Premettiamo che la cuoca pensa che la cuoca è un’italiana molto media, molto molto ma molto campanilista, e quindi pensa che gli americani siano un popolo molto semplice. Non sopporta quell’idea che siano nati l’altro ieri (scoperti da NOI!) e pare che abbiano fatto tutto loro. Al di là della spocchosità tipica della cuoca, c’è da ammettere che in quanto ad amore patrio, bellezze naturali e genialità in pasticcera noi italiani non ce li vediamo proprio. Una delle meravigliose invenzioni dei nostri amici d’oltre oceano è il cruffin, un ibrido delizioso fra un muffin e un croissant, che la cuoca non conosceva, almeno fino a questo mese, quando lo staff del re-cake l’ha proposto.

Ma quanto buoni sono?

Ma quanto belli sono?

Grazie amici americani, lasciatela stare la cuoca che certe volte non si sopporta!

 

Grazie allo staff del Re-cake per averci fatto conoscere questa delizia!

PS: Gli ingredienti e il procedimento della ricetta li abbiamo copiati pari pari dalle istruzioni dell staff, fatto salve l’aggiunta della crema di nocciole e la variazione con il lievito madre (che ha tempi più lunghi e il riposo notturno in frigorifero).

 

cruffin

cruffin4

 

I cruffin per Re-cake
Recipe Type: Breakfast
Author: Patrizia Zanni
Ingredients
  • 150 g farina 0
  • 150 g di farina 00
  • 50gr di lievito madre rinfrescato da 4 ore
  • 10 g di sale fino
  • 130 g di acqua tiepida + 30 g (2 cucchiai) per eventuali aggiunte
  • 50 g di burro non salato, ammorbidito e tagliato a cubetti
  • 165 g di burro non salato, a temperatura ambiente
  • 50gr di crema di nocciole
Instructions
  1. Due ore prima di cominciare a preparare l’impasto, lasciate 165 grammi di burro non salato sul bancone della cucina, per portarlo a temperatura ambiente.
  2. Nell’impastatrice (oppure in grande ciotola se impastate a mano) mescolate insieme la farina 0 e quella 00, il lievito madre e il sale. Aggiungete 130 grammi di acqua tiepida e impastate a bassa velocità per 3 minuti. L’impasto deve essere leggermente ispido e rigido, ma se si ha difficoltà a tenerlo unito, aggiungete gli ulteriori 30 grammi (2 cucchiai) di acqua e impastate di nuovo.
  3. Unite quindi i 50 gr di burro tagliato a cubetti e impastate a bassa velocità per 5 minuti, fino a che l’impasto non sarà ben incorporato. Aumentate la velocità e impastate per altri 10-15 minuti, dovete ottenere un impasto liscio ed elastico.
  4. Coprite con pellicola trasparente e lasciate riposare a temperatura ambiente fino al raddoppio.
  5. Trasferite la pasta su una superficie leggermente infarinata e dividetela in 4 parti uguali.
  6. Lavorate una porzione alla volta e coprite il resto (senza stringere eccessivamente) con della pellicola trasparente.
  7. Spolverate la pasta con la farina in modo che non si attacchi, poi stendetela fino ad ottenere uno spessore di 1 cm.
  8. Con la macchina per la pasta (la famosissima Nonna Papera) – nella misura più grossa – inserite la pasta, passatela, piegatela a metà e passatela un’altra volta.
  9. Infarinate la pasta su ambo i lati e iniziate a tirarla con la macchina fino a raggiungere la misura più sottile (la pasta deve diventare sottilissima).
  10. Per evitare il ripiegamento della pasta durante questo processo, posatela pulita e ben stesa sul bancone.
  11. L’impasto sarà molto lungo, quindi dovrete tagliarlo a metà, e tenerlo steso.
  12. Ora, con le dita, strofinate delicatamente un sottile strato di burro a temperatura ambiente (deve essere molto morbido ma non fuso) su tutto l’impasto, fino ai bordi. Fate i calcoli che ogni striscia è 1/8 di pasta, pertanto dovrete usare 1/8 del burro. Successivamente, sempre con le dita, spalmate anche la crema di nocciole
  13. Fate questo per entrambe le sezioni della pasta.
  14. Una volta terminato, iniziate ad arrotolare l’impasto di una striscia da un estremo all’altro, il più stretto possibile, ottenendo un tronchetto saldo. Posizionate il rotolo su un’altra estremità di striscia imburrata, e rotolate di nuovo.
  15. Ora tenete da parte il tronchetto così ottenuto e fate lo stesso passaggio con le altre strisce.
  16. Alla fine vi ritrovete con 4 rotolini di pasta. Prendente ogni rotolino e tagliatelo a metà nel senso della lunghezza, prendete una striscia così ottenuta e, con il lato tagliato verso l’esterno, arrotolatelo come a formare un nodino e infilate le estremità sotto.
  17. Posizionate i nodi ottenuti all’interno di una teglia per muffin imburrata.
  18. Ripetere il processo con le altre 3 porzioni di impasto e burro. Otterrete in tutto 8 cruffin.
  19. Se si sta facendo questo il giorno prima, si può avvolgere la teglia con pellicola e lasciare in frigo. In caso contrario, copritela con della pellicola trasparente e mettere in frigo per la notte.
  20. Cucinate in forno preriscaldato a 200° per 25 minuti, fino a quando si gonfiano e si dorano (non spennellare con uovo se si vuole spolverarli di zucchero a velo).
  21. Lasciate raffreddare leggermente su una gratella, quindi spolverizzate con zucchero a velo.

 

Con questa ricetta partecipo al re-cake di questo mese

 

cruffin2

ENGLISH VERSION

INGREDIENTS

150 g flour 0
150 g flour 00
50gr sourgdough
10 g of salt up
130 g of warm water + 30 g (2 tablespoons) for any additions
50g unsalted butter, softened and cut into cubes
165g unsalted butter, at room temperature
50gr oat cream

 

cruffin3

PROCEDURE

Two hours before starting to prepare the dough, leave 165 grams of unsalted butter out of the refrigerator, to bring it to room temperature.

In a large bowl stir together flour 0 and the 00, sourdought and salt. Add 130 grams of warm water and mix at low speed for 3 minutes. The dough should be slightly wiry and stiff, but if you have difficulty to hold it together, add the additional 30 grams (2 tablespoons) of water and knead again.
Add the 50 grams of butter, cut into cubes and mix at low speed for 5 minutes, until the dough will not be well incorporated. Increase the speed and knead for 10-15 minutes, you get a smooth and elastic.
Cover with plastic wrap and let stand until it has doubled at room temperature.

Transfer the dough onto a lightly floured surface and divide it into 4 equal parts.

Work a portion at a time and cover the rest (without overtighten) with plastic wrap.

Sprinkle the dough with the flour so that it does not stick, then roll it up to a thickness of 1 cm.

With the pasta machine (the famous Grandma Duck) entered the dough, pass it, fold it in half and pass it again.

Flour the dough on both sides and started to pull the machine up to the lighter measuring (the dough should be thin, quite transparent).

To avoid folding the dough during this process, lay it on the counter clean and straighten.
The dough will be very long, so you have to cut it in half, and keep it stretched.
Now, with your fingers, gently rub a thin layer of butter at room temperature (should be very soft but not melted) throughout the dough to the edges. You do the math that each strip is 1/8 of dough, and you must use 1/8 of the butter. Repeat with oat cream.

Do this for both sections of the dough.
When finished, started to roll the dough to a strip from one end, as narrow as possible, getting a socket balance. Place the roll on another end of the strip with butter, and roll again.

Now set aside the socket so got and do the same step with the other strips.

At the end you will have 4 rolls of dough. Cut it in half lengthwise, take a strip you have obtained, with the cut out, roll it as to form a knot and tucked the ends under.
Place nodes obtained in a greased muffin pan.

Repeat the process with the other three portions of dough and butter. You will get around 8 cruffin.

If you are doing this the day before, you can wrap the pan with plastic wrap and leave in the fridge. Otherwise, cover with plastic wrap and leave at room temperature for 2-3 hours until fully doubled.

Cook in preheated oven at 200 degrees for 25 minutes, until they swell and golden brown (do not brush with egg if you want to dust them with powdered sugar).

Let cool slightly on a wire rack, then sprinkle with powdered sugar.

 

cruffin5

Facebook Comments

17 Comments on I cruffin per Re-cake – con lievito madre e crema di nocciole

  1. marina
    28 Settembre 2015 at 9:16 (3 anni ago)

    io non sono una cuoca campanilista! Anzi! ho accolto questi cruffin con la gioia di un bimbo a natale! e sono pentita di non aver aggiunto cacao, cioccolato o crema di nocciole come hai fatto tu. Hanno un’aria ancora più buona, sono tanto invitanti! Mi limito a guardarli perchè dopo averne mangiati quasi 4 mi sento tanto, ma tanto appesantita! bacio

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      29 Settembre 2015 at 19:11 (3 anni ago)

      Si ma bisogna rifarli i cruffin…. erano una delizia divina!!!! Un bascione

      Rispondi
  2. zia Consu
    28 Settembre 2015 at 10:58 (3 anni ago)

    Mi hai fatto venire l’acquolina e non aggiungo altro..buon lunedì!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      29 Settembre 2015 at 19:12 (3 anni ago)

      … si l’intento dei cruffin è proprio quello… Un bascione Consu

      Rispondi
  3. Claudia Magistro
    28 Settembre 2015 at 13:32 (3 anni ago)

    sublime e meravigliosa preparazione, accolgo con gioia questa ricetta che non conoscevo, grazie biddazza
    :*
    Cla

    Rispondi
  4. gwendy
    28 Settembre 2015 at 14:48 (3 anni ago)

    Questi cruffin fanno venire proprio l’acquolina!!
    Brava Patty!!

    Rispondi
  5. Paola
    28 Settembre 2015 at 19:38 (3 anni ago)

    ahahah.. allora mi sa che anche la fatina deve tacere su quello che ne pensa dei dolcetti americani 😀 mi sa che ci prendono a legnate entrambe 🙂 questo mese non ce l’ho fatta a preparare anche i cruffin, ma mi riprometto di farli! Sono troppo belli.. e poi ormai con le sfoglie mi sono lanciata 😀
    Baciuzzi..
    Ps. chissà quanto bell’autunno vedrò qui 😉

    Rispondi
  6. Beatrice
    28 Settembre 2015 at 19:39 (3 anni ago)

    E direi che ogni tanto, nei secoli, qualcosa di buono lo fanno anche loro dai 🙂
    Buon lunedì!!

    Rispondi
  7. speedy70
    28 Settembre 2015 at 20:44 (3 anni ago)

    Ma che meraviglia…. li copio subito, grazie cara, complimenti!!!!!

    Rispondi
  8. Natalia
    28 Settembre 2015 at 20:56 (3 anni ago)

    Che particolari questi dolcetti!!!!! E sono anche belli!!!

    Rispondi
  9. m4ry
    28 Settembre 2015 at 21:26 (3 anni ago)

    Oddio Patti, che tentazione…che voglia di addentarne uno, proprio ora ! Baciotti !

    Rispondi
  10. sabrina
    29 Settembre 2015 at 12:38 (3 anni ago)

    Ciao cara Patty, se vogliamo dirla tutta, la penso come te….
    Conosco di nome questo “mix” di dolci, ma a provarli ancora non l’ho fatto.
    Mi segno la tua ricetta, con le tue variazioni, e appena avrò modo di provarla, ti faccio sapere che ne penso 😀
    Un abbraccio grande, Grande cuoca!!
    Sab

    Rispondi
  11. Antonella
    29 Settembre 2015 at 13:06 (3 anni ago)

    Devo proprio provare a farli i tuoi sono perfetti Patty e molto invitanti. E che belle le foto!! Baci.

    Rispondi
  12. valentina
    7 Ottobre 2015 at 14:40 (3 anni ago)

    Sono molto molto particolari e chissà che buoni…..

    Rispondi
  13. Gaia Sera
    9 Ottobre 2015 at 9:33 (3 anni ago)

    Dai, certe ricette americane sono buone assai, niente a che vedere con le nostre, ovvio, ma ogni tanto una fetta di cheesecake o un cruffin male non ci stanno ed i tuoi sono stupendi Patty anche se li hai voluti comunque impreziosire con l’uso del lievito madre. Tanto per mettere i puntini sulle i ?
    Un abbraccio forte ❤️

    Rispondi
  14. patrizia
    5 Novembre 2015 at 5:50 (3 anni ago)

    sono invitantissimi Pat!
    Anche io sono campanilista e sicuramente hanno solo da invidiarci,abbiamo delle ricette favolose. Mi hanno ” presentato” i cruffin su fb e ci stavo pensando a farli ma adesso vendendo i tuoi li farò sicuramente.
    Come al solito sei anche simpaticissima nelle descrizione dei tuoi post.
    un bacio forte e spero a presto rivederci
    Patrizia

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.