Ma quanto bello è campare di rendita? Benedetto sia l’inventore di internet! Ogni tanto la cuoca Pa si siede davanti al pc e vaga su blog amici e meno amici e ogni tanto trova cose bellissime. Tempo fa passò dalla sua amica Michela e mirò questa cosa meravigliosa che le si parava davanti: la treccia russa. Leggendo leggendo vide che Michela si affida molto alle parole dello Zio Piero e passò a trovarlo cercando la treccia. Ok. L’ha dovuta rifare…. ci piacerebbe tanto dire poeticamente che la cuoca Pa presa da euforia estatica l’ha fatta ieri in occasione del duecentesimo iscritto, ma in realtà è stata fatta in occasione del pranzo domenicale scorso. Ieri i festeggiamenti sono stati unicamente verbali.
Certo la cuoca non ha la presunzione di dire che la sua treccia è bella come le altre due che sembrano dei drappi, delle sete, ma è tanto caruccia, dai, non fosse altro che la faceva per la prima volta. Ma se bella bella non era, di sicuro era profumata, morbida, fragrante… ‘nzomma ve la dovete da rifà perchè ne vale veramente la pena!!!
La cuoca ha seguito pedissequamente gli ingredienti dello Zio Piero e le istruzioni di Michela (più alla mia portata, lo zio Piero è troppo artistico!), ma alla fine ci ha aggiunto delle gocce di cioccolato alla menta……. Che ve lo dico a fare? Un profumo di buono si è propagato da quella cucina sabato notte (si perchè il lavoro è partito sabato pomeriggio) che ha stazionato al castello tutto il fine settimana. Domenica pomeriggio la treccia era già finita, ma la sua essenza ci ha accompagnati per un bel pò!

INGREDIENTI:

400gr di farina Manitoba
145gr di latte
8gr di lievito di birra
70gr di burro
90gr di zucchero
2 uova
1 pizzico di sale
100gr di cioccolato alla menta
+ un pò di burro
+ un pò di zucchero

PROCEDIMENTO:

In una capiente ciotola mettere il latte tiepido e il lievito e far sciogliere bene quest’ultimo. Aggiungere, una cucchiaiata alla volta, la farina necessaria per fare una pastella densa. Coprire uniformemente con circa 1 cm di farina e lasciar riposare. Dopo circa un paio d’ore, quando si saranno formate delle crepe, è pronto. A questo punto aggiungere le uova, lo zucchero, il sale e il burro morbido a pezzetti. Impastare, aggiungendo il resto della farina. Si otterrà un panetto liscio e lucido; coprire con un panno e mettere a lievitare fino al raddoppio (nel mio caso ha stentato un pò a partire, ma poi vavavuma!!). Spezzettare la tavoletta di cioccolata in pezzetti piuttosto piccoli.
Capovolgere l’impasto bello lievitato sul piano di lavoro e stenderlo ottenendo una forma rettangolare, spennellarlo con un pò di burro e cospargere un pò di zucchero e i frammenti di cioccolata. Arrotolare l’impasto e tagliare le due estremità per formare le rosette. Tagliare l’impasto in senso verticale lasciando una delle due estremità integre. Avvolgere i due salsicciotti che si sono formati fra di loro lasciando uno spazio alla fine per inserire la rosetta formatasi con il taglio delle due estremità. Mettere l’impasto in uno stampo da plum cake rivestito di carta forno e far lievitare. Se le mie descrizioni fossero troppo arcaiche (in realtà ho sempre paura di spiegarmi come un libro stracciato) andare sul blog di Michela dove ha spiegato tutto passo passo anche con delle belle fotografie. Accendere il forno a 180° e cuocere per 40′. Dopo 30′ ho dovuto mettere un foglio di alluminio perchè mi si stava colorando troppo la parte superiore della treccia.
Sfornare e quando è fredda cospargere con zucchero a velo.
 
 
L’angolo del sommelier: la treccia è dolce ma profumata. Mi piace abbinarla ad un Picolit, delizia friulana.

 

 

Facebook Comments

60 Comments on Treccia russa scupiazzata

  1. Mariangela Circosta
    6 Marzo 2013 at 16:24 (7 anni ago)

    Patty buonissima, si vede!!!!!! Saluti a chi abita nel castello e alla parcheggiatrice madre!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      6 Marzo 2013 at 16:48 (7 anni ago)

      Quella colla crema al cioccolato??? L'ho già puntata! Prima volevo vedere se per caso combinavo delle ciofeche, ma ora sono più tranquilla e parto! un bascio!

      Rispondi
  2. Michela
    6 Marzo 2013 at 16:36 (7 anni ago)

    Patty sei stata bravissima!!! dico davvero :)))
    ma quanto mi hai fatto ridere col "libro stracciato" 😀 aahahahahha

    Sei uno spasso!!!

    Brava amica mia :*

    Rispondi
  3. Tulimami
    6 Marzo 2013 at 16:42 (7 anni ago)

    Mmmmmmmmm buona!!! e complimenti per i 200 follower, galoppi come il cavallo del West! Mi raccomando vieni a lasciare un commento al mio post di blocompleanno, tu ci sei sempre stata!

    Rispondi
  4. Monica Chiocca
    6 Marzo 2013 at 16:53 (7 anni ago)

    Che bellezza Patty! e che bontà dev'essere questa treccia! Ti faccio anche i complimenti per il raggiungimento dei tuoi 200 follower, brava !!! un bacione!

    Rispondi
  5. Andrea
    6 Marzo 2013 at 17:03 (7 anni ago)

    Sembra proprio buona! Io ci vedrei bene anche un bicchierino di Recioto. Buona serata

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      6 Marzo 2013 at 20:54 (7 anni ago)

      Bonno il Recioto… solo che sul vino io sono un pò talebana: sul dolce io metto solo vino dolce…. Se proprio sono in vena di follie vado di prosecco, ma proprio se vino dolce non c'è! Un bascio!

      Rispondi
  6. Ely
    6 Marzo 2013 at 17:25 (7 anni ago)

    Tesoro è bellissima, davvero!! Deve essere soffice e morbidosa, profumata e dolce, come te!! Ti voglio bene e ti faccio tanti complimenti, io coi lievitati sono un disastro.. forse perchè i miei impasti sono freddolosi quanto me 😀 Un baciotto TVB!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      6 Marzo 2013 at 20:55 (7 anni ago)

      Non ci credo Ely… fai delle cose talmente soavi e piene di poesie che non ti credo! Un bascione grande anche a te!

      Rispondi
  7. Piovonopolpette
    6 Marzo 2013 at 17:29 (7 anni ago)

    Patty ma lo sai che l'ho provata anche io lo scorso weekend? Credo però di non aver usato uno stampo troppo piccolo che non ha permesso alla treccia di cuocere dappertutto! Sob 🙁 Però le parti cotte sì che erano buone! Un abbraccio!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      6 Marzo 2013 at 20:57 (7 anni ago)

      Polpy io ho usato un normalissimo stampo da plum cake, e come ho detto ho il sospetto che forse era troppo piccolo perchè nella lievitazione si è gonfiato molto (bello, molto bello) ma tutte quelle belle "striscie che lo fanno sembrare un drappo non sono venute fuori… Riproverò! un bascio!

      Rispondi
  8. cadè
    6 Marzo 2013 at 18:32 (7 anni ago)

    Dai che è venuta benissimo. Baci.

    Rispondi
  9. mimma
    6 Marzo 2013 at 19:21 (7 anni ago)

    E meno male che è "scupiazzata"!!!!! e se era tua e basta cosa veniva fuori????
    La Gioconda o la Cappella Sisitina?????
    Michelangelo e Leonardo, al tuo cospetto, sono dei dilettanti!!!!!
    un bacione e bravissima per tutto!!!! per ciò che ci proponi e per come ce lo proponi!!!!!
    bravissima!!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      6 Marzo 2013 at 21:04 (7 anni ago)

      Vabbuò, mò nun esaggeramm… Michelangelo e Leonardo non si sono mai cimentati in lievitati… che ne sappiamo noi cosa veniva fuori? Grazie, le tue parole mi hanno deliziata! Un bascio!

      Rispondi
  10. Immacolata Cuorvo
    6 Marzo 2013 at 19:34 (7 anni ago)

    Me ne hai fatto venire la voglia credo che la proverò al più presto

    Rispondi
  11. Tortino al Cioccolato
    6 Marzo 2013 at 20:51 (7 anni ago)

    sei stata bravissima, è superba la tua treccia russa!! che meraviglia quando il profumo di dolce resta nell'aria x tutto il giorno!!!

    Rispondi
  12. Roberta
    6 Marzo 2013 at 21:04 (7 anni ago)

    Bravissima cuoca Pa!!! Ultimamente i lievitati mi escono proprio bene…quindi potrei decidere di scopiazzarla anch'io nella versione gluten-free!!!
    Notte e bacio!

    Rispondi
  13. Cristiana Valeria
    6 Marzo 2013 at 21:10 (7 anni ago)

    ….cosa vuoi sentirti dire? che non sei da meno rispetto al Piero e alla Michela?….ebbene: non sei da meno!!!E' bellissima…notte cri

    Rispondi
  14. serena
    6 Marzo 2013 at 21:25 (7 anni ago)

    Mamma mia che bontà!!! Bravissima Pa sei veramente brava! Un abbraccio forte Serena

    Rispondi
  15. Vaty ♪
    6 Marzo 2013 at 21:29 (7 anni ago)

    Non ci credo. Pensa che stavo giusto leggendo l'ultimo post dello zio mitico! Sei stata bravissima anche tu. Un bacione cara

    Rispondi
  16. Cristina D.
    6 Marzo 2013 at 21:45 (7 anni ago)

    Party, non so com'è l'originale ma sai che dico ? Che è proprio bella ed armoniosa 🙂

    Rispondi
  17. ILENIA MEONI
    6 Marzo 2013 at 23:05 (7 anni ago)

    Che buona!!!! Inzuppata domattina nel latte……me ne lasci una fetta???? Nessuno prepara mai un dolcetto per me…..buona notte!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      7 Marzo 2013 at 15:15 (7 anni ago)

      Ile… neanche a mia preparano i dolcetti… Mio marito, ringraziando il Cielo cucina… ma non mi sento ancora di addestrarlo ai dolci! Un bascio!!

      Rispondi
  18. Roberta Morasco
    6 Marzo 2013 at 23:20 (7 anni ago)

    Patty, che bella!!!
    Me la sono segnata anche io questa treccia..sono due geni dei lievitati la Micky e lo zio Piero, ma tu sei stata bravissima!!!
    Complimenti per gli iscritti amica!!!
    Bacioni, Roby
    n.b. ho letto il tuo commento di oggi..per ora andiamo in affitto, non abbiamo il tempo materiale per trovare una casa nuova 'come la vogliamo noi'..per ora l'urgenza è la sistemazione temporanea in affitto..sennò mi tocca noleggiare un camper..ah!ah!ah!..meglio riderci su và!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      7 Marzo 2013 at 15:16 (7 anni ago)

      Roby… mamma mia!! Non ti invidio nella maniera più assoluta! Grazie di tutte le tue belle parole! Un bascio d'incoraggiamento… forte forte!

      Rispondi
  19. SQUISITO
    7 Marzo 2013 at 9:26 (7 anni ago)

    sei troppo simpatica "scupiazzata" mi ha fatto morir dal ridere…adesso te la scupiazzo anche io!!!
    bacione

    Rispondi
  20. ideecreative
    7 Marzo 2013 at 10:33 (7 anni ago)

    Come al solito passare da te mette sempre il buonumore!
    Per la treccia poi nessun commento,le manca solo la parola !!!
    🙂 !
    Alla prossima Patty!

    Rispondi
  21. Berry
    7 Marzo 2013 at 11:20 (7 anni ago)

    A me non sembra sciupazzata…anzi, mi sembra proprio che la vorrei provare! 🙂

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      7 Marzo 2013 at 15:32 (7 anni ago)

      Diamo a cesare quel che è di cesare… altrimenti poi cesare ci rimane male (giustamente!). un bascio!

      Rispondi
  22. Roberta
    7 Marzo 2013 at 11:41 (7 anni ago)

    A dire il vero a me sembra una nuvoletta deliziosa, e mi immagino gli effluvi che aleggiavano per le stanze del castello come fossero sospiri di fatine!
    Insomma, sarò di parte ma la treccia della cuochina non ha nulla da invidiare alle altre!
    Baci tesoro!

    Rispondi
  23. Dani
    7 Marzo 2013 at 15:00 (7 anni ago)

    PROFONDA AMMIRAZIONE! Io non le so fare ste cose. Punto. Ci provo, sporco tutti, mi arrabbio, e poi devo buttare…
    Me ne mandi un pezzetto? 😀

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      7 Marzo 2013 at 15:35 (7 anni ago)

      Non ci credo!!! poi con questa fai tutto in una ciotola! Per anni mi sono detta che la pasticceria mi odiava e io stavo cominciando ad odiarla… Poi è diventata una questione di principio! un bascio!!!

      Rispondi
  24. Cucina con Dede
    7 Marzo 2013 at 19:22 (7 anni ago)

    Mi stai dicendo che se la faccio finisce subito…..si si provo!!!
    Buona serata

    Rispondi
  25. Zonzo Lando
    7 Marzo 2013 at 20:29 (7 anni ago)

    Michela è bravissima, zio piero pure, tu anche… non mi resta provarla ehehhehe bacioni cara! Ti è venuta davvero una meraviglia 🙂

    Rispondi
  26. Miele e Vaniglia
    26 Marzo 2013 at 17:33 (7 anni ago)

    mi sa che mi sono persa un po' di ricette, ma provvedo 🙂 E' bellissima questa treccia è perfetta anche questa 🙂

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.