Antonietta, autrice del blog La trappola golosa, ha vinto la sfida MTC #57, quella dei cheese cake e la cuoca ha gioito. In primo luogo perchè Antonietta è una persona fantastica che dietro i tranquilli occhi chiari nasconde un’indomita indole guerriera a colpi di mozzarella di bufala; poi dico la verità, la cuoca va a sbirciare tutti i link delle ricette di chi partecipa alla sfida MTC, non per voyerismo ma per imparare: abbinamenti, fotografia,… e quando si è trovata di fronte il caprese cheese cake di Antonietta ha pensato: “Sicuro vince questo”, non me ne vogliano gli altri partecipanti alla sfida, ma penso capiti anche a loro di avere quel colpo di fulmine di fronte ad una ricetta. Beh, se non mi credete andate a verificare di cosa sto parlando.

E Antonietta, inconsapevolmente ringrazia la cuoca proponendo come sfida La Pizza… la cuoca l’aveva tanto desiderata!! Eggià, lei è campana, la pizza la fa ogni sabato, le fatine impazziscono a mettere le mani in pasta e la pasta sui muri… Ed è stato entusiasmante!

La cuoca ha provato varie versioni escludendo quelle che fa di solito e questa è quella che è piaciuta di più… in realtà ce ne sarebbe anche un’altra, ma la pubblicheremo dopo il 25 fuori gara a causa di problemi tecnici.

L’impasto e il procedimento sono esattamente quelli indicati da Antonietta (la cuoca ha scelto la versione in teglia con lievito madre) e devo dire che la cuoca a questo punto molla la sua ricetta (leggermente grassa per via della presenza di uno due cucchiai di olio) per passare a questa, leggerissima, bella idratata… uno spettacolo. Anche le fatine si sono accorte che c’era qualcosa di diverso nell’impasto: sinceramente c’è stato un momento drammatico quando una delle tre ha detto: “Mamma, è buonissima, è dolce!” e ‘nzallanuta com’è la cuoca ha subito pensato di aver messo lo zucchero al posto del sale… In realtà la piccolina voleva solo dire che questa era davvero una pizza fantastica.

Grazie Antonié, se è vero che abbiamo capito dove stai uno di questi giorni ti passiamo a trovare… che detto così suona come una minaccia!

 

pizza mortadella bologna, provola di agerola, limone della costiera e pistacchi di bronte

Pizza con provola affumicata di Agerola, mortadella Bologna IGP e pistacchi di Bronte – MTC #58
Recipe Type: Pizza
Cuisine: Napoletana
Author: Patrizia Zanni
Prep time:
Cook time:
Total time:
Serves: 4
Un impasto leggero, croccante fuori e soffice all’interno, condito con prodotti DOP e IGP tipici della nostra meravigliosa Italia
Ingredients
  • 450 g di farina 2 macinata a pietra
  • 320 ml di acqua
  • 130 g di lievito madre
  • 15 g di sale
  • in più:
  • 100gr di mortadella Bologna
  • 50gr di provola affumicata di Agerola
  • 20gr di pistacchi non salati già sgusciati
  • le zeste di mezzo limone della costiera Amalfitana
Instructions
  1. Sciogliere con un frullino il lievito madre con 130 ml di acqua, aggiungere 130 g di farina, incorporare velocemente e lasciar riposare per 2 ore.
  2. Setacciare il resto della farina, trasferirla in ciotola, fare la fontana, aggiungere il lievito madre,il resto dell’acqua e il sale sulla farina, verso il bordo della ciotola.
  3. Iniziare a incorporare man mano, intridendo con le dita e poi una volta terminato ribaltare sul piano da lavoro e impastare per una decina di minuti, sbattendo e piegando più volte,strech and fold .
  4. Fare una palla, trasferirla in ciotola, coprire con pellicola e mettere subito in frigo. Lasciar maturare 8/10 o anche più ore.
  5. Togliere dal frigo e lasciar a temperatura ambiente per 2 ore e comunque fino a quando l’impasto risulti gonfio. Ribaltare sul piano da lavoro, stendere con le mani, senza schiacciare, ma allargando l’impasto dal centro verso il bordo, infilare le mani sotto il disco di pasta fino a poggiarlo su metà avambracci e traferire in una teglia oliata.
  6. Lasciar lievitare altre 2 ore.
  7. Riscaldare il forno, infornare sul ripiano centrale e cuocere per 20 minuti circa.
  8. Dopo 15 minuti, tirare fuori la pizza dal forno, metterci la provola di Agerola tagliata a tocchetti e rimettere a cuocere.
  9. Controllare la cottura: se sotto si presenta bianca, abbassare il ripiano, viceversa alzarlo.
  10. Una volta sfornata la pizza, stenderci su le fette di mortadella, cospargere con le zeste di limone e i pistacchi ridotti in granella.
Sfida MTC n. 58: la Pizza
Maddalena, la nostra pasta madre rinfrescata pronta per l’utilizzo

 

 

 

L’impasto completo pronto per la lievitazione
La fatina Ma con l’impasto lievitato dopo 24h

 

 

 

 

 

Pizza con mortadella, limone della costiera, provola di Agerola, pistacchi di Bronte
Le fette

 

 

INGREDIENTS
450 g of flour 2 stone ground
320 ml of water
130 g of yeast
15 g salt
more:
100g Mortadella Bologna
50g of smoked cheese of Agerola
20g unsalted pistachio nuts already shelled
the zest of half a Amalfitana Coast lemon

PROCEDURE
Dissolve sourdough in a blender with 130 ml of water, add 130 g of flour, stir quickly and let it rest for 2 hours.
Sift the remaining flour, place it in the bowl, add the sordough, the remaining water and the salt on the flour, to the edge of the bowl.
Start mixing ingredients with fingers and when you’ll have a smooth but firm dough. On the work surface knead for about ten minutes, beating and folding several times, using the stretch and fold technique.
Make a ball, place it in the bowl, cover with plastic wrap and refrigerate immediately. Let it rest in the fridge for 8/10 or even more hours.
Take the dough out from the refrigerator and leave it at room temperature for 2 hours and in any case until the mixture is swollen. Roll it out with your hands, without crushing, but spreading the dough from the center toward the edge, put your hands under the dough up to place it on the middle forearms and put in an oiled baking pan.
Let it rise another 2 hours.
Preheat the oven at 190°, bake on the middle shelf and bake for about 20 minutes.
After 15 minutes, take out the pizza from the oven, put Agerola provolone cheese cut into pieces and put back to cook.
Check the cooking if under is white, lower the shelf, otherwise lift it up.
Once pizza is baked, season it with the mortadella slices, sprinkle with lemon zest and pistachios reduced in grain.

 

Pizza con mortadella Bologna, limoni della Costiera, Provola di Agerola e Pistacchi di Bronte

 

Facebook Comments

14 Comments on Pizza con provola affumicata di Agerola, mortadella Bologna IGP e pistacchi di Bronte – MTC #58

  1. valentina
    20 Giugno 2016 at 13:48 (3 anni ago)

    Leggo i tuoi post perché mi mettono SEMPRE il buon umore e solo per questo ti ringrazio. Poi mi soffermo sulla ricetta è sulle foto ed inizio sognare di addentarne una fetta, di berne un sorso o di strafogarmi a cucchiaiate. Ho sempre pensato di partecipare all’Mtc ma non ne ho mai preso il coraggio. Vedo che tu, invece, ti senti a tuo agio e guarda che super pizza mega farcita hai sfornato. Tifo per te! 😉 bellissima la tua Farina!♡

    Rispondi
    • valentina
      20 Giugno 2016 at 13:48 (3 anni ago)

      Ah ah ah Fatina, Valentina,F-A-T-I-N-A !!! Che poi anche la farina ha un suo perché…ahahah scusa Pa!

      Rispondi
  2. Lisa G
    20 Giugno 2016 at 15:40 (3 anni ago)

    Mi sa devo segnarmi il tuo procedimento e i tuoi tempi per fare la pizza, anch’io uso la pasta madre ma faccio le cose in maniera più spiccia e il risultato non è stupendo come il tuo. Complimenti alla fatina. Tanti baci

    Rispondi
  3. ipasticciditerry
    20 Giugno 2016 at 19:57 (3 anni ago)

    Che bontà Patty … adoro la pizza, la focaccia e tutti i suoi simili. La mortadella poi … e che te lo dico a fare? Bravissima. io la pizza e la focaccia la faccio sempre con il lievito di birra, lo sai? Non mi trovo con la pasta madre. Ne metto 1 o 2 grammi e la lascio anche ioo 24 ore quindi viene leggera lo stesso. Un bacio tesoro, a presto

    Rispondi
  4. Paola
    20 Giugno 2016 at 21:16 (3 anni ago)

    Eccomi qui, nel mio castello preferito accolta da una pizza che ha tutto quello che piace a me 🙂 L’esultanza puoi immaginare quanto abbia fatto tremare i colli qui a Roma, visto che sono mesi che non mangio una pizza decente. Spero di riuscire a partecipare in tempo per la gara, ma in ogni caso la proverò anche fuori tempo massimo. Ne ho troppa voglia 🙂 Brava tu intanto :*

    Rispondi
  5. SABRINA RABBIA
    20 Giugno 2016 at 21:38 (3 anni ago)

    DAVVERO UNA FAVOLA, GNAMMY GNAMMY!!!!POSSO VENIRE A CENA???BACI SABRY

    Rispondi
  6. Tamara Cinciripini
    21 Giugno 2016 at 0:13 (3 anni ago)

    …Secondo me, è tuttoe rito della fatina Ma ! ;)… pizza perfetta e super appetitosa!

    Rispondi
  7. Vale
    21 Giugno 2016 at 12:43 (3 anni ago)

    una bontà assoluta!!! Sono praticamente svenuta davanti allo schermo! A quest’ ora poi….. bacioni!

    Rispondi
  8. Antonella
    21 Giugno 2016 at 13:32 (3 anni ago)

    Ma che bella focaccia! Con la tua pasta madre sforni di quelle meraviglie… e con la mortadella poi come si fa a resistere? Bellissima la tua fatina che si ‘affaccia’ sul tuo blog. baci.

    Rispondi
  9. Emmettì
    22 Giugno 2016 at 18:00 (3 anni ago)

    Oh mamma!!!!!!!
    Che spettacolo!!
    La pizza, tu, la fatina, la farina e Maddalena!!
    Pattina mia, la food sfera non avrebbe senso senza di te!!!!!

    Un bacio con lo schiocco e pieno di affetto! :-******************

    Rispondi
  10. Antonietta
    22 Giugno 2016 at 19:46 (3 anni ago)

    Patty, perdonami, senza voler sminuire il tuo studio e il tuo lavoro per questa ricetta, ma l’immagine più bella in questo tuo post è la fatina che annusa l’impasto.
    Anche io ho uno stregoncello di otto anni e so cosa succede quando gli chiedo di posare per me; se dice di si, lo fa sinceramente; se gli chiedo di annusare o assaporare mentre lo fotografo e lui lo fa, le foto sono schiette e sincere.
    La tua fatina dal quell’accenno di sorriso apprezza il tuo lavoro e lo pregusta. E lei è il giudice più sincero che tu possa avere.
    Conosco la tua passione per il lievito madre e i lievitati e questa ha prodotto ottimi risultati con questa pizza.
    Ottima anche la farcitura
    Grazie Patty

    Rispondi
  11. Tina
    27 Giugno 2016 at 22:27 (3 anni ago)

    Mi piacerebbe molto maneggiare questa pizza! Trovo molto interessanti gli ingredienti che hai scelto!! Bravissima

    Rispondi
  12. Tina
    27 Giugno 2016 at 22:29 (3 anni ago)

    Errata corrige. Non maneggiare ma mangiare,naturalmente!

    Rispondi
  13. Giovanna
    31 Agosto 2016 at 16:26 (3 anni ago)

    Devo ripetere uno dei commenti: la fatina che immerge il viso e annusa l’impasto è strepitosa!
    Come succede con l’MTC, vorrei vedere tutte le ricette e commentarle. Ma sono davvero tante. così adesso che c’è più tempo libero, finalmente posso ammirare le fantastiche pizze di giugno. La tua è proprio golosa. un abbraccio, Giovanna

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.