Ricordate? Avevamo accennato al viaggio di nozze della cuoca… pare che di viaggi abbia fatto solo quello… no, non ne ha fatti molti di più, è stata a Parigi anche con le fatine, è andata a Barcellona dove ha lasciato il cuore, nella fredda e piovosa Londra, ma il viaggio di nozze è stato quello che è stato!
Cuoca e principe sono partiti da Napoli verso San Diego, dove il principe è arrivato in crisi d’astinenza perchè da Londra (dove avevano fatto scalo) per circa dieci ore non ha potuto fumare… la cosa carina è che appena metti piede all’aeroporto di San Diego incontri un bel cartellone gigante con scritto “Welcome to the smoke free California”
A San Diego si sono fermati una settimana perchè il principe doveva lavorare (solo un ingegnere può pianificare il viaggio di nozze in coincidenza di incontri di lavoro!!!), ma la cuoca se l’è girata in lungo e in largo, approfittando anche della compagnia di una vecchia amica di famiglia, la quale la portò a vedere uno dei monumenti nazionali: il Coronado, hotel passato alla storia per essere stato il set di “A qualcuno piace caldo” (alla cuoca gli americani piacciono per questo: ti portano in un albergo dove è stato girato un film e te lo imbrodano come fosse il Colosseo!).
I due sposini fecero anche una tappa alla Old San Diego, primo nucleo di case della città, anche quello ormai diventata un’attrazione turistica, dove però hanno mangiato tortillas, fajitas e tacos ottimi fino a scoppiare…. Nella foto li possiamo ammirare (molto giovani!) con la mamita che era addetta alla stesura delle tortillas.
Si imbarcarono su una bella automobilina americana presa a noleggio (che manco sotto ipnosi la cuoca si ricorda che modello era) e percorsero la Country Route n.1, bellissima strada che taglia in senso verticale la California affacciandosi sul mare. Los Angeles è stata solo fotografata ma per esigenze culturali e non vistata (la cuoca e il marito essendo due radical, poco chic, ma molto spocchiosi non trovarono motivi intellettuali per fermarsi in ELLEI). Si fermarono però una notte a Santa Barbara in un piccolo motel che aveva un laghetto al centro della corte con ogni specie di bestia del Creato!

 

Hanno proseguito il loro viaggio godendosi il panorama oceanico e le bellezze naturali, attraversando la regione di Big Sur, passata alla storia grazie a Kerouak. Il principe già ebbe l’agghiacciante premonizione di ciò che lo avrebbe aspettato in futuro: per percorrere poco più di 100 chilometri impiegarono quasi tutta la giornata perchè dietro ogni curva c’era uno scorcio che la cuoca doveva fotografare (e ancora le macchine fotografiche digitali non esistevano, altrimenti i due stavano ancora là a fare i Gianni e Pinotto del photoframe!).

 

 

Hanno percorso la 17miles drive (a pagamento!), altra strada molto scenica sulla e dalla quale hanno potuto ammirare cervi che non avevano mazze per giocare a golf, ma lo avrebbero fatto molto volentieri su quel green così chic, il Lone Cypress simbolo della California che sta aggrappato a quel lembo di roccia con le unghiette e dulcis in fundo montagne di scoiattolini che visti in movimento sembravano un’orda di ratti, ai quali un cartello chiedeva di non dare cibo, ma, come si può vedere dalla foto, i turisti hanno abbondantemente nutrito i poveri animaletti al punto che deambulavano unicamente sulle zampe posteriori!

 

Soggiornarono a Carmel (dove per la cronaca Clint Eastwood è stato sindaco per due anni!), poi a Monterey dove visitarono l’immenso acquario e passarono a mangiare in uno dei ristorantini della catena Bubba Gump Shrimp Company (chissà se esiste ancora) ispirata al film Forrest Gump. I due passarono una serata piacevole mangiando frutti di mare e gamberi, ma soprattutto facendo impazzire i camerieri; per richiamare il servizio c’è un cartello double face: da una parte c’è scritto “Run Forrest Run” e lo si espone se non c’è bisogno, dall’altra parte invece c’è “Stop Forrest Stop” e il cameriere si ferma…. è inutile che vi sto a raccontare quante volte quel cartello è stato spostato!!
… e finalmente apparve lei, la città più europea d’America: San Francisco!! Ci arrivarono durante una rush hour, quindi impiegarono una eternità per giungere fino al lato opposto per poi prendere il Bay Bridge che li avrebbe condotti ad Oakland  (dove c’è l’università di Berkley… l’ing stava come un pazzo, in crisi malinconica, erano 15 giorni che non metteva piede in un ateneo, quindi in due giorni prima ancora di visitare la città andarono sia a Berkley, sia a Standford a Palo Alto…), ma la passeggiata fu bellissima e la cuoca cominciò a cantare tutte le canzoni che conosceva sulla città della baia: “I left my heart in San Francisco” di Tony Bennett, “The dock of the bay” di Otis Redding, “Be sure to wear flowers in your hair” di Scott McKenzie … Il povero principe stava cercando di capire quanto gli avrebbero dato di carcere (magari con le attenuanti) se avesse abbandonato la neo mogliettina in autostrada… ma manco per scomodare l’ambasciata. Hanno visitato il Golden Gate Park, Sausalito, come abbiamo detto ben due atenei, in uno dei quali hanno anche assistito alla consegna delle lauree (che neanche al suo matrimonio l’ing si è commosso così), un sacco di colleghi del principe che li hanno voluti a pranzo, cena e colazione, non hanno visitato il gabbio, Alcatraz (a parte che cosa ci vai a fare in un carcere? Vuoi mai decidano di riaprirlo mentre lo stai visitando .. e poi ci volevano quattro giorni di attesa e i due sposi non li avevano).

 

 

Ma arriviamo al nocciolo della questione: perchè ammorbare tutti con tante chiacchiere di reminiscenza personale? Perchè la cuoca ha deciso di partecipare al contest di Squisito “Viaggio nel gusto”, dove bisogna proporre un piatto che ci ricordi un viaggio, con una BREVE descrizione del viaggio…(ma la cuoca non possiede il dono della sintesi)…  Magari andava anche bene un “sono andata dall’Italia all’America e viceversa e me lo ricordo con tanto piacere!”, ma lei ha voluto esagerare e ha raccontato i venti giorni di viaggio di nozze per proporre il piatto tipico della cucina americana: il clam chowder,una zuppa deliziosa a base di frutti di mare, servita in un panino, mangiato al Pier 39 con i leoni marini a fare la guardia!

 

INGREDIENTI x 4:

Per il brodo:
1 carota
1 cipolla
1 porro (la parte tenera)
vino bianco
sale – pepe in grani
acqua q.b.

Poi:
200gr di pancetta (la verità? Questa volta non ce l’ho messo, è venuto buono ugualmente!)
200ml di panna fresca
700gr fra vongole veraci, tartufi e fasolare
2 patate (sbucciate e tagliate a tocchetti)
2 cucchiai di burro (inorridisco solo al pensiero e ho usato l’olio)
1 cipolla
5-6 belle foglie di basilico

4 rosette (facoltativo)

PROCEDIMENTO:

Tagliare a dadini la carota, la cipolla e affettare il porro. In una capiente casseruola versare un cucchiaio di olio e far soffriggere le verdure tagliate a tocchetti; aggiungere 1lt e mezzo di acqua e il vino. Portare a bollore per circa 5 minuti, gettarci quindi dentro i frutti di mare ben puliti e farli aprire. Appena aperti tirarli via, sgusciarli tutti tranne qualcuno fra i più belli da lasciare come guarnizione e metterli da parte in un contenitore. Far andare il brodo ancora per un pochino e poi filtrarlo. A questo punto si dovrebbe tagliare il bacon (la pancetta) a striscioline e farlo saltare nel burro con la cipolla e poi farci insaporire le patate sbucciate … ma io non ho avuto il cuore. In un filo d’olio ho fatto stufare un pò di cipolla tritata in minuscola brunoise e ci ho fatto insaporire le patate. Aggiungere quindi il brodo filtrato e lasciar cuocere per una mezz’oretta. A questo punto unire la panna e le foglie di basilico e far cuocere ancora per circa 15 minuti. A questo punto le patate dovrebbero anche essersi sfaldate e donato densità alla zuppa, così non fosse provvedere con un frullatorino ad immersione (ma non ce ne sarà bisogno). Spegnere aggiungere i frutti di mare sgusciati, se la state usando, la pancetta e mescolare. Sistemare nelle singole fondine (o nelle rosette) e aggiungere i frutti di mare rimanenti (quelli con il guscio).

 

 

78 Comments on Il clam chowder del viaggio di nozze

  1. Elisa Cima
    5 aprile 2013 at 6:20 (5 anni ago)

    Che bella descrizione Patty,mi è sembrato per un attimo di averlo fatto con voi questo viaggio!!! Bella e buona la zuppetta impiattata nel pane!! Un bacio!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 aprile 2013 at 11:13 (5 anni ago)

      Grazie Elisetta… si ti assicuro che non ostante tutto (io non sono un'amante dei grassi mixati con il pesce) è buonisssssima!! Un bascio!

      Rispondi
  2. Marisa. Uncicloneincucina
    5 aprile 2013 at 6:33 (5 anni ago)

    Patty mioddio!!! Grazie per questo fantastico reportage!!! Ti adoro, questo viaggio mattutino mi ha messo di buon'umore!! Che carini che siete Cuoca e Principe!!!<3
    un bacione e buona giornata!
    Mari

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 aprile 2013 at 11:14 (5 anni ago)

      Marì… che carini che eravamo.. a guardare quelle foto veramente oggi siamo altri due (soprattutto io… )

      Rispondi
  3. Ely
    5 aprile 2013 at 6:45 (5 anni ago)

    Cuochina Pa! Ma che post tenerissimo e quanto siete carini insieme!! E' stato bellissimo viaggiare con voi e vedere le meraviglie che avete visitato insieme <3 <3 Grazie, e la tua ricetta è fantastica, saporita e delicata! TVTTB!

    Rispondi
  4. Immacolata Cuorvo
    5 aprile 2013 at 6:55 (5 anni ago)

    Ah patty chissà perchè tutti i viaggi son belli, ma il viaggio di nozze rimane sempre impresso nel cuore…forse perchè ancora intontiti dal fatidico si?
    Io e mio marito siamo stati 10 giorni in grecia, 1 settimana a Venezia e poi veramente dove ci portava il cuore…30 giorni favolosi…e tutto riaffiora sulle note del sirtaky
    Ritornando alla cucina…beh una rosetta sopra indicata è il pasto completo di una giornata…ma credo che ne vada la pena di assaggiarla….un bascio

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 aprile 2013 at 11:16 (5 anni ago)

      Imma, il viaggio di nozze secondo me è bello perchè vieni da un periodo di forte stress (alzi la mano chi non si è stressato per organizzare il proprio matrimonio!)… bellissima anche la Grecia! Un bascione!

      Rispondi
  5. valeria fusco
    5 aprile 2013 at 6:57 (5 anni ago)

    Ma guarda sti americani, che ti inventano. Diciamoci la verità, in Europa siamo sempre pronti ad arricciare un po' il naso, ma l'America val bene una messa ( come Parigi). E poi quando i ricordi del viaggio si fondono con quelli dei primi giorni da sposini, ci si intenerisce sempre un po'.
    Belli voi, belle le foto, bella la zuppa. In bocca al lupo.
    P.S: mi dica un po' signora cuoca, ma il principe sa di questa sua notorietà in rete, lui così riservato, così ingegnere?

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 aprile 2013 at 11:17 (5 anni ago)

      Valè, notorietà, mò non esageriamo!!! 😀
      Non ostante la spocchiosità io in America tornerei domani mattina: le bellezze naturali, gli spazi sconfinati si trovano solo lì!
      PS NOn dire a nessuno come ci siamo ridotti io e l'ing dopo 15 anni di matrimonio!
      Un bascio!

      Rispondi
  6. Vale@Lattealcioccolato
    5 aprile 2013 at 7:09 (5 anni ago)

    Bellissimo questo viaggio Patti! Mi fai sempre spisciare dal ridere 😀 In bocca al lupo per il contest! Un abbraccio forte :*

    Rispondi
  7. Beatrice Rossi
    5 aprile 2013 at 7:55 (5 anni ago)

    Che bel racconto! E belle le foto! Un giorno piacerebbe molto anche a me andare in America, per adesso devo accontentarmi di mete più vicine! In bocca al lupo per il contest!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 aprile 2013 at 11:18 (5 anni ago)

      Vedrai che presto lo farai questo viaggio e avrai l'imbarazzo della scelta della meta! un bascio Bea!

      Rispondi
  8. Valentina
    5 aprile 2013 at 7:55 (5 anni ago)

    Che meraviglia, Patty!!! Deve essere stato un viaggio fantastico, mi piacerebbe tanto visitare quei luoghi… che bello!!! 🙂 E che bella tu!!! 🙂 <3 La zuppetta nel pane è a dir poco invitante, anche la presentazione mi piace tantissimo! Complimenti e un abbraccio forte, buona giornata! 🙂 :**

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 aprile 2013 at 11:19 (5 anni ago)

      … Valentì diciamo "che bella che ERI tu" … oggi sono molto diversa… 15 anni e tre fatine hanno lasciato il segno! Un bascione gioia!

      Rispondi
    • Valentina
      5 aprile 2013 at 20:09 (5 anni ago)

      No, no… che bella che ERI e che SEI 🙂 <3 Buon weekend e un bacione! 🙂 :**

      Rispondi
  9. giovanna pisano
    5 aprile 2013 at 8:47 (5 anni ago)

    wow che siete belli 🙂 bella la descrizione e bono il panino ripieno mmmmm

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 aprile 2013 at 11:20 (5 anni ago)

      Ribadisco che belli siamo in queste foto… Pubblicare di fianco le foto di oggi si direbbe… Nooooo! Un bascio!

      Rispondi
  10. Tantocaruccia
    5 aprile 2013 at 9:01 (5 anni ago)

    Ma quante cose belle in questo post! Ahah, che carina la cuoca stanca.. (anche noi siamo radical e poco chic, da sempre;).. E' bella anche la ricetta, davvero tanto:)
    a presto cara:*

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 aprile 2013 at 11:49 (5 anni ago)

      Grazie tesoro…pesna che non erano neanche tutte… sarei ancora lì a scrivere… Un bascio!

      Rispondi
  11. Ci pensa Mamma
    5 aprile 2013 at 9:06 (5 anni ago)

    Che viaggio meraviglioso! E quanto siete belli!!! Complimenti anche per la ricettina e buon fine settimana!!!

    Rispondi
  12. Roberta
    5 aprile 2013 at 9:46 (5 anni ago)

    Eccola la mì Patty, non c'è niente da fare, io ti leggo e mi cambia la giornata 🙂
    M'hai quasi fatto passare persino il mal di pancia!!!
    Ma quanto sei bella eh, ma che sorriso spettacolare hai, io proprio non vedo l'ora di gustarmelo dal vivo!
    E il tuo reportage è talmente, ehmmmm, particolare che quasi mi hai fatto venire voglia di andarci anch'io in America!
    In bocca al lupo per il contest e un abbraccio immenso!!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 aprile 2013 at 11:51 (5 anni ago)

      L'America è bellissima, lo dico in sincerità, ha una natura prepotente e spettacolare…
      Il sorriso …Robbè sono passati 15 anni… e sono tantissimi! Un bascione!

      Rispondi
  13. lalexa
    5 aprile 2013 at 10:11 (5 anni ago)

    ma che viaggio leggerti Pa!!! mi sembrava di essere un pochino lì con te! e che belli siete? e la ricetta??? mi fa una gola che non ne hai idea! e mi ispira con o senza pancetta in egual modo !sei una forza !ti stringo forte.a prestissimo:)

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 aprile 2013 at 11:52 (5 anni ago)

      Verità? Io la mangiai illo tempore originally con il bacon, ma quando l'ho fatta io le mie mani si sono rifiutate! Un bascio tesorona!

      Rispondi
  14. Luisa Piva
    5 aprile 2013 at 11:25 (5 anni ago)

    Carinissimi..
    Che dire, grazie per questo tour virtuale che hai fatto fare pure a noi., almeno con la mente e la fantasia! Interessante la ricetta..

    Rispondi
  15. sandra indovinachivieneacena
    5 aprile 2013 at 11:28 (5 anni ago)

    che bella la cuoca Patty da giovane! e che bello che nel crescere sia ancora più bella!!! mi ha fatto piacere venire in America con te, grazie del viaggio e grazie della rosetta ripienata….. ripiena, lo so, ma ripienata rende meglio l'idea!
    buon fine settimana Patty!
    Sandra

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 aprile 2013 at 11:55 (5 anni ago)

      Esatto la rosetta ripienata mi piace moltissimo!!! Grazie per il complimento ma così si capisce che non mi hai ancora conosciuta! Un bascione!

      Rispondi
  16. Lu.C.I.A.
    5 aprile 2013 at 11:41 (5 anni ago)

    E che lo dico a fare… WOOOOWWWWWWWWW
    Bellissimo racconto… e foto stupende! Mi sembrava di essere li con voi… ahahahha….

    Rispondi
  17. Roberta
    5 aprile 2013 at 12:10 (5 anni ago)

    Grazie per questa stupenda descrizione del vostro viaggio di nozze!! :-))
    Bellissime foto!!!!!
    E ovviamente buona la ricettina!! Bacio!!

    Rispondi
  18. Berry
    5 aprile 2013 at 13:15 (5 anni ago)

    E se prima avevo solo un pochina di voglia di partire per gli States, adesso proprio prenderei un aereo e volerei in California! Voglio andarciiiiii! Comunque il ristorante di Forrest esiste ancora, io l'ho trovato a Miami, vicino al molo, mi sono comprata calamite, adesivi e portachiavi di ogni tipo con le frasine tipiche del film! 🙂 Da brava turista!
    Che bello il tuo racconto Patty e che belli voi! Non vedo l'ora di abbracciarti ♥

    Ps: ma i gusci nel panino si devono mangiare o vanno tolti? 😛

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 aprile 2013 at 14:09 (5 anni ago)

      Berry … per quanto riguarda i gusci dipende dalla tua fame e dalle capacità digestive…. 😀

      Anche io non vedo l'ora che arrivi il fatidico fine settimana!! Un bascio!

      Rispondi
  19. Dani
    5 aprile 2013 at 13:28 (5 anni ago)

    Beh il viaggio di nozze è IL VIAGGIO per antonomasia. Del resto poi, a meno che non si sia persone molto benestanti, viaggioni di questo tipo dopo il matrimonio sono rari 😛
    E vedo che il tuo è stato proprio un viaggio di nozze bellissimo 😀
    Bacioni e buon finesettimana

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 aprile 2013 at 14:11 (5 anni ago)

      Dani infatti…. il viaggio successivo abbiamo dovuto aspettare 10 anni e non è stato bello così… ma non eravamo più due ma quattro (ora che siamo cinque forse dovremo aspettare 20 anni!), ma ci siamo divertiti tantissimo (quattro giorni a Parigi, di cui due a Disneyland… se non mi divertivo là!).

      Un bascione!!!

      Rispondi
    • pokemon go ultimate hack for android
      20 aprile 2017 at 20:45 (1 anno ago)

      hvor ser det fint og femnit ud med de ringe! LOVE IT! :-)- Vil du ikke gÃ¥ ind og se min blog Amalierhansen.blogspot.com det vil virkelig betyde meget! :-)du mÃ¥ have en helt fantastisk regnvejrs dag! 🙂

      Rispondi
  20. Luca Monica
    5 aprile 2013 at 15:01 (5 anni ago)

    Ciao CuochinaPa!!!!!
    Che te lo dico a fa!!! Ogni passaggio da te è uno spasso….mi piace un sacco come scrivi…mi sono fatta un sacco di risate!! Lo scoiattolo più chiatto del mondo…ah ah ah….e poi nelle risposte ai messaggi….oggi occupiamo più spazio…ma come ti vengono!!! Avete fatto un bellissimo viaggio di nozze…incredibile l'ing che si è organizzato la settimana di lavoro…sti uomini!!!!
    Col panino avrei qualche problema…anche se nonostante per me siano veleno i bivalvi mi piacciono…ma si può???!!!

    Un abbraccio grande grande e buon fine settimana
    monica

    P.s.
    Vuoi sapere la novità!!??
    Nanetta media con febbre….alla faccia del fine settimana!!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 aprile 2013 at 18:45 (5 anni ago)

      No Monica, no… ma porca miseria, vedi che la teoria del venerdì sera è reale…. un dogma quasi!!!
      Grazie per le tue bellissime parole: le cose mi vengono così, mi guardo e rispondo!
      Un bascio grande grande…
      PS Io domani finisco l'antibiotico per la nanetta piccola, senza febbre ma con la bronchite!

      Rispondi
  21. gwendy
    5 aprile 2013 at 15:09 (5 anni ago)

    Patty ho letto il racconto delle varie tappe del tuo magnifico viaggio di nozze!!Mi hai fatto sognare ad occhi aperti,per un attimo mi sembrava di esseri li con te!!Le foto sono splendide,in passato ho viaggiato anch'io e se potessi lo farei ancora credimi.
    Sai nella foto iniziale pensavo che quello non fosse tuo marito ma uno del posto che lavorava nell'albergo,forse per l'abbronzatura e i lineamenti un pò messicani.:-)
    La ricetta è davvero curiosa e anche molto gustosa,spero che sia tu a vincere!!!Un bacio cara,a presto!!!:-)

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 aprile 2013 at 18:46 (5 anni ago)

      Dop glielo dico che pensavi fo Gomez o Miguelito!!! Anche io non smetterei mai di viaggiare… peccato le scarse finanze! un bascione… e grazie!

      Rispondi
  22. Giovanna vanna
    5 aprile 2013 at 15:50 (5 anni ago)

    che belli che siete tu e il tuo maritino, bei ricordi eh? un imbocca a lupo per il contest , sembra ottima questa ricetta, brava!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 aprile 2013 at 18:47 (5 anni ago)

      Grazie Vanna… bellissimi ricordi, si… anche la nostra giovinezza… 😀
      Un bascione!

      Rispondi
  23. elly
    5 aprile 2013 at 16:57 (5 anni ago)

    Mi hai fatto fare un tuffo nel passato… 23 anni fa pure io stavo da quelle parti per il mio viaggio di nozze! Tre settimane divertentissime! … (le uniche heehehehehehehehe!!!)
    E la ricetta è veramente deliziosa Patty cara! Io me la metto da parte!!! Bacione!!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      5 aprile 2013 at 18:48 (5 anni ago)

      Bellissimo vero? Poi più passa il tempo, più anela ad un altro viaggetto…. Un bascione!!!

      Rispondi
  24. Giovanna Bianco
    5 aprile 2013 at 21:03 (5 anni ago)

    Che bello il tuo viaggio di nozze, bello movimentato e che posti!!!! Ma soprattutto la cosa più bella siete voi, una bellissima e simpaticissima coppia. Lo sai che proprio oggi su una rivista di cucina, ho trovato la tua stessa zuppa e ora il tuo post mi ha confermato la sua bontà. La farò quanto prima. Complimenti per tutto e buona notte.

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      6 aprile 2013 at 13:03 (5 anni ago)

      Giovanna, per noi italiani è un pò estrema… nel senso il pesce mischiato con la pancetta e la panna, ma è veramente spettacolosa! Grazie e un bascione!!!

      Rispondi
  25. Gloria Baker
    6 aprile 2013 at 7:37 (5 anni ago)

    nice trsvel and pictures Patty anf nice recioe; un abraccio:)

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      6 aprile 2013 at 13:04 (5 anni ago)

      Thanks a lot Gloria, those places are (quite) close to you! Have a nice week end, kind regards!

      Rispondi
  26. Piovonopolpette
    6 aprile 2013 at 8:35 (5 anni ago)

    Patty m'hai fatto venir voglia di partire, subito, adesso! E che belle foto della cuoca e del principing! In bocca al lupo per il contest!!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      6 aprile 2013 at 13:04 (5 anni ago)

      Polpy… quelle foto sono di una vita fa… non ti dico ora come siamo! Un bascio!!!

      Rispondi
  27. Vaty ♪
    6 aprile 2013 at 9:30 (5 anni ago)

    Che spettacolo Patty.. Arrivo solo ora ma perché volevo godermi ogni passi e ogni foto. Che viaggio stupendi che avete fatto talmente bello che.. L'abbiamo fatto anche noi!!ma il vs decisamente più approfondito . San Diego non l'ho vista e ora che vedo foto e paesaggi.. Mi sto mangiando le mani.
    Ma quanto bella sei? Troppo dolce ^_^
    L'ingegnere che fissa un meeting nel viaggio di nozze mi ha fatto morire! Almeno avete presentato un bel rimborso spese così d aver compensato tutto?;)
    San Francesco? Io la canto ancora quella canzone! Quanto mi piacerebbe tornarci e che spettacolo le tue foto cara! Noi avevamo già la digitale (eravamo tra i primi!) ma ti assicuro che le tue foto sono molto più belle!!!
    E questa zuppa? Ovviamente gustata e rigustata a fisherman's wharf!
    Bellissimo questo post tesoro, pieno di cartoline, ricordi e bellissimi aneddoti !
    Poi ha toccato la città del mio cuore che è proprio San Francesco. Sai, li ci sono molti thai e mi sono sempre detta che se esistesse un post del mondo fuori della Thailandia ma che ti fa sentire come in Thailandia e' proprio s Francesco !!! Grazie per le emozioni regalatemi con il post *_*

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      6 aprile 2013 at 13:08 (5 anni ago)

      Gioia mi hai fatto felicissima con le tue parole!!! Ma come ho detto in precedenza è stato una vita fa… oggi io e l'ing siamo molto diversi (in realtà lui è uguale, solo con occhiali diversi e capelli un pò più grigi) almeno esternamente… poi a Roma verificherai! Ti bascio forte forte forte!!!

      Rispondi
  28. cadè
    6 aprile 2013 at 13:39 (5 anni ago)

    Che bello questo racconto di viaggio, Patti!
    Noi abbiamo viaggiato abbastanza ma se i raccontassi il mio viaggio di nozze di sicuro scoppieresti a ridere incredula!

    Rispondi
  29. Cristiana Valeria
    6 aprile 2013 at 20:44 (5 anni ago)

    ….mamma mia ti ricordi tutto nei minimi particolari…a mala pena riesco a ripercorrere quello che ho fatto quest'estate! Già ce lo siamo dette una volta: mi manca un sacco viaggiare…i miei mi hanno abituato male e ho visto parecchio e ora mi è capitato il marito pantofolaio…pace: per ora vago coi figli per l'Italia…tra qualche anno si vedrà!
    Non avrei detto che fossi napoletana: ti immaginavo nordica…ti aspetto a Roma! Un abbraccio cri

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      7 aprile 2013 at 7:52 (5 anni ago)

      Cri… e picchè noddica? In realtà io ho il sangue misto: mio padre è un romagnolo nato a Torino e sposato a Caserta, la mia mamma aveva i nonni torinesi ma comunque genitori casertani…
      Io ho sempre la mia valigetta pronta con le ragnatele,ricordi? L'idea però di andare in giro per l'Italia con i figli è bellissima: appena la nanetta cresce un pò lo farò anche io! Un bascione!!

      Rispondi
  30. SQUISITO
    7 aprile 2013 at 7:32 (5 anni ago)

    Ricetta inserita…grazie per la partecipazione!
    Ti aspetto con le prossime ricette…se ti va…più ricette inserite, più possibilità di vincere uno splendido soggiorno a Budapest!
    Un bacio cara!

    Rispondi
  31. Zonzo Lando
    7 aprile 2013 at 13:05 (5 anni ago)

    GRande Patty! Che viaggio, che racconti, che foto!! In bocca al lupo per il contest 🙂 Un abbraccio forte cara

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      7 aprile 2013 at 14:49 (5 anni ago)

      Dai che tu sti posti li conosci bene e una parte li hai anche appena visitati!! Grazie, un bascione gioia bella!

      Rispondi
  32. mimma
    7 aprile 2013 at 15:19 (5 anni ago)

    non conoscevo questo piatto….è magnifico e tu,come sempre, descrivi tutto in maniera fantastica e affascinante!!!!
    bravissima!!!!

    Rispondi
  33. ILENIA MEONI
    7 aprile 2013 at 21:47 (5 anni ago)

    Che bello il tuo viaggio! E che belli i ricordi. Proprio stasera pensavo al mio viaggio di nozze…forse è quasi più bello ricordarlo che farlo, dato che almeno io, che sono andata in India, ricordo soprattutto le cose belle e non i cattivi odori i bambini senza cibo etc…a parte questo grazie del tuo bel racconto e della ottima ricetta. Notte

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      8 aprile 2013 at 6:52 (5 anni ago)

      In effetti l'idea dell'India è bellissima, poi la povertà ti mette in faccia una realtà alla quale non si credeva fosse possibile arrivare… Grazie Ile, un bascio!!!

      Rispondi
  34. Claudia Magistro
    8 aprile 2013 at 7:26 (5 anni ago)

    uau! Un viaggio meraviglioso (l'incontro di lavoro in coincidenza del viaggio di nozze mi fa schiantare dalle risate ahahahahah) Prima o poi ci andrò in America anche se è lontana, il viaggio di nozze me lo sono già giocato ghghghgh
    :*
    Cla

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 aprile 2013 at 11:01 (5 anni ago)

      Vabbè Claudè, c'è il viaggio per i dieci anni, i quindici, i sedici…. Un bascio!

      Rispondi
  35. SimoCuriosa
    8 aprile 2013 at 9:42 (5 anni ago)

    sei una MERAVIGLIA! E anche tu eri giovanissima…ma come eravamo belle? eppure non te ne rendi conto quando vivi quell'età..è vero o no?
    fantastica fantastica fantastica!!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 aprile 2013 at 11:02 (5 anni ago)

      No, anzi, mi prenderei a schiaffi al pensiero di quello che pensavo di me a quell'età! Vabbuò! un bascio!

      Rispondi
  36. Roberta Morasco
    9 aprile 2013 at 13:08 (5 anni ago)

    Naaaa..Patty, mi hai fatto tornare indietro di 20 anni!!!
    Ci sono stata anch'io in molti di quei posti, io ho fatto da San Francisco a Monterrey circa, ero sola e avevo 20 anni non mi sono fidata di arrivare a Los Angelese e San Diego, ma ci devo tornare, ho pure parenti in California!!
    Adoro la clam chowder, sapessi quante ne ho mangiata a San Francisco!!! E il Pier 39..mamma che bei ricordi..grazie grazie e complimenti per tutto, foto, reportage, ricetta!!! Un abbraccio! Roby

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      10 aprile 2013 at 11:03 (5 anni ago)

      Mamma mia Roby, ci vuole un bel coraggio a farsi un viaggio così da sola… Los Angeles continua a non attirarmi, ma ci sono un sacco di città che vorrei visitare e S.F. dove vorrei ritornare… un bascione!

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *