Al sabato sera, nel piccolo castello si mangia pizza. Le tre fatine, finiti i compiti, indossano i loro grembiulini e cominciano a mescolare acqua e farina, lievito e sale e aspettano impazienti che magicamente il loro impasto raddoppi il volume, per poterlo stendere e colorare. A quel punto su quel disco appaiono il rosso del pomodoro, il rosa del prosciutto, il bianco della mozzarella, il verde delle verdure per la cuoca Pa, sempre in lite con la bilancia. Ci sono occasioni speciali in cui la pizza mette il vestito della festa e nascono le rose di pizza….


Ingredienti (aiutarsi con l’occhio):
Per due pizze 26cm diam.
 
800 gr di farina
300 gr di acqua tiepida
10gr di lievito
1 pizzico di zucchero
30 gr di sale
2 cucchiai di olio e.v.o.
 

PREPARAZIONE

In una ciotola versare un bicchier d’acqua tiepida (da quella della quantità indicata), aggiungere il pizzico di zucchero e sciogliere il panetto di lievito. Far riposare una decina di minuti, quindi aggiungere 100 gr di farina (o q.b. per ottenere un panetto liscio e morbido che non si attacchi alle mani). Mettere a lievitare per un’oretta in un luogo caldo e asciutto. Quando il panetto è raddoppiato, in un’altra ciotola miscelare l’acqua, il sale, l’olio e aggiungere la farina rimanente, poco per volta e lavorare fino a quando anche questa poltiglia non diventerà un bellissimo panetto liscio liscio. Va da sè che se il panetto dovesse risultare troppo appiccicoso si può aggiungere altra farina, dovesse essere duro si aggiunge acqua (bagnando un cucchiaio di farina con un cucchiaino di acqua). A questo punto prendere i due panetti e maritarli, lavorandoli insieme, fino a quando non si distingueranno più (quando li unirete, noterete che hanno un colore leggermente diverso) e le vostre braccia sentiranno che la loro dose di palestra l’hanno ottenuta anche oggi. Mettere il nuovo panetto in un luogo caldo e asciutto a lievitare coperto da un canovaccio (io sotto al canovaccio metto sempre della carta forno, perchè quando si appiccica la pasta alla stoffa occorrono degli incantesimi rarissimi per staccarla). Dopo un’oretta e mezza due, anche quest’ultimo panetto è raddoppiato; quindi se ci si riesce con le mani (in modo che la pasta conservi le bolle d’aria) altrimenti va benissimo anche con un mattarello, stendere il panetto a forma di rettangolo, fino all’altezza di circa 1cm. Ora si può condire seguendo il proprio gusto. Farce preferite dal principe e dalle fatine sono:
  • scamorza affumicata e scarola stufata con olive denocciolate, capperi, peperoncino, filetto di acciuga e uvetta (foto sopra).
  • ricotta e salame (foto sotto)
  • fior di latte e peperoni colorati saltati.
  • friarielli (broccoletti) ripassati in padella con la salsiccia sbriciolata.
  • porro stufato e pancetta (combinazione suggerita dalla cuoca MT, cognata della cuoca Pa – grazie!!)
Una volta che il nostro condimento è stato deciso, si stende su tutto il rettangolo.
Consiglio della cuoca: non eccedere nel condimento, altrimenti evade dalle rose. Sollevare leggermente i bordi del lato lungo del rettangolo e arrotolarlo su se stesso, avete capito, no? Si dovrà ottenere un salsicciotto lungo, non corto, che taglierete con un coltello molto affilato a rondelle di circa 2 cm. Sistemare le rondelle in due teglie (prima in una, poi quando è completa nell’altra), leggermente distanziate fra loro, in orizzontale, in modo da vedere il condimento. Spennellarle con un poco di olio e.v.o. e rimettere a lievitare per un’altra oretta. Finalmente accendere il forno a 180° e infornare per circa 30 minuti (verificare con uno stecchino se sono crude o se si stanno imbrunendo troppo). Far intiepidire e gustarle staccando rosetta per rosetta…
 

L’angolo del sommelier: Non c’è discussione, la pizza si accompagna con un Gragnano, con un Lettere o una Bonarda serviti freschi, non freddi.

 

Facebook Comments

3 Comments on Rose di pizza

  1. Finizia Amitrano
    20 Marzo 2013 at 8:14 (6 anni ago)

    ciao, grazie per aver partecipato e grazie a tutti i tuoi sostenitori per averti votato sulla mia pagina facebook.
    In questo link potrai scoprire la vincitrice della 6 manche dello speedy Food e se ti va… ti aspetto per partecipare alla 7 manche dello Speedy Food "Aspettando Pasqua: uova a go go!" Dai ti aspetto.

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.