Dall’enciclopedia della donna della mamma della cuoca Pa. Aneddoto familiare. Dopo aver messo l’olio a scaldare, la cuoca Pa chiede alla fatina Fe: “Tesoro è un lavoro noioso che ti chiedo di fare… Mi porteresti le bugie, così le friggo?”
La fatina Fe, non avendo avuto istruzioni migliori e ragionando sul metodo migliore per non svolgere un lavoro noioso, ha preso la tovaglia dal tavolo per i 4 angoli e l’ha portata a mò di fagotto alla cuoca Pa…. alla quale è venuta una semicrisi in seguito alla quale però la fatina Fe al ritmo di “Te le salvo tutte, te le salvo tutte” le ha veramente salvate tutte.
Quindi NON fatevi aiutare da un’adolescente che staziona nei paraggi e se proprio lo dovete fare, dettate istruzioni precise a prova di errore!

 

INGREDIENTI:

500gr di farina
100gr di zucchero
50gr di burro
2 uova
1 bicchierino di vino bianco
1 bicchierino di rhum
1 pizzico di sale
1/2 bustina di lievito
olio per friggere

PROCEDIMENTO:

 

Montare le uova con lo zucchero e il sale. Aggiungere il burro morbido, tagliato a tocchetti molto piccoli, il vino bianco, il rhum ed infine la farina setacciata con il lievito. Si avrà un panetto morbido e liscio da far riposare in frigo una mezz’oretta avvolto nella pellicola. Tirar fuori la macchina per tirare le sfoglie (questa volta ho dovuto cedere!!). Tagliare un tocco di pasta, appiattirlo un pò e passarlo nella macchina partendo dall’apertuna più ampia fino a quella più sottile. All’inizio si “strappa”, ma bastano due giri nella apertura ampia dopo aver ripiegato la pasta su sè stessa e tutto va a posto.
Man mano che sono pronte metterle su una tovaglia coperte da un’altra tovaglia. Coninuare così fno alla fine del panetto. Mettere in un pentolino o in una capiente padella olio per friggere e quando è pronto (fare la prova stecchino: se fa le bollicine immergendolo allora l’olio è pronto) buttarne giù due tre per volta. Attenzione perchè si devono solo gonfiare, girare, togliere. Quindi niente distrazioni! Metterle man mano che sono pronte a scolare sulla carta assorbente e infine cospargerle con lo zucchero a velo.

 

Facebook Comments

11 Comments on Bugie… guanti… chiacchiere… frappe….ecc

  1. Cinzia
    10 Febbraio 2013 at 11:48 (7 anni ago)

    ahahahhh! che sincope mi sarebbe venuta.. dopo averle tutte tirate e ben ritagliate e stese "unaperuna"! Ma ricordo ancora quando la mia maestra mi disse di andare a vuotare l'acqua del vaso (omettendo di specificare "al bagno") ed io lo feci nel cestino della carta (vero che ero in terza elementare però, in po' di comprendonio..!)
    le tue chiacchiere sono proprio belle, sembrano anche fragrantissime 🙂
    baci buona domenica

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Febbraio 2013 at 15:37 (7 anni ago)

      Grazie Cinzia… con i bambini o si è precisissimi o niente! Fatto è che noi adulti diamo tutto per scontanto i bimbi no! Un bascio!

      Rispondi
  2. ILENIA MEONI
    10 Febbraio 2013 at 11:53 (7 anni ago)

    ….ecco mi ero persa questo post….buon appetito….corro….

    Rispondi
  3. lalexa
    10 Febbraio 2013 at 11:55 (7 anni ago)

    Ahahahah Patty!!! Brava fatina Fe! ;)))) D'altronde… questo si chiama ingegno 😉 Mi immagino la tua faccia quando si è avvicinata in stile babbo natale con sacco di regali in spalla 😉 ahaha. Beh… e poi se le ha salvate tutte…ne sarà avanzata una per me 😉
    Un bacio e buona domenica

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Febbraio 2013 at 15:38 (7 anni ago)

      Mi si sono piegate le ginocchia, soprattutto perchè avevo l'olio che stava per cominciare a fumare e avrei dovuto gettare tutto… è stata brava alla fine… porella! Un bascio!

      Rispondi
  4. Ketty Valenti
    10 Febbraio 2013 at 15:04 (7 anni ago)

    Anche queste deliziose cuochina,povera fatina Fe,però alla fine è stata brava a rimediare al danno sù.Saluta la fatina Fe e buona giornata di Carnevale se lo festeggiate.
    Z&C

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 Febbraio 2013 at 15:40 (7 anni ago)

      Si, Ketty, è stata brava! Noi festeggiamo domani pomeriggio: la fatina ha organizzato una festa… un'altra calata dei barbari! Almeno il giorno dopo ci si riposa: niente scuola! Un bascio!!

      Rispondi
  5. Piovonopolpette
    11 Febbraio 2013 at 22:33 (7 anni ago)

    Che belle e come sono sottili Pattyyyyy! Macchina per la sfoglia, a me!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      12 Febbraio 2013 at 10:44 (7 anni ago)

      Polpy pensa che pur di non tirarla fuori dal mobile e successivamente dallo scatolo preferisco tirare a mano, anche perchè il gancio di blocco non è largo come il mio piano di lavoro e mi devo appoggiare al "cuciniere" che però è piccolo e sporco tutto. Con le chiacchiere però ho dovuto cedere! Un bascio!!

      Rispondi
  6. Anna
    13 Febbraio 2013 at 8:46 (7 anni ago)

    Tu apri uno squarcio sul mio futuro molto vicino: aiutoooooooo!

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.