, la mia preferita di tutti i tempi, pane olio e zucchero ^_^ Quanti ricordi hai risvegliato! Io non amavo la marmellata, ma quei panini che si inzuppavano di confettura alle prugne, rigorosamente fatta in casa, erano insuperabili ^_^
    Buonissime le tue girelle, buone farcite in qualsivoglia modo. Grande Patty, un bel gioco, quello di oggi. Tornare bambini, ogni tanto, ci rende più sereni e più forti. Bravissima!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      19 Settembre 2014 at 10:16 (5 anni ago)

      Erica che belle parole che mi hai detto… mi hai commossa! Ti bascio forte forte!!

      Rispondi
  12. Mila
    18 Settembre 2014 at 9:24 (5 anni ago)

    Se me ne passi una voglio subito tornare bambina, ti prometto che ti lascio giocare con le mie bambole!!!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      19 Settembre 2014 at 10:17 (5 anni ago)

      Va benissimo Mila…. poi dopo aver giocato ti faccio il gelato a puffetta!!! Un bascione!

      Rispondi
  13. Mimma Morana
    18 Settembre 2014 at 14:22 (5 anni ago)

    Pattyyyyyyyyyyyy!!!! tesoro!!! quanto mi sei mancata!!!!! ma adesso sei tornata , alla grandissima!!!!! meravigliosa questa girella!!!! un bacione!!!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      19 Settembre 2014 at 10:18 (5 anni ago)

      Grazie Mimma… il fatto di esservi mancata stuzzica il mio orgoglio! Grazie, un bascione!

      Rispondi
  14. giovanna pisano
    18 Settembre 2014 at 14:59 (5 anni ago)

    ahahhah Patty sei sempre fortissima, queste girelle sono fantastiche già a guardarle non oso immaginare il sapore….mmmmmm

    Rispondi
  15. Gaia Sera
    18 Settembre 2014 at 16:29 (5 anni ago)

    Le tue girelle sono assolutamente da bava alla bocca Patty. Possibile che una riesca a moderarsi con ricette come questa? 🙁

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      19 Settembre 2014 at 10:19 (5 anni ago)

      No, non ce la si fa… bisogna farne poche in partenza…. 😀 Un bascione!

      Rispondi
  16. Michela
    19 Settembre 2014 at 5:16 (5 anni ago)

    Che bella ricetta Patty! E anche con un bel riposo in frigo..chissà che buone!
    Non so cosa darei per tornare ai tempi dei richiami per la merenda…l'età più bella.
    Quanta vita c'era da prendere fuori…

    Bentornata ancora, Patty!! <3

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      19 Settembre 2014 at 10:20 (5 anni ago)

      Michè quanto eravamo liberi… io poi cercavo di approfittare perchè poi l'inverno lo passavo rinchiusa nel grande castello… Un bascione!!

      Rispondi
  17. Silvia- Perle ai Porchy
    20 Settembre 2014 at 16:55 (4 anni ago)

    Le ho viste su fb!! Belle belle e sai che buone!! Poi mi hai fatto pensare a quando la via di casa dei miei era sterrata e la chiamavamo "strada dei sassi". Ora è a praticelli verdi e staccionate.. 🙁

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      22 Settembre 2014 at 14:46 (4 anni ago)

      La stradina che descrivi è rimasta carina… la nostra è sempre "bella" perchè il borgo è bello, ma il fatto che sia asfaltata mi tocca in fronte!! Un bascione tesoro!

      Rispondi
  18. Gaudio (Franci)
    21 Settembre 2014 at 7:49 (4 anni ago)

    Ciao! Sono bellissime queste girelle!
    La sfoglia l'hai stesa a mano o col mattarello?
    E per quanto tempo devono cuocere in forno? Sempre col grill?
    Grazie!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      22 Settembre 2014 at 14:49 (4 anni ago)

      Ciao Franci, scusami se ti rispondo tanto in ritardo… allora la sfoglia l'ho stesa col mattarello, non sottile e siccome l'aria da dentro col mattarello esce fa la seconda lievitazione farcita. Hai ragione da brava storditona ho scordato di dare il tempo di cottura: 20 minuti, si sempre con il grill, altrimenti si cuociono ma restano anemiche. Ora correggo! Un bascione cara e grazie!

      Rispondi
  19. Beatrice Rossi
    21 Settembre 2014 at 15:01 (4 anni ago)

    Finalmente riesco a passare!! Innanzi tutto ben tornata!! Ho seguito il tuo consiglio e visitato la spiaggia rosa con le sue acque cristalline… molto bella! Peccato che fosse fin troppo affollata 🙁

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      22 Settembre 2014 at 14:52 (4 anni ago)

      Bea quando siamo andati noi non solo era affollatissima, ma tirava un vento che dopo un paio d'ore siamo dovuti scappare, non si poteva stare… ma in quelle due ore me la sono fotografata in tutte le salse!…. Fantastica! Un bascione tesoro!

      Rispondi
  20. gwendy
    22 Settembre 2014 at 16:43 (4 anni ago)

    ma che buone queste girelle farcite con la Nutella!!!!Mi ricordano la mia infanzia quando guardavo bimbumbam anche se allora non erano girelle sfiziose come le tue ma semplici fette di pane!!!
    Tanti baci cara Patty

    Rispondi
  21. Enrica - Vado...in CUCINA
    23 Settembre 2014 at 6:37 (4 anni ago)

    ciao Patty che bel colore hanno queste girelle, poi con questo ripieno ne farei indigestione baci

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.