Consideriamo febbraio chiuso?
Si?
Ci siamo lasciati alle spalle cuoricini e mascherine?
Ma soprattutto: abbiamo finito con l’influenza?
La cuoca lo ha sempre saputo che febbraio è mese di influenze varie: negli uffici poca gente, nelle scuole le classi interamente decimate, per le strade qualche temerario bimbo in costume carnevalesco… dice: “Bambino da che ti sei vestito? Da ladro di banca col passamontagna o da ninja con la faccia tutta coperta?” Poi ti giri e vedi la sua mamma che è vestita da venditore di mascherine chirurgiche a conchiglia, col campionario distribuito bene sulla bocca….
Ma normalmente è la cuoca che si deve prendere cura di: 

  • adolescenti febbricitanti dotate di plaid fasciante tipo mantello del Re Sole (dalle spalle tre metri di strascico) che lagnano di continuo perchè con la febbre non ci si può lavare i capelli, che si attaccano sulla testa, che quindi non si può fare la piastra, che gli amici escono e lei deve stare in casa….;
  • fatine a fasi alterne: immobili sul letto con febbre a 39, guance rosse, sguardo nel vuoto e respiro accelerato che nel momento in cui l’antipiretico comincia a fare effetto e la febbre scende a 38.8 scattano sull’attenti, correndo per casa come schegge impazzite, chiedendo il biscottino, il pezzettino di cioccolata, la cosa buona, il cracker, un poco di pane, le patatine e urlano come indemoniate se per caso dici che non ce l’hai, che non lo può avere, che tra poco è ora di pranzo… che poi si riversano esanimi sul divano davanti ad un cartone animato, addormentandosi cinque minuti, giusto il tempo di ricaricare le energie;
  • mariti che con 37.1 vagano con passo strascicato da zombie in giro per la casa in tenuta da crisi matrimoniale: pigiamone di flanella tirato fuori per l’occasione, la sciarpa, la vestaglia di pile con le pecorelle della moglie quando era nubile e papalina di lana che copre uniformemente la superficie frontale e parietale del cranio. Nei momenti di lucidità, tirano fuori l’occorrente per il testamento, assicurandosi che i genitori vengano a sapere del suo trapasso prima e non dopo l’accaduto.
Ma a febbraio, oltre ad accadere tutte queste cose…. si è ammalata anche la cuoca. Tanti anni che sto qua dentro con loro, una cosa così non l’avevo mai vista. Ha cominciato prima con la febbre e fino a quando non ha raggiunto 38.5 ha fatto finta di non averla (come tutte le donne che tengono che fà!), continuando ad accompagnare le bambine a destra e manca (quelle sane), cucinare, rigovernare il piccolo castello, sgridare tutti per il disordine, la sciatteria, i compiti da fare….. (ma a te, la gola, non si cionca mai?), dopo di che ha passato tre giorni nel letto, succube di antibiotici, coperte, spray, bambine reclamanti, marito che, pur cucinando e occupandosi delle bambine, non conosceva le dinamiche pomeridiane degli accompagnamenti. Poi è guarita, conservando però quel sensualissimo tono acuto da voce nasale che è passato un paio di giorni fa…. Ma per non farsi mancare niente, lunedì scorso ha cominciato a star male con lo stomaco: una settimana intera non si è vista. Passava dal letto al divano e viceversa, senza mangiare (ho avuto paura ca stev’ ppè mmurì! Mai l’ho vista digiuna per più di tre ore!!!), se solo vedeva la pubblicità di un cibo qualsiasi, lo stomaco le saliva in gola. Per fortuna è stato fondamentale l’aiuto del Re Consorte prima e del Principe poi (qualcuno la pagnotta a casa la doveva portare, no?) perchè la cuoca in quelle condizioni non era in pieno possesso delle sue facoltà. 
Domenica mattina, la cuoca si è alzata e ha preparato ii pancakes…. il Principe avverte le figlie: “Bimbe, siamo di nuovo in balia di vostra madre!!”
Visto che febbraio oltre ad essere stato mese di disgrazie malanni, è stato anche mese di dolci (la cuoca ha pubblicato solo cose con un indice glicemico terrificante!), cominciamo marzo con un contorno ben augurante, all’apparenza non leggerissimo, perchè fatto con i peperoni, in realtà salutare, senza fritture, insomma ‘na botta di vita!
INGREDIENTI
4 peperoni di vario colore
10 capperi
10 olive verdi snocciolate
10 olive nere snocciolate
200gr di pane raffermo
100gr di pan grattato
olio, sale, aglio (facoltativo), limone
PROCEDIMENTO
Accendere il forno a 160°. Lavare bene i peperoni, togliere il picciolo, i semi e i filamenti interni avendo cura di non  romperli. Foderare una placca con carta forno e metterci su i peperoni. Infornare per circa 40 minuti (ma verificare potrebbe volerci poco più, poco meno) girandoli a metà cottura. Nel frattempo tagliare le olive a rondelline, tagliare il pane raffermo a tocchetti e ungere con pochissimo olio e aggiungere un pizzico di sale. Abbrustolire il pane in una padella antiaderente o nel forno quando abbiamo tolto i peperoni, per pochi minuti (cinque o sei, il tempo della doratura). Quando i peperoni sono pronti, toglierli dal forno, metterli in un sacchetto di carta e dopo un quarto d’ora circa spellarli; quindi condirli con olio, sale, limone, aglio, capperi, olive e i tocchetti di pane. Metterli in una teglietta da forno e cospargere con il pan grattato. Ancora un filo d’olio in superficie e si possono mettere in forno per circa 20 minuti.

INGREDIENTS
4 bell peppers 
10 capers
10 pitted green olives
10 pitted black olives
200g of stale bread
100g of breadcrumbs
olive oil, salt, garlic (optional), lemon
PROCEDURE
Preheat oven to 160 °. Wash the peppers, remove the stems, seeds and filaments inside, taking care not to break them. Line a baking tray with parchment paper and allow peppers to roast for about 20 minutes, then using tongs, give peppers a half turn and place them in the oven for another 20 minutes. Meanwhile, chop olives, cut the bread into chunks and grease with a little olive oil and add a pinch of salt. Toast the bread in a pan or in the oven when we removed the peppers, for a few minutes (five or six). When the peppers are ready, remove from oven, place them in a paper bag and after a quarter of an hour peel them; then toss with olive oil, salt, lemon, garlic, capers, olives and chunks of bread. Place them in a pan and sprinkle with breadcrumbs. Drizzle a little olive oil on the surface and put in the oven for about 20 minutes.

Facebook Comments

60 Comments on Peperoni arrostiti con capperi e olive – Roasted bell peppers, capers and olives

  1. Sugar Ness
    3 Marzo 2015 at 9:14 (5 anni ago)

    Cara cuoca, come ti capisco… Ti scrivo avvolta nel mio plaid con 39 di febbre… Io che avevo passato indenne il mese dei malanni!!! Mi piacciono i peperoni! E capperi ed olive sono la morte loro! 😉

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      3 Marzo 2015 at 11:22 (5 anni ago)

      Grazie Vanessa…. i odi solito non mi ammalo mai… ma quest'anno io e un esercito di persone (te compresa!) abbiamo ceduto!…. Mi raccomando riprenditi presto! Un bascione forte!

      Rispondi
  2. SimoCuriosa
    3 Marzo 2015 at 9:49 (5 anni ago)

    no no mi spieghi per benino …li metto in un sacchetto di plastica? questa non la sapevo..serve per spellarli meglio?
    li proverò! prossima settimana li metto nel menù! mi piace troppo questo contorno!

    per quanto mi riguarda cara Patty, invece io sono contenta che nel mese di febbraio..non sia successo nulla..
    ho avuto un gennaio molto tempestoso (mio figlio operato d urgenza d appendicite …e grosso incidente con la macchina a mio marito) anche se per fortuna tutto è andato bene
    ma …ne ho già avute per tutto l'anno..tu che dici?
    tanti bacini e buona giornata
    ps spiegami del sacchetto eh?
    BaScionone

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      3 Marzo 2015 at 11:30 (5 anni ago)

      Ciao tesoro!!!! Innanzi tutto fammi dire che mi dispiace per tuo marito…. non lo sapevo!!!! Tuo figlio invece avevo letto dell'intervento….. mò basta però….
      il sacchetto è quello di carta del pane, non di plastica…. i peperoni sono bollenti e potrebbe essere nocivo. Invece tu li metti in quello di carta, li fai stare circa un quarto d'ora e poi li spelli facilmente, alla fine gli dai una sciacquata sotto l'acqua corrente. In verità io li mangio anche semplicemente conditi dopo averli spellati, ma così sono veramente uno tira l'altro!
      Ti bascio forte forte!!!!

      Rispondi
    • SimoCuriosa
      10 Marzo 2015 at 8:31 (5 anni ago)

      li farò! mi piace un sacco l'idea del sacchetto, anche a me piacciono semplicemente grigliati e conditi!
      ma così sono senz'altro più sfiziosi
      poi ti faccio sapere come va!
      smuackkkkkkkkkkkkkk

      Rispondi
  3. Natalia
    3 Marzo 2015 at 10:38 (5 anni ago)

    Mi sono divertita un mondo, soprattutto alla descrizione del marito con vestaglia e mantellina!!!
    Sperando che le influenze siano un ricordo lontano, e lo dico non solo a te ma anche a me, mi gusto queste verdure che cucinate così le adoro. Buonissime.
    Baci.

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      3 Marzo 2015 at 11:32 (5 anni ago)

      Si si Nat facciamo le macumbe che le influenze siano definitivamente andate!!! Un bascione cara!

      Rispondi
  4. Valeria Della Fina
    3 Marzo 2015 at 11:22 (5 anni ago)

    Un bel modo per preparare i peperoni, me lo ricorderò!
    La febbre non mi ha ancora toccata.. e spero che non arrivi proprio ora!! Un bacione 🙂

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      3 Marzo 2015 at 11:33 (5 anni ago)

      Hai resistito fino ad ora, perchè cedere? Forza, nessun malanno! Un bascione forte!

      Rispondi
  5. Antonella
    3 Marzo 2015 at 12:06 (5 anni ago)

    Ciao Patty, questi peperoni hanno l'aria squisita. Febbraio è stato un mese di malanni per tutti a quanto pare. Io sono riuscita a fare poco e niente e passo da un'influenza all'altra, finirà, spero! Baci.

    Rispondi
  6. Unafettadiparadiso
    3 Marzo 2015 at 13:24 (5 anni ago)

    Mi auguro che tutti i vostri malanni siano archiviati adesso e che siate pronti per accogliere la bella stagione, io la annuso già nell'aria e tu?
    I peperoni li amo ma non posso mangiarli, mi uccidono, pensa quando non sapevo la controindicazione ne mangiavo a chilate, soprattutto arrostiti, ora non pozzo.
    Sai che a fine mese vado a Napoli? Non vedo l'ora Pa!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      3 Marzo 2015 at 17:12 (5 anni ago)

      …Valentì e fatti sentire che ci vediamo… magari cerchiamo di fare un micro raduno, che dici? Un bascione!!

      Rispondi
  7. Ale
    3 Marzo 2015 at 13:59 (5 anni ago)

    ottima ricetta Patty!!!!!

    Rispondi
  8. i Pasticci di Terry
    3 Marzo 2015 at 14:00 (5 anni ago)

    Questo sformato deve essere buonissimo! Ahaahhhh Patty mi hai fatto morire dalle risate …. no, scusa, volevo dire non quando ho letto che sei stta tanto male, lì mi è dispiaciuto!! Ma leggere del consorte in quasi fin di vita con BEN 37.5 di febbre! Gli uomini sono proprio tutti uguali eh!!?? Ti abbraccio tesoro e cerca di riprenderti in fretta ♥

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      3 Marzo 2015 at 17:16 (5 anni ago)

      Sapevo ch emi avresti capita…. anche il tuo chiama i propri cari al capezzale con due lineette? Un bascione stella mia!

      Rispondi
  9. Manuela e Silvia
    3 Marzo 2015 at 15:53 (5 anni ago)

    Evviva i peperoni….proprio non sappiamo dire di no al loro gusto e profumo che ricorda l'estate anche nelle giornate più grigie! Una teglia gustosa e aromatica, proprio come piace a noi 🙂

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      3 Marzo 2015 at 17:17 (5 anni ago)

      Infatti… è come respirare un pò di anticipo di stagione! Un bascio forte forte

      Rispondi
  10. Maria Grazia
    3 Marzo 2015 at 16:21 (5 anni ago)

    Mi hai fatto sbellicare dalle risate, Patty! E questo nonostante il poco piacevole argomento, ovvero il virus influenzale. Qui altro che febbre a 37.5 il consorte. Per un taglietto infinitesimale causato dalla pagina nuova di un libro, invisibile perfino al microscopio, dobbiamo chiamare il Dr. House 😀
    Dai, mi gusto questo antipastino saporitissimo e dimentico questi tristi episodi 🙂
    Un bascione, meraviglia!!!
    MG

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      3 Marzo 2015 at 17:25 (5 anni ago)

      MG sti mariti sono delle macchine tragiche… poi il mio è stato tutto il tempo a dire che lui non poteva ammalarsi … altrimenti l'università senza di lui non avrebbe più potuto funzionare! Un bacsione cara

      Rispondi
  11. gwendy
    3 Marzo 2015 at 17:09 (5 anni ago)

    non preoccuparti Patty,anche qui da noi è passata l'influenza e per ben due volte tra gennaio e febbraio!!!
    Per fortuna ci siamo ripresi anche se con qualche acciacco!!
    Il tuo piatto è proprio gustoso,ci mangerei insieme una fila di pane!!!!
    Baci

    Rispondi
  12. simona mirto
    3 Marzo 2015 at 17:16 (5 anni ago)

    E che siano finite sul serio le influenze tesoro!!! Noi ci siamo ammalati tutti e 3 ben 2 volte e la seconda è stata tremenda… febbre a 40… nn voglio nemmeno più pensarci…e non vedo l'ora che arrivi la primavera… con i suoi colori e sapori genuini… Adoro…. così come adoro i peperoni arrostiti… una delle prelibatezze che non manca mai sulla mia tavola… squisita questa versione gratinata:* un bacione tesoro

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      3 Marzo 2015 at 17:34 (5 anni ago)

      Grazie gioia…. quest'anno ho visto che è stata parecchio pesante per tutti…. sembrava non voler passare mai! Un bascione biondissima!

      Rispondi
  13. Angelica M
    3 Marzo 2015 at 18:56 (5 anni ago)

    è molto saporito e gustoso questo piatto vegetariano! Sei bravissima! Spero che ora stai bene! Cara Patty ti consiglio prendere la spirulina in polvere perché aiuta a prevenire l'influenza! Mi aiuta! Un bacione e buona serata 🙂

    Rispondi
  14. speedy70
    3 Marzo 2015 at 23:33 (5 anni ago)

    Patty sei simpaticissima, è uno spasso leggerti…. Una delizia i peperoni così cucinati, brava!

    Rispondi
  15. Annalisa B
    4 Marzo 2015 at 0:16 (5 anni ago)

    Se fossi lì non potrei resistere ai tuoi manicaretti, così come non riesco a non rallegrarmi, quando ti leggo!!!
    Un abbraccione Patty! <3

    Rispondi
  16. Dolcemeringa Ombretta
    4 Marzo 2015 at 10:50 (5 anni ago)

    ah ah adoro venire a leggerti perche' descrivi benissimo tutto!!! anche a casa mia e' stato il mese delle influenze e ancora non ci lascia del tutto in pace… tralasciando gli uomini che con una lineetta sono moribondi al contrario di noi donne che andiamo sempre avanti devo dirti che non ne posso piu', sto spettando con ansia il caldo che spero porti via tutti i malanni!!!!
    i peperoni sono una favola io li mangerei cosi con un po' di pane!!!
    un bacione grande

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 Marzo 2015 at 10:20 (5 anni ago)

      Grazie Ombry…. si questo sesso forte è una piaga sociale… se non ci fossimo noi…. 😀 Un bascione!

      Rispondi
  17. giovanna pisano
    4 Marzo 2015 at 12:05 (5 anni ago)

    ahahhah, Patty sei una forza, per noi i mesi critici sono dicembre -gennaio, abbiamo già dato 🙂
    Bellissimo il piatto, anche io sto cercando di far riposare il fegato, chissà quanto durerà sto riposo 🙂

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 Marzo 2015 at 10:23 (5 anni ago)

      Se il tuo fegato ha una proprietaria come il mio… il riposo durerà molto poco! Grazie gioia! Un bascione

      Rispondi
  18. Paola Sabino
    4 Marzo 2015 at 16:49 (5 anni ago)

    ahahahahahah.. mi hai fatto morire dalle risate. Le fatine a fasi alterne sono uno spasso (da leggere, perché immagino l'esaurimento che ti è preso :). Insomma il carico di dolci e zucchero te lo sei smaltito alla grande. Sti peperoni ci stanno.. pure fritti, secondo me!

    Rispondi
  19. Elisa Cima
    4 Marzo 2015 at 21:36 (5 anni ago)

    Cara spero tu ti sia ripresa,mamma mia quest'anno linfluenza è stata terrificante!!!
    Però lo posso dire??? Mi hai fatto troppo ridere…la scena del marito con tua vestaglia da nubile dovevi immortalarla in una fotografia eh eh eh!!!
    Buonissimi i peperoni così!!
    Bacione

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 Marzo 2015 at 12:24 (5 anni ago)

      Era uno spettacolo ca nun se poteva guardà!!! Mamma mia quando uno pensa seriamente alla separazione…. Un bascione grosso tesoro bello!

      Rispondi
  20. consuelo tognetti
    4 Marzo 2015 at 21:48 (5 anni ago)

    O mamma Patty..una sciagura dietro l'altra O_O
    Che golosissima ricetta..me ne sono già innamorata 🙂

    Rispondi
  21. Cucina che ti passa - RUMI -
    5 Marzo 2015 at 10:29 (5 anni ago)

    O:o ok si per te febbraio è meglio che sia passato!!! povera che hai passato… fortuna che almeno un dolce consola e fa riprendere le forze!!

    Rispondi
  22. Mimma Morana
    5 Marzo 2015 at 18:01 (5 anni ago)

    ….gli uomini….si dovrebbero ammazzare da piccoli….il tuo sformato è divino!!! anch'io metto i capperi con i peperoni!!!! bravissima!!!!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      6 Marzo 2015 at 16:55 (5 anni ago)

      Il problema è che poi la specie si bloccherebbe….. :D!!!
      Ma quanto sono buoni i capperi coi peperoni?? Un bascione cara

      Rispondi
  23. La cucina di Esme
    6 Marzo 2015 at 19:49 (5 anni ago)

    povera cuoca un febbraio proprio sfortunato ! Però sul marito zombie il sorriso me lo hai strapato lo stesso perchè smbra il gemello del mio …un mal di testa e 37.1 …e si entra in coma!!
    Questa preparazione mi incuriosisce perchè è molto diversa da come usualemnte preparo io i peperoni a capperi e olive, per cui curiosità vuole che la replichi presto!
    baci e buon we
    Alice

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      8 Marzo 2015 at 8:15 (5 anni ago)

      Alice tutti i mariti sono fatti così! Non si scappa!
      Vengo a cercare da te come la fai la ricetta dei peperoni… anche tu mi hai messo la pulce nell'orecchio! Un bascione

      Rispondi
  24. www.mipiacemifabene.com
    7 Marzo 2015 at 16:04 (5 anni ago)

    Pattyyyy! Adoro i peperoni con il pane e i capperi! Quando vengo dalle tue parti mi porto via sempre qualche panino imbottito con questi peperoni (imbottiti a loro volta) 😀 Anche la foto rende l'idea… 😛 Un abbraccio tesor
    Ciao a presto
    Federica 🙂

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      8 Marzo 2015 at 8:20 (5 anni ago)

      Ma quando vieni dalle mie parti….. vieni a trovarmi!!!! Si lo so noi al sud facciamo tutto imbottito… è più forte di noi!!! 😀
      Un bascione cara!

      Rispondi
  25. Fausta Lavagna
    8 Marzo 2015 at 8:57 (5 anni ago)

    bella la tua ricetta!!! I peperoni mio marito li adora in agrodolce (un po' alla siciliana, con capperi, olive, pinoli, uvetta…), ma con questi sono sicura di conquistarlo! :)))
    Nel frattempo spero che tu ti sia ripresa del tutto e che non abbia quei fastidiosi strascichi che non ti consentono di metterti a letto e "farti coccolare" (?!?), ma neanche di avere il pieno di energia. Dai che è quasi primavera!!! Addio ai malanni di febbraio… Un baciotto 🙂

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      8 Marzo 2015 at 17:46 (5 anni ago)

      Fausta resisto!!!! In realtà è passato tutto per fortuna! Ora sto bene e più passa il tempo più sto meglio e ben preparata per andare incontro alla primavera! Ti bascio forte

      Rispondi
  26. Zonzo Lando
    9 Marzo 2015 at 8:35 (5 anni ago)

    Cara cuoca Patty tu non pensi solo alle tue fatine, ingegneri ecc., pensi anche a noi con queste meraviglie! Che coccola!!! WOW Buona settimana cara! Un bacione!

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.