Questo mese, la raccolta di Panissimo è dedicata ai pani etnici, cioè tutto quanto sia pane extraeuropeo. La cuoca si sta divertendo molto cercando ricette tipiche, anche perchè ogni pane ha la sua storia. La cuoca in realtà un pane etnico nel cuore lo ha, ma ha difficoltà a reperire la ricetta… Vedremo in seguito come fare.
Per il momento spulciando fra i suoi faldoni, in verità in un libro che lei non ama moltissimo, comprato sull’onda dell’entusiasmo, con tante belle foto, ma ricette sempre da rivedere un pò, ha trovato una ricetta molto saporita. Il pane è il maneesh, che l’autore (Paul Hollywood) giura essere un pane mediorientale, ma che girovagando su internet la cuoca non ha trovato altri riscontri se non attribuiti a lui. Si fidassero le signore Panissime, … lui dice così.
Poi magari è vero e troveremo i talebani sotto il Castello, sul piede di guerra perchè la cuoca ha usato il lievito madre al posto di quello secco… In ogni caso, la ricetta originale parla di lievito secco che naturalmente la cuoca ha convertito in pasta madre, in più è stato cotto non semplicemente in forno, ma su una pietra refrattaria bellissima, regalo di Natale di due amici speciali… Ancora grazie, mi avete fatto un regalo inaspettato e bellissimo, sul quale ho già fatto due tre cotture spettacolari!

INGREDIENTI x 3 maneesh da 24cm.

500gr di farina 0
10gr di sale
25gr di zucchero
70gr di pasta madre bella rinfrescata
280gr di acqua tiepida
1 cucchiaio di olio di oliva
per lo za’atar (le spezie messe sopra)
1 cucchiaio di olio
4 cucchiai di semi di sesamo
2 cucchiai di timo secco
2 cucchiai di maggiorana secca

PROCEDIMENTO

In una ciotola miscelare la farina, il sale e lo zucchero. Sciogliere il lievito madre in 3/4 dell’acqua tiepida indicata, aggiungere il composto di farina pian piano, impastando bene. Ad occhio vedere se sarà necessario aggiungere tutta l’acqua. Versare un cucchiaio di olio sul piano di lavoro e impastare fino ad avere un impasto morbido ma non molle. Ungere leggermente una ciotola e mettere l’impasto a lievitare fino al raddoppio. Riprendere l’impasto e stenderlo con le mani e facendo delle pieghe dall’esterno verso l’interno. Appiattire l’impasto facendo tre basi rotonde di circa 24cm. Sistemarle su un canovaccio ben infarinato o su carta forno ben infarinata e chiuderle ben stese in tre sacchetti di plastica (uno per focaccia) e farle raddoppiare. Quando sono pronte accendere il forno a 230°. Far scivolare delicatamente una base sulla pietra o sulla teglia coperta da carta forno (nella confezione della pietra era inclusa una comodissima paletta di legno che mi ha facilitato il compito :D!!). In una ciotolina miscelare le erbe con i semi di sesamo con un pò di olio fino ad avere una pastellina da spennellare sulla base. Infornare quando il forno è a temperatura per 15 minuti. Far raffreddare su una gratella.

 

Questo pane lo aggiungo alla raccolta Panissimo di Sandra e Barbara, questo mese ospitato da Sandrissima

 

http://sonoiosandra.blogspot.it/2014/01/panissimo12panietnici.html

 

 

 

 

(function(i,s,o,g,r,a,m){i[‘GoogleAnalyticsObject’]=r;i[r]=i[r]||function(){
(i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o),
m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m)
})(window,document,’script’,’//www.google-analytics.com/analytics.js’,’ga’);

ga(‘create’, ‘UA-57293687-1’, ‘auto’);
ga(‘send’, ‘pageview’);

Facebook Comments

72 Comments on Maneesh con pasta madre

  1. paneamoreceliachia
    13 Gennaio 2014 at 11:27 (6 anni ago)

    Io mi fido, soprattutto se me ne passi uno… a quest'ora poi mi fa davvero venire l'acquolina!
    PS: brutti i libri con ricette approssimative, mi fanno davvero innervosire, uno si fida e poi spende tempo e soldi per la leggerezza di qualcuno in cui aveva deposto la sua fiducia.
    Baci grandi
    Alice

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      13 Gennaio 2014 at 14:26 (6 anni ago)

      Ali, per fortuna questo non è stato uno dei primi libri comprati, quindi ho avuto modo di studiare su due belle bibbie del pane che mi hanno insegnato a capire ad occhio se c'è qualcosa che non funziona! Un bascione!

      Rispondi
  2. Erica Di Paolo
    13 Gennaio 2014 at 11:34 (6 anni ago)

    Meraviglioso pane e meraviglioso regalo!! La pietra refrattaria è anche uno dei miei piccoli sogni ^_^
    Bravissima!!!

    Rispondi
  3. sandra pilacchi
    13 Gennaio 2014 at 11:46 (6 anni ago)

    e questa volta sei arrivata prima tu! stupendi i tuoi, i miei più ruspanti cotti nella cucina economica! ma come sono buoni?
    grazie ammmmmmmmmmmora!
    Sandra

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      13 Gennaio 2014 at 14:35 (6 anni ago)

      Grazie a te Sandrissima… in effetti quel mix di erbette sopra era delizioso! Un bascione!

      Rispondi
  4. m4ry
    13 Gennaio 2014 at 11:56 (6 anni ago)

    l'aspetto di questo pane è meraviglioso…sembra sofficissimo..mi è venuta voglia di provarlo 🙂
    Ti abbraccio e ti auguro una buonissima giornata

    Rispondi
  5. Antonella
    13 Gennaio 2014 at 12:17 (6 anni ago)

    Ciao Patty, non conoscevo questo pane, mi sembra bellissimo e molto soffice. Che meraviglia la pietra refrattaria, è sulla mia lista dei desideri da un po'! Ti abbraccio.

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      13 Gennaio 2014 at 14:37 (6 anni ago)

      Antonella se ti piacciono le cotture di pani e pizze è da prendere, ne vale proprio la pena! Un bascione!

      Rispondi
  6. Michela
    13 Gennaio 2014 at 12:22 (6 anni ago)

    Questo non lo conoscevo Patrì!!! Tranquilla….che se i talebani arrivano a casa tua, si fermano per mangiare 😀 😀 😀

    Ti bascio tutta!!! :*

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      13 Gennaio 2014 at 14:45 (6 anni ago)

      Non li conoscevo neanche io… e se Hollywood avesse preso in giro tutti? Un bascione
      PS Ma se vengono i talebani tu ti fermi con noi? 😀

      Rispondi
  7. Cristiana Beufalamode
    13 Gennaio 2014 at 12:41 (6 anni ago)

    Naaaaa: sto studiando questa ricetta da un pò d giorni per riproporla per la raccolta: mi hai battuto!!! Ma dove hai trovato lo zaa'tar??? Un bacio cri

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      13 Gennaio 2014 at 14:48 (6 anni ago)

      Cri lo za'atar altro non è che la pastrocchia che si forma con le due erbe secche e i semi di sesamo azzeccati con l'olio… poi se è uno za'atar falso nin zò, io mi sono fidata… ma non è male sta pagnottella! :d Un bascione!

      Rispondi
  8. Sandra dolce forno
    13 Gennaio 2014 at 12:50 (6 anni ago)

    Che pane sofficione !! Bellissimo con tutti quei semini! …brava Patty, mi piace tanto!!

    Rispondi
  9. Monica Chiocca
    13 Gennaio 2014 at 13:31 (6 anni ago)

    Patty,la donna del pane!!! Comprerò sicuramente anche il libro che mi hai consigliato,intanto sto facendo crescere la mia piccola pasta madre e speriamo che raddoppi in fretta! è un pane meraviglioso e soffice!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      13 Gennaio 2014 at 14:51 (6 anni ago)

      Monica… e nun avere fretta, lasciala riposare… La pasta madre è come una zia zitella: ha bisogno di essere curata, non le devi mettere ansia, … trattala bene e dalle i suoi tempi! Un bascione gioia!

      Rispondi
  10. Anonimo
    13 Gennaio 2014 at 13:55 (6 anni ago)

    Questo pane mi incuriosisce,e poi con la pasta madre sicuramente sara' buonissimo. Ma tu non impasti con la planetaria? Vedo che nel procedimento dai indicazioni per impastare a mano,scusa ma questa cosa mi incuriosisce perche' da poco ho comprato una planetaria uguale alla tua e ho fatto pan di spagna e sfoglia all' uovo x lasagna( ce l' ho da quattro giorni!) ma il pane non l' ho impastato li' perche' ho preferito usare la vecchia macchina del pane e il fatto che non l'hai usata nemmeno tu mi fa pensare….speriamo bene! Complimenti per l'originale ricetta! Bacioni :)))
    Isabella

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      13 Gennaio 2014 at 14:54 (6 anni ago)

      Ciao Isa, l'ho impastato a mano perchè è talmente banale che non mi andava di lavare il ciotolone dell'impastatrice. Non ho la macchina del pane quindi non conosco la differenza, ma questo è un panello che si fa veloce veloce… anche la quantità degli ingredienti è scarsa, si fatica poco… Ma si può tranquillamente fare con lo stesso procedimento nell'impastatrice.. poi si fanno le pieghe sul piano di lavoro! Spero di averti aiutata, un bascione!

      Rispondi
    • Isabella
      13 Gennaio 2014 at 18:15 (6 anni ago)

      Certo che mi hai aiutata,io mi trovo bene con la planetaria ma avevo paura che tu avessi riscontrato qualche problema con gli impasti per fortuna mi tranquillizzi. Impastare a mano e' troppo bello,hai ragione e complimenti per questo pane originale che provero' di certo! Un bascione grande a te e alle fatine!

      Rispondi
    • Isabella
      13 Gennaio 2014 at 18:18 (6 anni ago)

      La macchina del pane comunque e' molto carina,impasta delicatamente e con il calore che da' all' impasto permette una lievitazione perfetta,io mi trovo benissimo! ;))))

      Rispondi
  11. Immacolata Cuorvo
    13 Gennaio 2014 at 13:57 (6 anni ago)

    Dall'aspetto si direbbe che è ottimo, e se poi a realizzarlo sei stata tu il risultato è più che garantito !!! Un bascione e a presto !!!

    Rispondi
  12. terry giannotta
    13 Gennaio 2014 at 14:36 (6 anni ago)

    Io non lo conoscevo ma mi ispira un casinissimo cara cuoca del mio cuore! Mi sa che ci provo … Deve essere di un soffice! Deve rimanere così chiaro quindi? Devo dirlo al mio forno che brucia tutto ciò che vede 🙁

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      13 Gennaio 2014 at 15:02 (6 anni ago)

      Terry con i tempi di cottura indicati rimane così chiaro…. mia figlia Flavia con lo stesso impasto ha fatto un paninetto che era buonissimo, talmente buono che se lo sono divorato rovente, appena uscito dal forno, quindi niente foto.. peccato. In ogni caso, se cuoceva un cicinin in più non guastava! Un bascione!

      Rispondi
  13. Enrica - Vado...in CUCINA
    13 Gennaio 2014 at 14:37 (6 anni ago)

    io mi fido, l'aspetto è bellissimo e il sapore immagino sublime con quei semini sulla superfice

    Rispondi
  14. www.mipiacemifabene.com
    13 Gennaio 2014 at 14:41 (6 anni ago)

    Dove c'è pane c'è Patty Patty (ma ci sono anch'io cara) 😀 Il tuo pane è un meraviglia!! Mi ispira un sacco 😛 Mi affascinano da sempre le preparazioni del pane, uno dei cibi più antichi e più naturali al mondo. Prepararlo ti riporta ai primordi e da tanta soddisfazione. Bravissima, super, mega Patty!
    Love
    Federica 🙂

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      13 Gennaio 2014 at 15:03 (6 anni ago)

      Sei sempre tanto cara Federica… in effetti questo mese con la raccolta etnica mi sono veramente appassionata! Un bascione!

      Rispondi
  15. Roberta Morasco
    13 Gennaio 2014 at 15:19 (6 anni ago)

    Che meraviglia questo pane!!!! E non lo conoscevo!!
    Allora, sono tornata ai lievitati dopo tanto tempo, ancora non ho la pasta madre, ma mi attrezzo…poi avrò un botto di cose da leggere qui da te, da Michela…vedo notti lunghe ed insonni….aiuto…
    Un bacione amica mia!! Roby

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      14 Gennaio 2014 at 12:44 (6 anni ago)

      Bello bellissimo…. poi verremo noi a leggere da te!!! I lievitati danno un'insana ebrezza… 😀 Un bascione forte forte!

      Rispondi
  16. Emanuela Martinelli
    13 Gennaio 2014 at 16:19 (6 anni ago)

    Patty orientale o no, ha un aspetto magnifico…tui che fai ci confermi il gusto? tutte quelle spezie messe sopra mi stuzzicano assai!! Bacio Manu

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      14 Gennaio 2014 at 12:46 (6 anni ago)

      Grazie Manu, si era buono, particolare ma buono… le mie figlie invece le spezie non le adorano, quindi… però ce lo siamo pappato in un nanosecondo! Un bascione!

      Rispondi
  17. Luca Monica
    13 Gennaio 2014 at 16:32 (6 anni ago)

    Amica mia…a una panificatrice seriale come te…la pietra proprio non poteva mancare!!!
    Che buono CuochinaPa…un pane favoloso!!! Ormai sei una vera professionista!!!!

    Un abbraccio stretto stretto da tutti noi a tutto il castello
    monica

    P.S.
    I pirottini da 300g del panettone li ho presi in negozio qui dalle mie part….non credo sia difficile comunque trovarli..io li ho da 300g, da 500g e da 1000g…è una drogheria super attrezzata…in cui oltretutto lavora mia cugina…quindi sono sempre aggiornata sulle anteprime!!!!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      14 Gennaio 2014 at 12:49 (6 anni ago)

      Ma io vi adoro, non potevate farmi regalo più bello, siete stati veramente meravigliosi… nn sai quanto la sto usando (ho appena rinfrescato e domani mattina parte un altro bel panello!)… vi adoro!
      E' vero, me ne avevo parlato… qui ho trovato quelli da 700 e 1000, vediamo l'anno prossimo se ho bisogno… Ti bascio forte forte e grazie infinite ancora <3

      Rispondi
  18. Chiarapassion
    13 Gennaio 2014 at 16:57 (6 anni ago)

    Questi proprio non li conoscevo ma tu sei una panificatrice straordinaria, la mia pasta madre mi ha abbandonato non ha retto i miei continui viaggi ;)) quindi non posso che ammirare le persone come te che creano queste meraviglie.

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      14 Gennaio 2014 at 15:01 (6 anni ago)

      Chiaretta non lo conoscevo neanche io… se vuoi un pezzettino te lo mando.. che dici? La mia pm ogni estate respira aria romagnola, è un pò abituata a fare la globe trotter :D…Un bascione

      Rispondi
  19. Cristina D.
    13 Gennaio 2014 at 18:12 (6 anni ago)

    I talebani sotto il castello ahahahah. Patty non c'è post che tu scriva con il quale io non riesca a non farmi una risata ! pane molto originale !

    Rispondi
  20. Lola Velasco
    13 Gennaio 2014 at 19:18 (6 anni ago)

    Hola! Que rico tiene que estar, se ve muy apetitoso.
    Besos.

    Rispondi
  21. Mila
    14 Gennaio 2014 at 10:26 (6 anni ago)

    E' bello ogni giorno imparare qualcosa di nuovo!!!!
    Complimenti e buona settimana

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      14 Gennaio 2014 at 15:04 (6 anni ago)

      Grazie Mila… con libri sulla panificazione sto imparando un sacco di cose anche io!!! Bellissimo!!! Un bascione!

      Rispondi
  22. conunpocodizucchero Elena
    14 Gennaio 2014 at 13:51 (6 anni ago)

    anch'io voglio la pietra refrattaria!!!! possiamo mettere in contatto i tuoi amici speciali con il mio maritino speciale? 🙂

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      14 Gennaio 2014 at 15:05 (6 anni ago)

      Elenina… la refrattaria la desideravo da tanto… quanto la adoro!!!! Un bascione grande!

      Rispondi
  23. Elisa Cima
    14 Gennaio 2014 at 18:01 (6 anni ago)

    Ma che bello questo maneesh cara Patty!!
    Mi hai venire un languorino..
    Ora sono curiosa,qual'è il tuo pane preferito???
    Un bacione! ; )

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      16 Gennaio 2014 at 18:57 (6 anni ago)

      Il mio pane preferito non importa se sia ciabatta, baguette o rosetta… ma deve avere tanta tanta mollica… Un basciottone cara e buon viaggio!

      Rispondi
  24. Ilenia Meoni
    14 Gennaio 2014 at 18:19 (6 anni ago)

    Bravissima! Ottimo questo pane x me completamente sconosciuto! Buona serata carissima

    Rispondi
  25. marina riccitelli
    15 Gennaio 2014 at 4:53 (6 anni ago)

    mi piace assai assai!! Bello il pane e bellissimo il regalo!!! un bacione Patty!!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      16 Gennaio 2014 at 18:59 (6 anni ago)

      Mari mi ci voleva e quei due meravigliosi di Genova omai mi hanno adottata e me l'hanno regalata! Un bascione!

      Rispondi
  26. riseofthesourdoughpreacher
    15 Gennaio 2014 at 7:12 (6 anni ago)

    Patty solo tu potevi immaginarti i talebani sotto il castello 😀
    Ho troppo riso!!!
    Bello questo pane, ho fatto una brevissima googlata e mi pare di aver trovato un paio di link non Hollywoodiani 😉 ma tutti molto recenti…mi è spuntato anche un Manakish…magari il Paul ha distorto un poco il nome può capitare 😉
    Questa iniziativa Panissima mi piace un sacco, quante ricette nuove e quanti stimoli!
    Baci e abbracci
    Lou

    Rispondi
  27. Silvia- Perle ai Porchy
    15 Gennaio 2014 at 7:44 (6 anni ago)

    Ciao Patty! Quindi una profana del maneesh! Azz, non vorrei che gli integralisti ti assedino davvero! Bacioni!!

    Rispondi
  28. elly
    15 Gennaio 2014 at 18:13 (6 anni ago)

    Mi hai fatto venire in mente che per varie vicissitudini di questo periodo, ho completamente dimenticato MimìeCocò in frigo… devo assolutamente rinfrescare prima che schiattano definitivamente… Bellina la ricetta un po' speziata…. E posso capire il tuo entusiasmo per la refrattaria. La uso da un anno e non potrei fare più il pane senza lei… e anche la pizza. Ma io la pala non la tengo…. acc!!!! Bascio!!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      16 Gennaio 2014 at 19:02 (6 anni ago)

      E hai visto? Pure la pala mi hanno regalato!! 😀 Elly ma lo sai che io non ho ancora un nome per il mio lievito madre??? Come devo fare?

      Rispondi
  29. Valentina
    15 Gennaio 2014 at 18:38 (6 anni ago)

    Deve essere ottimo questo pane, Patty, mi ispira proprio! ^_^ Volevo comprare il libro in questione ma un po' il mio rapporto altalenante con i lievitati, un po' il fatto che ultimamente non ne ho sentito parlare benissimo (e tu confermi)… lascerò perdere 😉 Mi piacerebbe tanto la pietra refrattaria, sai? 🙂 Un bacio grande! :**

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      16 Gennaio 2014 at 19:15 (6 anni ago)

      No Vale se devi prendere qualcosa sui lievitati Hamelman, e basta, lui è bibbia! La pietra è un'altra cosa… marò comm'è bell!!! Un bascione!

      Rispondi
  30. stefania ciancio
    15 Gennaio 2014 at 21:44 (6 anni ago)

    Totale novità per me, grazie per averlo condiviso con Noi. Complimenti, baci, a presto.

    Rispondi
  31. SugarNess
    16 Gennaio 2014 at 8:17 (6 anni ago)

    Ciao! Lieta di conoscerti! Ho vissuto in Siria per un periodo e ti confermo che questo pane esiste! Che nostalgia mi hai fatto venire! Lo za'tar è parecchio più verde in realtà, ma non so cosa ci mettano, perché trovavo la miscela di spezie già pronta al suq! Me ne riportai pure un paio di etti in Italia per procrastinare il panico da astinenza! 😀 Complimenti, sembra riuscitissimo!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      16 Gennaio 2014 at 19:20 (6 anni ago)

      Ecco la prova!!!! Grazie Vanessa di aver dato prova che il pane che ho fatto esiste!!! Ho letto da te che hai fatto ennemila traslochi, quindi uno di questi era da/per la Siria… bellissima terra, peccato per la situazione politica! Come ho fatto per il pane, mi sono fidata anche per lo za'atar… Magari se faccio un viaggetto da quelle parti… Un bascione, e grazie!

      Rispondi
  32. Mirtillo E Lampone
    16 Gennaio 2014 at 16:07 (6 anni ago)

    Nuuuu le ricette da rivedere nuuuu! Ma se a rivederle sei tu…beh allora il discorso cambia! E poi guarda come è carino questo pane schiacciato, mi da proprio l'idea di essere medio orientale, buono da mangiare così com'è…ti abbraccio Patty ♥

    Rispondi
  33. Valentina Mini bonbons
    16 Gennaio 2014 at 16:50 (6 anni ago)

    non conoscevo questo pane ma sembra delizioso!!
    mi ricorda un pò il chisolino piacentino!! 😉

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      16 Gennaio 2014 at 19:21 (6 anni ago)

      Ecco, per la par condicio non conosco manco il chisolino piacentino! Grazie cara! Un bascione!

      Rispondi
  34. cadè
    16 Gennaio 2014 at 21:51 (6 anni ago)

    La pietra refrattaria!!! Mi si è spaccata per cuocere la pizza, un goccio di latte della mozzarella sulla pietra bollente e …sono diventate tre!!! Deve essere buono questo pane, non lo conoscevo!
    Un bacio
    Candida

    Rispondi
  35. Vaty ♪
    17 Gennaio 2014 at 6:45 (6 anni ago)

    Mado.. Ma come siete brave con tutti questi pani!! Ora anche pane di altre cucine.. Grandi!! Non conoscevo questo maneesh ma l'aspetto e' davv ottimo, bravissima Patty pa!!

    Rispondi
  36. ileana conti
    22 Gennaio 2014 at 15:00 (6 anni ago)

    E' molto invitante!!!! Fammi un favore sfoglia più spesso i libri impolverati che poi riesci a pubblicare ste meraviglie!

    Rispondi
  37. giovanna pisano
    25 Gennaio 2014 at 14:59 (6 anni ago)

    Più sto nel mondo dei blog e più mi rendo conto di quanto sono ignorante,non conoscevo nemmeno l'esistenza di questo pane che a guardarlo mi sembra buonissimo,brava Patty e in bocca al lupo per il contest 🙂

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.