La cuoca Pa ha un fratello di quindici mesi più piccolo di lei e come quasi tutti ha avuto un’infanzia. Senza dubbio per lei è stata un’infanzia felice, per il fratello un pò meno, visto che era vittima sacrificale di scherzi a volte benevoli a volte terrificanti. Qualche altra volta ci dilungheremo un pò di più nella descrizione di questi scherzi ma per dirne solo uno, quando la cuoca e il fratello litigavano, le rare volte che la cuoca aveva la peggio fingeva per esempio di non vederci più. Il principino Giò si spaventava talmente tanto che smetteva e la cuoca riusciva a scappare. Magari la prossima volta racconteremo di quando spaventò a morte il principe Giò grazie ad un pigiama. Ma perchè tanto accanimento nei confronti di questo fratellino, che era pure un bel bambino tranquillo? Perchè era un piagnone (oggi lui si definisce neofobo…) e la cuoca Pa non sopportava sta patella piangente e paurosa che le stava sempre attaccata e che doveva portarsi sempre dietro. Oggi parleremo di uno dei pianti inutili del principino Giò. Al grande castello dove il principe e la cuoca Pa hanno vissuto le loro esistenze prima di sposarsi, arrivava Babbo Natale, ma arrivava sul serio: non parlava ma rideva molto, aveva come tutti i Babbi Natale che si rispettino il vestito rosso bordato di bianco, la cintura nera da karateka, il cappello, una folta barba bianca, la panza e le scarpe del papà della cuoca e del principe. Uguali, dico le stesse, forse le avevano comprate nello stesso negozio dove i folletti non erano capaci a fabbricare altri modelli. Dling dlong… Suonava il campanello della porta, i bambini gli aprivano eccitatissimi, lui andava vicino all’albero e posava il suo sacco carico di doni (due, uno per uno, erano tempi in cui i bambini ricevevano un regalo a Natale e uno al compleanno), scioglieva il cordino che lo teneva chiuso e con profondi inchini consegnava i pacchi incartati e infiocchettati ai due pargoli saltellanti. Mangiava due biscotti e beveva un pò di succo di arancia (per forza aveva la panza, pensa se faceva così in tutte le case dove passava!!) e poi se ne andava, non prima che la regina Clo, mamma dei due piccini avesse scattato le due foto di rito (una perchè si e una perchè non si sa mai!). Un anno ci fu una tragedia, che Natale in casa Cupiello fa un baffo e anche mezza barba. Era la sera del 24 dicembre, avevano mangiato tutti insieme, sparecchiato, messo nuovamente la tovaglia rossa sulla quale veniva distribuito “lo spassatiempo”, un misto di arachidi, pistacchi, semi di zucca, datteri e fichi secchi, da sgranocchiare in attesa dell’evento. Dling dlong, ecco il campanello!! I bambini corrono seguiti dalla nonna e dal papà e aprono la porta: Babbo Natale!!!! La cuoca Pa comincia a saltellare e a emettere gridolini di gioia, si gira per un noto fastidioso rumore e trova il principe Giò in lacrime, spaventatissimo, che tenta di allontanarsi placcato dalla nonna. Babbo Natale da dietro la barba assunse un’espressione delusissima e dispiaciuta: tentò di avvicinarsi al bambino, ma questi niente si rifugiava dietro le gambe del papà e non volle sapere ragione. La nonna chiese: “Ma cos’hai? Non sei contento che è arrivato Babbo Natale?” “No – rispose il piccolino – quello non è Babbo Natale, ha lo smalto sulle unghie!!!” Non c’era l’età e nè erano tempi di pensare che babbo Natale nei tempi morti estivi sbarcasse il lunario lavorando come drag queen in qualche teatro. La cuoca Pa alzò gli occhi al cielo immaginando di strozzare quel piccolo impiastro in modo da poterlo togliere di mezzo per l’anno successivo quando magari Babbo Natale, nel caso avesse voluto, si sarebbe potuto presentare anche in bermuda a fiori. Babbo Natale si guardò le mani e tentò di nasconderle nelle maniche senza successo. La cuoca Pa accompagnò il nuovo Babbo Natale verso l’albero e gli disse: “Vedi è qui che quell’altro ci da i regali”. Babbo Natale tolse i doni dal sacco di iuta e quel baccalà del principino se lo fece passare da lontano, tramite la nonna, manco fosse appestato. Il papà fece le due solite foto, nelle quali si può ammirare il principe che piange e Babbo Natale se ne andò. Quando qualche minuto dopo la cuoca rivide la sua mamma che aveva un espressione un pò mogia, le raccontò tutto il fatto: “Sapessi che brutta figura ci ha fatto fare!!”. Fatto sta che quel Babbo Natale si è offeso talmente tanto che in quella casa non ci è più tornato, mai più, hanno sempre rivisto il solito Babbo Natale, quello con la panza e le scarpe marrone scuro uguali a quelle del loro papà.

 

 Questi muffin la cuoca Pa li ha bellamente copiati da Paola, la regina dei cupcakes, di Radici di Zenzero, variando solo il tipo con il fiocco di neve, togliendo la farina di cocco e mettendo quella normale e aggiungendo qualche frutto di bosco (visibile, maledetto, perchè non è andato giù!). E Paola (cuore di mamma non mentirà) chiuderà un occhio sulle decorazioni, che non sono i suoi splendidi  e morbidi frosting, ma alberelli di glassa al limone fatti dalla fatina Fla!

INGREDIENTI per 12 pezzi:

130gr di farina
130gr di zucchero
130gr di burro a temperatura ambiente
50gr di farina di cocco (oppure farina normale + 50 gr di frutti di bosco)
2 uova
1/2 bustina di lievito
1 pizzico di sale

PROCEDIMENTO:

Accendere il forno a 180. Montare il burro con lo zucchero, aggiungere un uovo alla volta e mescolare per farli incorporare bene. Aggiungere la farina setacciata con la farina di cocco e il lievito, mescolare per amalgamare bene. Se si aggiungono i frutti di bosco, spolverizzarli un pò con la farina e mescolare delicatamente con una spatola dall’alto in basso. Infornare per 20′.

(function(i,s,o,g,r,a,m){i[‘GoogleAnalyticsObject’]=r;i[r]=i[r]||function(){
(i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o),
m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m)
})(window,document,’script’,’//www.google-analytics.com/analytics.js’,’ga’);

ga(‘create’, ‘UA-57293687-1’, ‘auto’);
ga(‘send’, ‘pageview’);

Facebook Comments

67 Comments on Muffin al cocco e racconti di Natali passati

  1. Giovanna vanna
    12 Dicembre 2012 at 11:50 (7 anni ago)

    che belli, li devo assolutamente fare anch'io, e speriamo che mi vengano bene!! ciao cara!

    Rispondi
  2. Valentina
    12 Dicembre 2012 at 12:14 (7 anni ago)

    Patty 🙂 Paola sarà orgogliosissima di te, questi cupcakes sono bellissimi, golosi e pieni di amore! Brava fatina Fla e brava tu! 😀 Che bella la foto col piagnone e la conquistatrice 😀 e che bello il post, è sempre un piacere leggerti! 🙂 Un abbraccio grande e complimenti, buona giornata! 🙂 :*

    Rispondi
  3. Radici di zenzero
    12 Dicembre 2012 at 12:38 (7 anni ago)

    Patty ma questo è un regalo stupendooooo, mi emozioni sempre tu!!! Non ce la posso fare!!! Che onore davvero! Queste cupcake sono bellissime sarò io la prossima volta a provare la tua glassa, posso essere un regalino di Natale davvero delizioso , personalizzato e originale…Bravissima. La tua storia è come al solito avvincente e divertentissima…la foto è una meraviglia!
    Un bacio a te, alle fatine al principe e soprattutto al Piagnone Neofobo
    TVB
    Paola

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      12 Dicembre 2012 at 14:25 (7 anni ago)

      Hai ragione, la glassa… pronto il premio stordito d'oro!!! Grazie Paola. Io adoro i tuoi cupcakes, anche come li decori sono splendidi!! In realtà per la glassa mi sono regolata ad occhio: zucchero a velo, succo di limone e pochissimo colorante…poi le stelline

      Rispondi
  4. Luca Monica
    12 Dicembre 2012 at 12:49 (7 anni ago)

    Bellissimo!!!
    Babbo Natale con lo smalto!!!!! che occhio sto principino…..mi sono persa nel tuo racconto…come al solito mi hai fatto rivivere la magia di quel momento! Brava…
    I muffin…che dire…perfetti soprattutto la decorazione della fatina Fla altro che frosting…

    Un abbraccio a tutti voi
    Monica

    (fotocibiamo)

    Rispondi
  5. e il basilico
    12 Dicembre 2012 at 13:06 (7 anni ago)

    Ma che bel regalo di Natale! Vorrei dare un morso al muffin con l'alberello verde, si può?

    Rispondi
  6. Sandra
    12 Dicembre 2012 at 13:26 (7 anni ago)

    ma che storia bellissima Patty! e che muffin meravigliosi!!!!
    baci
    Sandra

    Rispondi
  7. Alessia Casarotti
    12 Dicembre 2012 at 13:33 (7 anni ago)

    Che carini questi muffin Patty! Riesci "quasi" a farmi apprezzare il Natale…
    Un bacione!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      12 Dicembre 2012 at 14:27 (7 anni ago)

      Ah, bacchettata sulle mani… come quasi??? sei giovane, apprezzerai di più con l'età! un bascio!

      Rispondi
  8. patatenovelle
    12 Dicembre 2012 at 14:11 (7 anni ago)

    ahahaha, patty è fabntastica questa storia! …lo smalto alle unghie e un babbo natale che drag queen ancora non poteva essere…grazie, davvero divertente
    a presto
    fulvia
    ps io ho paura di fare danni con i muffins, soprattutto per la decorazione! mah, proverò
    ciao
    fulvia

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      12 Dicembre 2012 at 14:29 (7 anni ago)

      No Fulvia, li ho fatti io (e questo già è garanzia di successo in quanto pastrocchiona che di più non si può) e li ho fatti decorare dalla fatina…. La cucina è ancora bianca e faggio! Un bascio!

      Rispondi
  9. Artemisia1984
    12 Dicembre 2012 at 15:58 (7 anni ago)

    ma che belli tutti natalizi! e come eravate cuccioli nella foto 🙂

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      12 Dicembre 2012 at 22:12 (7 anni ago)

      Eravamo piccoli piccoli… pensa che ora il piagnone è alto quasi uno e novanta! Un bascio!

      Rispondi
  10. Vale@Lattealcioccolato
    12 Dicembre 2012 at 16:40 (7 anni ago)

    Haahahahah Patti! M'hai fatto morire dal ridere! Il Babbo con lo smalto mi mancava però xD Pensa che a casa mia non si fa manco vedere. Dobbiamo uscire noi a cercarlo e quando torniamo ci ha battuto sul tempo e ci ha già portato i doni 🙂
    I muffin sono bellisssssimi. E le decorazioni altrettanto 😉 Baci :***

    Rispondi
  11. Ketty Valenti
    12 Dicembre 2012 at 16:49 (7 anni ago)

    Cuochina ma io li trovo bellissimi,sono così colorati e natalizi….anche il tuo racconto mi è piaciuto tanto! a presto cara un abbraccio Z&C

    Rispondi
  12. Roberta Morasco
    12 Dicembre 2012 at 17:29 (7 anni ago)

    Ciao Patty!!!
    ah!ah!ah!..ma povero il tuo fratellino…ma aveva ragione a piangere…e scusa..ma quel Babbo Natale se lo poteva pure togliere lo smalto per l'occasione..mica sono citrulli i bambini!!!
    Ma guarda che hai fatto die bellissimi muffin..non so come siano quelli di Radici di Zenzero, che dopo vado a vedere, ma questi sono bellissimi, soprattutto quelli con l'alberello!!!
    Bravissima!! Bacioni, Roberta

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      12 Dicembre 2012 at 22:15 (7 anni ago)

      Roby… e che il babbo natale sostituto non ci aveva pensato… si era tutta preparata per la cena di natale che lo smalto era l'ultimo dei suoi problemi! Valli a vedere i muffin di Paola, sono uno più bello dell'altro! Un bascio

      Rispondi
  13. Ely
    12 Dicembre 2012 at 19:08 (7 anni ago)

    Cuochina Pa.. ogni volta che ti leggo, che leggo di te.. delle tue storie.. mi avvolge la tenerezza e la malinconia di ricordi che brillano nel cuore; mi avvolge la tua simpatia, la tua ironia, che maschera dell'immenso amore. Sei unica. La foto è stupenda, come lo siete tutti e due: il piagnone e la conquistatrice. 🙂 I tuoi muffins sono qualcosa di incantevole. Sembra che siano nati da un pensiero di neve! Ti voglio tanto bene!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      12 Dicembre 2012 at 22:17 (7 anni ago)

      Grazie Ely, le tue parole mi toccano sempre… I muffin è possibile che siano nati da un pensiero tanto lieve, l afatina Fla è una creaturina eterea, molto delicata e tanto romantica. Un bascio tesoro mio!

      Rispondi
  14. Piovonopolpette
    12 Dicembre 2012 at 22:38 (7 anni ago)

    Ho letto il tuo racconto tutto d'un fiato… eh, che piagnone il principino!!! Non lo sa che Babbo Natale è un gran simpaticone che adora seguire la moda?! Da noi non si è mai fatto vedere, però ho incontrato qualche simpatico elfo che lavora per lui 😀 Mi fai troppo ridere Patti!!!! Un bacio! E tanti complimenti alla fatina Fla per la decorazione!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      17 Dicembre 2012 at 15:04 (7 anni ago)

      polpy mi sono resa conto solo ora che non ti ho mai risposto… scusami! Grazie per i complimenti, li riferirò alla fatina Fla! Un bascio e scusami ancora!

      Rispondi
  15. Elisabetta S.
    13 Dicembre 2012 at 0:57 (7 anni ago)

    Anch'io ho un fratello più piccolo (il principino di casa dato che è arrivato dopo tre femminucce), ma era sempre lui ad avere la meglio su di me 🙁
    Io non ho mai visto Babbo Natale, trovavo solo i regali sul camino, chissà come faceva a scendere con la panza che si ritrova!però che fashion con lo smalto…
    I muffin sono deliziosi e le decorazioni della fatina Fla sono bellissime.
    Un bacione a tutti gli abitanti del castello

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      13 Dicembre 2012 at 9:46 (7 anni ago)

      Grazie Eli, i babbo natale hanno i loro metodi per venir giù dai camini!
      Un bascio!!

      Rispondi
  16. Elisabetta S.
    13 Dicembre 2012 at 1:00 (7 anni ago)

    Ah…quasi dimenticavo…che meraviglia la nonna!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      13 Dicembre 2012 at 9:47 (7 anni ago)

      Grazie tesoro… di Nonna Tina ne ho parlato nella ricetta con cui ho vinto il contest dei dolci della nonna di Una fetta di paradiso… La adoravo! Un bascio!

      Rispondi
  17. Sandra dolce forno
    13 Dicembre 2012 at 8:22 (7 anni ago)

    Che belli i ricordi di famiglia…e che sveglia la cuoca!!! 😀
    Bravissima la fatina decoratrice, un bacio!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      13 Dicembre 2012 at 9:48 (7 anni ago)

      E non sai quante gliene ho fatte passare a quel povero creaturo! Grazie!! Un bascio,

      Rispondi
  18. La deliziosa signorina Effe
    13 Dicembre 2012 at 9:31 (7 anni ago)

    che ricordi mi hai fatto balzare alla mente con il tuo racconto:)))!!bellissimi questi cupcakes!! buona giornata!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      13 Dicembre 2012 at 9:49 (7 anni ago)

      Grazie signorina, riferirò tutti i complimenti alla fatina in questione! Un bascio!

      Rispondi
  19. SimoCuriosa
    13 Dicembre 2012 at 10:58 (7 anni ago)

    ahaah finalmente MagicaPa… mi fai tornare il sorriso..
    ma che bella la tua storia e quanto eri dispettosa eh? io difendo tuo fratellino perchè anch'io ero sorellINA di due maschiacci (io ero e sono la più piccola) e quando si mettevano d'accordo per farmi i dispetti..poverina io..piccola e indifesa…loro più grandi di 5 e 7 anni..puoi immaginare!
    quindi poverino ecco tu eri tremenda eh? Sei fantastica ma non so se ti avrei scambiata per due fratelli guarda! ahahahah
    hai detto bene per Natale un regalo (se andava bene) e se andava bene un altro per Befana (qui per me spesso andava male)
    ora si fà la lista… ma via uns'esagera un po'? tu che dici? e come fai con le fatine? noi su questo ci siamo sempre "trattenuti" un po'..chissà se abbiamo fatto male o bene…ma vedo che il mio principino è cresciuto uguale! ahahah
    ps comunque anche allo smalto il babbo natale ci poteva anche pensare eh?
    la foto è fantastica
    ohhh basta eh con tutti questi complimenti se no ti monti la testa !!

    anche i dolcetti ti sono venuti bene eh? ora mi ci devo mettere anch'io..prossima settimana si sforna per parenti e amici…ma purtroppo lo dovrò fare dopo cena… lavorando tutto il giorno.
    lo scorso Natale ne sfornai più di 200 li decorai tutti… mammamia che fatica..ma è troppa soddisfazione.. vero MagicaPa?

    smuaaaaaaaaaackkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkk

    Rispondi
  20. ilcastellodipattipatti
    13 Dicembre 2012 at 12:41 (7 anni ago)

    Simo, certo che si esagera!! Tieni conto che poi noi siamo una famiglia molto numerosa: mio marito ha due sorelle e un fratello, io un fratello, poi ci sono i nonni tutti…. Insomma io spesso chiedo di fare un regalo unico, ma invece arrivano montagne di giochi e giochini che a Santo Stefano già non li guardano più! Mamma mia 200 dolcetti??? Hai tutta la mia stima, non avrei potuto! Un bascio tesoro!

    Rispondi
    • SimoCuriosa
      13 Dicembre 2012 at 13:50 (7 anni ago)

      senti ho qualche idea per i biscotti..ma quasi quasi faccio anche questi cupcakes… quanti ne vengono con questa dose?
      ho tante idee in testa..ma capperinosottosale…o come farò fare tutto?
      no non 200 dolcetti..erano biscotti ma forse arrivai anche otlre i 200 poi te li faccio vedere.. anzi su fb le foto dello scorso anno mi sa che ci sono…
      ciauuuu

      Rispondi
  21. SimoCuriosa
    13 Dicembre 2012 at 13:52 (7 anni ago)

    e secondo te quanto si mantengono per regalarli??

    Rispondi
  22. SimoCuriosa
    13 Dicembre 2012 at 13:54 (7 anni ago)

    altra domanda: pensi che con la glassa all'acqua possano venire belli come questi? io l'anno passato mi ci sono trovata benissimo… e visto che era la prima volta che la facevo.. dai su dammi qualche consiglio…però vieni a dirmelo sul mio blog ti spiace?? se no mandami un messaggio pvt su fb..ti spiace'
    grassssssssssssssssssssieeeeeeeee

    Rispondi
    • SimoCuriosa
      14 Dicembre 2012 at 22:54 (7 anni ago)

      ahahhaahahha grasssssssssssssieeeeeeeeeeeeee
      buonfinesettimana
      e finalmente niente scuola dai!

      Rispondi
  23. SimoCuriosa
    13 Dicembre 2012 at 14:40 (7 anni ago)

    altra domanda: ma i coloranti tu come li usi? gel o polvere?
    ohhh basta con le domande ora eh?
    ehe ehe eheh

    Rispondi
  24. Michela
    13 Dicembre 2012 at 19:53 (7 anni ago)

    Io ci ho litigato coi cupcake 😀 i tuoi davvero carini, specie quelli con l'alberello.
    PS: per il pane, Patty, io prima facevo tutto a mano…quindi prova! :')

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      14 Dicembre 2012 at 15:00 (7 anni ago)

      Grazie Michela… proverò! Un bascio e complimenti per le tue panificazioni! Un bascio,

      Rispondi
  25. Vaty ♪
    13 Dicembre 2012 at 21:49 (7 anni ago)

    Patty cara ancora rido.. Ahahah lo smalto !!!
    Sei fortissima veramente :)))
    Paola e' la regina dei cupcakes e i suoi Frosting fanno venire la bava da quanto sono invitanti! Ma tu cara hai fatto dei veri capolavori con la glassa!!! Troppo troppi troppo belli ;))

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      14 Dicembre 2012 at 15:01 (7 anni ago)

      Li ha fatti la mia fatina Fla, per questo sono dei capolavori! Grazie, un bascio!

      Rispondi
  26. missispepper
    14 Dicembre 2012 at 7:04 (7 anni ago)

    Bellissimi e sicuramente buonissimi questi muffin! non so se riuscirei a fare delle belle decorazioni precise come le tue! 🙂 Ps: la foto col fratello piagnone è troppo forte! 😀

    Rispondi
  27. Simona
    15 Dicembre 2012 at 21:11 (7 anni ago)

    bellissimi questi dolcetti!! la gralssa al limone come la fai? scusa la mia domanda da imbranata :))) basciiiii

    Rispondi
  28. Zonzo Lando
    15 Dicembre 2012 at 21:22 (7 anni ago)

    Ahhaha mi hai fatto morire con la storia dello smalto!!! Bellissimi questi muffin, sei stata bravissima con le decorazioni 🙂 Bacioni e buona domenica!

    Rispondi
  29. Marzia
    15 Dicembre 2012 at 22:15 (7 anni ago)

    Ciaooooooooo!! Bellissimi e buonissimi, ne sono certa !! Se passi da me c'è un pensierino per te….ciaoooooooo

    Rispondi
  30. mani di fata
    16 Dicembre 2012 at 15:22 (7 anni ago)

    Si presentano bemissimo! chissà quanto sono buoni!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      17 Dicembre 2012 at 15:08 (7 anni ago)

      Si, sono ottimi…. paola di radici di Zenzero è una maga quando si tratta di cupcakes! un bascio!

      Rispondi
  31. Gloria
    19 Dicembre 2012 at 3:47 (7 anni ago)

    Love yours muffins and love how you garnish!!

    Rispondi
  32. Roberta
    24 Aprile 2013 at 9:39 (7 anni ago)

    No, scusate eh, ma io dove me lo ero perso questo post?!?
    Soprattutto, ma come eri?!? Ora capisco perchè le tue fatine son così belle…tutte a mammà 🙂

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.