Oggi il narratore l’ho mandato a casa, un pò di vacanza fa bene anche a lui… Oggi parlo io. Ieri sono stata coinvolta da Gaia in una iniziativa che mi è piaciuta subito, perchè parla di poesia. La regola a quanto ho capito è quella di pubblicare entro 24 ore dal ricevimento dell’invito una poesia e si devono invitare altre cinque blogger a pubblicare una poesia. Mi levo il pensiero subito e chiedo subito di scambiare una poesia a:
Non è un premio, non dovete scegliere 5 blogger a cui dire che sono più brave di altre, è solo la pubblicazione di una poesia… non ho mica capito però cosa succede se non pubblicate la poesia….

La poesia che ho scelto è La Marionetta di Gabriel Garcia Marquez, perchè è mancato da poco, perchè abbiamo condiviso e sconfitto la stessa malattia e perchè mi ha regalato le pagine più belle che io abbia mai letto, cariche di poesia, fato, realismo, fantasia, …. l’ho amato, lo amo, non lo ringrazierò mai abbastanza.

La Marionetta – Lettera d’addio

Se per un istante Dio si dimenticherà che
sono una marionetta di stoffa e
mi regalerà un poco di vita, probabilmente non
direi tutto quello che penso,
ma in definitiva penserei tutto quello che dico.

Darei valore alle cose, non per quello che valgono,
ma per quello che significano.

Dormirei poco, sognerei di più,
capisco che per ogni minuto che chiudiamo gli
occhi, perdiamo sessanta secondi di luce.

Andrei avanti quando gli altri si fermano,
starei sveglio quando gli altri dormono,
ascolterei quando gli altri parlano e
come gusterei un buon gelato al cioccolato!!

Se Dio mi regalasse un poco di vita,
vestirei semplicemente,
mi sdraierei al sole lasciando scoperto non solamente
il mio corpo ma anche la mia anima.

Dio mio, se io avessi un cuore, scriverei
il mio odio sul ghiaccio e
aspetterei che si sciogliesse al sole.

Dipingerei con un sogno di Van Gogh
sopra le stelle un poema di Benedetti
e una canzone di Serrat sarebbe la serenata
che offrirei alla luna.

Innaffierei con le mie lacrime le rose,
per sentire il dolore delle loro spine
e il carnoso bacio dei loro petali…


Dio mio, se io avessi un poco di vita…

Non lascerei passare un solo giorno
senza dire alle persone che amo,
che le amo. Convincerei tutti gli uomini e le donne
che sono i miei favoriti e
vivrei innamorato dell’amore.

Agli uomini proverei
quanto sbagliano al pensare
che smettono di innamorarsi
quando invecchiano, senza sapere
che invecchiano quando smettono di innamorarsi.

A un bambino gli darei le ali,
ma lascerei che imparasse a volare da solo.

Agli anziani insegnerei
che la morte non arriva con la vecchiaia
ma con la dimenticanza.

Tante cose ho imparato da voi, gli Uomini!

Ho imparato che tutto il mondo ama vivere
sulla cima della montagna,
senza sapere che la vera felicità
sta nel risalire la scarpata.
Ho imparato che
quando un neonato stringe con il suo piccolo pugno,
per la prima volta, il dito di suo padre,
lo tiene stretto per sempre.
Ho imparato che un uomo
ha il diritto di guardarne un altro
dall’alto al basso solamente
quando deve aiutarlo ad alzarsi.

Sono tante le cose
che ho potuto imparare da voi,
ma realmente,
non mi serviranno a molto,
perché quando mi metteranno
dentro quella valigia,
infelicemente starò morendo.

G.G. Marquez  06/03/1927 – 17/04/2014

Facebook Comments

12 Comments on Scambio di poesie Gabriel Garcia Marquez

  1. Simona Mirto
    30 Aprile 2014 at 13:01 (6 anni ago)

    Patty mi hai lasciato senza fiato e con le lacrime agli occhi…
    Le tue parole, quelle del grande Marquez, la poesia, una delle più belle mai scritte…
    La trascrissi anni fa in un vecchio diario, insieme ad altri stralci di testi e poesie che spesso la rileggo… questo pomeriggio ci credi che l'ho riletta con nuovi pensieri? ne assorbo l'intensità, la bellezza, la speranza e la grandiosità di quest'uomo…
    Ps trascorso buona Pasqua tesoro? io sono rientrata domenica… ma qui già si è ripreso a pieno ritmo… ti mando un abbraccio immenso amica mia:**

    Rispondi
  2. Erica Di Paolo
    30 Aprile 2014 at 16:18 (6 anni ago)

    E' davvero meravigliosa. Parole splendide. Grazie per questa condivisione!

    Rispondi
  3. Chiarapassion
    30 Aprile 2014 at 16:44 (6 anni ago)

    Una poesia bellissima e leggerla ora mi dona sensazioni belle, mi dispiace non riuscire a partecipare ma sono felice che il tuo pensiero sia andato a me…ti abbraccio forte donna splendida.

    Rispondi
  4. IAIA (Ilaria)
    30 Aprile 2014 at 18:47 (6 anni ago)

    Bellissima.. spero di leggere ancora di questi versi qui.. il tuo blog e' troppo piacevole per andarne a cercare altrove.. ei libri .. purtroppo ora nn ho tempo per loro! Grazie!

    Rispondi
  5. IAIA (Ilaria)
    30 Aprile 2014 at 18:48 (6 anni ago)

    Bellissima.. spero di leggere ancora di questi versi qui.. il tuo blog e' troppo piacevole per andarne a cercare altrove.. ei libri .. purtroppo ora nn ho tempo per loro! Grazie!

    Rispondi
  6. Gaia Sera
    30 Aprile 2014 at 20:21 (6 anni ago)

    Scelta stupenda Patty. Adoro Garcia Marquez.. lo sapevo che avrei scelto bene scegliendo te!
    Ti ringrazio per l'emozione che mi hai fatto provare rileggendola e ti abbraccio forte

    Rispondi
  7. Isabella
    1 Maggio 2014 at 7:56 (6 anni ago)

    Ho sempre adorato Garcia Marquez all' universita' studiavo letteratura ispano americana e lui era tra i miei preferiti.Una poesia stupenda ma stupendo e' il significato che vuole dare e stupenda sei tu che lo hai saputo cogliere,sei una donna forte e piena di ironia e gioia di vivere,auguro a te e a tutto il castello tanta tanta gioia cara cuoca.Felice 1 maggio <3

    Rispondi
  8. La Pasta Risottata
    1 Maggio 2014 at 23:05 (6 anni ago)

    Anch'io adoro questa poesia da sempre;Gabo era il mio scrittore preferito,ho letto tutti i suoi libri e,pochi giorni fa,quando ci ha lasciati ho pianto come se fosse morto un grande amico. Molti,nella vita,sognano con poter conoscer questo o quell'attore;io sognavo con conoscere lui,potergli parlare. Da anni vivo dove si parla spagnolo,ormai parlo piú spagnolo che italiano,e i suoi libri li ho riletti tutti in lingua originale per poter comprendere qualsiasi sfumatura (ed effettivamente,in italiano,ne avevo perse tante). Grazie per farmi rileggere questo piccolo capolavoro.
    Ho visto qui da te ricette interessantissime. Mi unisco ai tuoi followers e ti invito a visitarmi.
    http://lapastarisottata.blogspot.com.es/
    Un abbraccio
    Vera

    Rispondi
  9. SimoCuriosa
    2 Maggio 2014 at 13:39 (6 anni ago)

    ma come siamo poetiche! che bell'idea!
    un bacione cara a presto

    Rispondi
  10. Enrica - Vado...in CUCINA
    3 Maggio 2014 at 18:51 (6 anni ago)

    bella iniziativa nata su fb e diffusa anche sui blog. non sono un intenditrice di poesie, ma questa mi piace! baci

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.