Il Re-cake si è evoluto…. 2.0… la cuoca pensava che i numeri punto qualcosa esistessero solo nella beautiful mind del principe e invece no, pure il re-cake è diventato 2.0.
Ormai penso che solo che gli orchi del bosco non conoscano il Re-cake, e a parlarne con loro non penso manco siano interessati. Nel caso qualche orco del bosco stia leggendo, e la cosa abbia addirittura destato il suo interesse, spieghiamo che il Re-cake è una gara a botte di dolce che si svolge ogni mese, sempre uno diverso viene proposto e bisogna rifarlo, con possibili modifiche ma senza snaturare l’originale.
Non si vince niente, se non la gloria di un momento, ma spesso si incoccia in dolci favolosi, che probabilmente non avremmo mai provato per via di determinati dubbi, e invece…
E’ il caso del plum cake di questo mese. La cuoca (verità!) non l’avrebbe mai fatta e quando l’ha replicata ha avuto paura che poi avrebbe dovuto ingollarsela lei. Perchè?

 

  1. alle fatine non piace la farina di avena… almeno fino a domenica scorsa dicevano così, poi non sapendo ci fosse farina di avena nella torta se la sono mangiata, gradendo anche il bis;
  2. il principe detesta le nocciole. Per fortuna erano sostituibili con le mandorle.
  3. la Regina Madre pensa che i fiocchi di avena sia cibo per uccelli, quindi non commestibile da donna di rango nobile… ma i maligni dicono che anche lei ha fatto sparire due fette senza pensare troppo se rimaneva ad altri.
Fatto sta che domenica mattina ha cominciato a preparare il latticello, ha dato una rassettata domenicale al castello ed è partita con la preparazione della torta vera e propria. Quando l’ha sfornata la ciurma si è avvicinata pian pianino: “Evaquate il locale, questa non è una esercitazione: prima bisogna pranzare, poi la devo fotografare, chi si avvicina lo fa sotto propria responsabilità!!!!”
A niente è valso lo sguardo sofferente della povera fatina adolescente febbricitante causa influenza stagionale. Quella donna è stata di ferro. Quando il Re Consorte è arrivato al piccolo Castello, la cuoca conoscendo l’abitudine di costui, di mangiare un dolce intero staccando una micro briciolina alla volta, ha definitivamente deciso  di metterlo sotto chiave. Il dolce, non il nonno!
Il pranzo della domenica per Carnevale si era travestito da pranzetto ospedaliero: tagliolini fatti in casa dalla cuoca in brodo fatto dal principe, polpettone fatto dal principe, purè fatto dal principe…. Solo che il principe aveva utilizzato mezzo panetto di burro e 200gr di parmigiano per il purè, aveva macinato tutto quello che avevano in frigo dentro il polpettone (affettati, formaggi, broccoli, ..) e nel brodo ci ha fatto bollire pure un paio di tracchiulelle di dinosauro.
Finalmente i piatti per il dolce… tutti, dico tutti, dai nonni alle fatine hanno fatto il bis, senza lasciarmene neanche una fettina. Maleducati!La cuoca la torta l’ha presa dalla sua amica Ileana, che con Carla, Claudia, Giulia, Sara e Silvia è in ottima compagnia… vi bascio tutte!

 

INGREDIENTI
105gr di farina di riso
50gr di farina di nocciole
60gr di farina di avena
2 cucchiai di crusca di avena
1 cucchiaio di cremor tartaro
1/2 cucchiaino di bicarbonato (possibile sostituire il cremor tartaro e il bicarbonato con 1 cucchiaio di lievito)
1 cucchiaino di cannella
1 cucchiaino di zenzero in polvere
1/2 cucchiaino di sale
3 uova
150gr di zucchero di canna
125ml di latticello
125ml di olio extravergine di oliva
1 cucchiaio di estratto di vaniglia (possibile anche i semi di una bacca)
2 mele annurche
25gr di nocciole di Nola
25gr di mandorle


PROCEDIMENTO
Se non si ha il latticello bisognerà farselo da soli: montare 250 ml di panna fino a farla impazzire. Prendere il composto pazzo e metterlo in un colino foderato di garza e far sgocciolare in un contenitore almeno un’oretta. La parte solida è burro, la parte liquida è il latticello.
Ottenuto il latticello, preriscaldare il forno a 180°, imburrare lo stampo da plucake (io 26×11) e rivestire le pareti con carta forno. In una ciotola unire le farine, la crusca, il cremor tartaro e il bicarbonato (o il lievito), la cannella, lo zenzero, il sale. In un altra ciotola sbattere le uova con lo zucchero di canna, il latticello, l’olio d’oliva e l’estratto di vaniglia. Versare gli ingredienti liquidi in quelli  solidi e mescolare con la frusta fino ad ottenere un composto omogeneo. Detorsolare le mele (eventualmente sbucciarle) e tagliarle a fettine, disporle ordinatamente in maniera verticale o orizzontale, come piace a voi nel composto e se avrete fortuna le mele non affonderanno. Cospargere la superficie con un pò di crusca di avena, le nocciole e le mandorle tritate.
Cuocere 1 ora. Lasciar raffreddare la torta nello stampo per 15 minuti, estrarla e farla raffreddare completamente sul piatto da portata.

 

 

 

La ricetta è originale, le dirigenti del Re-cake l’hanno presa qui quindi mi risparmio la fatica di tradurre dall’italiano in inglese e la copio pari pari come sta sul bellissimo blog dal quale è stata pescata.

ENGLISH VERSION

Apple, hazelnut and oat cake

makes one loaf cake
3/4 cup (105 g) superfine brown rice flour
1/2 cup (50 g) hazelnut flour
1/2 cup (60 g) oat flour
2 tablespoons oat bran, plus extra for topping
1 tablespoon baking powder
1/2 teaspoon baking soda
1/2 teaspoon ground cinnamon
1/4 teaspoon ground ginger
1/2 teaspoon salt
3 eggs
3/4 cup (150 g) light brown sugar
1/2 cup (125 ml) whole-milk sour cream
1/2 cup (125 ml) olive oil
1 tablespoon vanilla extract
3 medium medium apples, peeled, cored and thinly sliced (I use Reinettes but you can use Granny Smith, Pink Lady, Jonagold…)
2 tablespoons chopped hazelnuts 

Preheat the oven to 350F (180C). Lightly grease a loaf pan and line the edges with parchment paper.
In a large bowl, whisk together the superfine brown rice flour, hazelnut flour, oat flour, oat bran, baking powder, baking soda, cinnamon, ginger, and salt.
In a separate bowl, whisk together the eggs, brown sugar, sour cream, olive oil, and vanilla extract. Pour the wet ingredients over the dry and whisk until the batter comes together. Pour the batter into the cake pan. Arrange the apple slices on top and sprinkle with a bit of oat bran and chopped hazelnuts.
Bake for 1 hour or until a toothpick inserted in the center of the cake comes out clean. Let the cake cool in the pan for 15 minutes. Carefully invert it onto a cooling rack and cool completely.

Facebook Comments

65 Comments on Re-cake 2.0 Torta di mele annurche, nocciole di Nola e avena – Apple, hazelnut and oat cake

  1. Sugar Ness
    18 Febbraio 2015 at 8:47 (4 anni ago)

    Buona questa re-cake! Non mi stupisce che abbia convinto il castello!!! Eh… Le regine madri tendono spesso ad avere questo tipo di preconcetti, ma è sempre un piacere vederle ricredersi! 🙂

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      18 Febbraio 2015 at 11:51 (4 anni ago)

      Anche la tua regina madre pensa così? Meno male che poi assaggiano! Un bascione!

      Rispondi
  2. ileana conti
    18 Febbraio 2015 at 8:48 (4 anni ago)

    Fantastica interpretazione Richeikiana seppur 2.0 Pattuzza! Ti aspettavo con ansia e trepidazione perché la tua innata simpatia non può che andare a braccetto con ciò che è per me il gruppo Re-Cake!
    Bellissima, Bravissima e grazie…. ma sul serio non ti hanno lasciato neanche un boccone? 🙁

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      18 Febbraio 2015 at 12:03 (4 anni ago)

      Grazie gioia!!! No io l'ho mangiata… è il povero narratore che è rimasto a bocca asciutta! Un bascione!!

      Rispondi
  3. Laura Barile
    18 Febbraio 2015 at 8:53 (4 anni ago)

    Davvero bella! Che poi sia anche buonissima lo so perché l'ho fatta anch'io, due volte!
    Piacere di averti conosciuta grazie a Re-cake!
    Alla prossima…
    Laura

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      18 Febbraio 2015 at 12:05 (4 anni ago)

      Si Laura buonissima… non me lo aspettavo mi piacesse così tanto!! Piacere tutto mio! Un bascione!!

      Rispondi
  4. Gaia Sera
    18 Febbraio 2015 at 8:53 (4 anni ago)

    Me ne mangerei giusto due fettine perchè a vedere le foto mi è venuta una fame.. Mi sono appunto appena iscritta a Re-cake e mi sa che sono proprio un'orchessa del bosco perchè (vergogna vergogna) non sapevo con precisione come funzionasse.. Per fortuna sei arrivata tu con la tua torta e così mi hai permesso di capire che se le cose che escono fuori sono queste, merita davvero aderire 🙂

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      18 Febbraio 2015 at 15:06 (4 anni ago)

      Gaia l'anno scorso abbiamo fatto delle cose buonissime… quest'anno pare che abbiamo cominciato ancora meglio!!! Hai fatto benissimo ad iscriverti al clan! Un bascione

      Rispondi
  5. SimoCuriosa
    18 Febbraio 2015 at 10:26 (4 anni ago)

    ahaha la storia dell'orso mi fà morire…sei sempre la solita Patty con le tue storielle! ahahhah
    però hai ragione chi non lo conosce oramai? io tutte le volte che ho partecipato (2 o 3 non ricordo) mi sono sempre vergognata, dalle splendide presentazioni che ci sono…ma che devo fare..ognuno si impegna a modo suo no? ma so bene che partecipo più per divertimento che per altro, impossibile vincere!!!! (per me eh!)
    questa però la salto, sai la mia antipatia per le mele nei dolci, anche se sono convinta che con le nocciole mi piacerebbe..mauncelafò!
    ahahahha
    baScioooo
    ps in bocca al lupo, io tifo per te ssssssssttttttttttttttttttttttttt

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      18 Febbraio 2015 at 15:11 (4 anni ago)

      Ah Simo anche io partecipo per la gioia di conoscere dei dolci nuovi…. però con me stessa faccio un giochino (e non ci crederai vinco quasi sempre): cerco d capire quale recake vincerà…. Falla questa torta… io ero terrorizzata dal gusto della farina di avena…. invece no, è venuta fuori 'na cosa spettacolare! Un bascione

      Rispondi
  6. Natalia
    18 Febbraio 2015 at 10:32 (4 anni ago)

    Con tutte queste belle farine avrà un sapore unico. Mai fatto il latticello in casa.
    Baci

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      18 Febbraio 2015 at 15:14 (4 anni ago)

      Nat io l'avevo fatto solo una volta, ma perchè avevo fatto impazzire la panna (a casa mia pure quella impazzisce) e qualche giorno prima avevo letto del burro e del latticello…. ha un sapore strepitoso! Un bascione

      Rispondi
    • Natalia
      20 Febbraio 2015 at 12:02 (4 anni ago)

      Segnato!!! Baci a te.

      Rispondi
  7. Valeria Della Fina
    18 Febbraio 2015 at 12:46 (4 anni ago)

    Ha un aspetto stupendo! Sono certa che il sapore è ancora meglio 🙂
    Un bacio 🙂

    Rispondi
  8. LisaG
    18 Febbraio 2015 at 13:41 (4 anni ago)

    Caspita che lista di ingredienti, alcuni non li ho neppure mai usati. Io non ho mai partecipato a re-cake, sono troppo schiappa con i dolci. La tua torta invece è bellissima. E che presentazione !!!!!!
    Bacioni cara

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      18 Febbraio 2015 at 15:23 (4 anni ago)

      Lisa io e la pasticceria ci siamo sempre odiate…mò è un periodo che andiamo più o meno d'accordo e questa torta vale veramente la pena di essere provata. Gli ingredienti sono tanti, ma di facile reperibilità… tanto che mi sono permessa di usare prodotti del mio territorio… provala e non ti pentirai! Un bascione

      Rispondi
  9. Ale
    18 Febbraio 2015 at 13:49 (4 anni ago)

    Che bella!!!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      18 Febbraio 2015 at 15:25 (4 anni ago)

      Chissà perchè pensavo che anche tu fossi iscritta al recake…. provala, è buonissima! Un bascione

      Rispondi
  10. Maria Grazia
    18 Febbraio 2015 at 15:42 (4 anni ago)

    Che gran soddisfazione far ricredere la regina madre vero, Patty? 🙂
    E chi non rimarrebbe incantato dalla visione e dall'assaggio di questa meraviglia!
    Un bascione, tesoro!
    MG

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      18 Febbraio 2015 at 16:24 (4 anni ago)

      Si si anche perchè secondo la regina madre nelle mie preparazioni c'è sempre quella virgola che manca, anche quando ho seguito una sua ricetta precisa fino alla pedanteria! Vabbuò, meglio così! 😀 Un bascione

      Rispondi
  11. Cecilia Testa
    18 Febbraio 2015 at 15:51 (4 anni ago)

    Ahahah! Mi piacciono troppo i tuoi post, cara Patty! Io non mi cimento nei re-cake perché ho sempre paura di sfigurare; forse quando avrò un'attrezzatura fotografica degna di questo nome e non farò solo foto miserabili mi lancerò! Mi pare che invece la tua re-cake possa farti fare il figurone che meriti, non solo a corte (e ti capisco: che soddisfazione quando la mia regina madre deve ammettere la mia superiorità almeno in fatto di dolci! ehehehe!), ma anche tra noi plebei! Un abbraccio

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      19 Febbraio 2015 at 8:04 (4 anni ago)

      Noooo, buttati!! Che tte frega dell'attrezzatura fotografica? L'importante è avere una macchinetta per immortalare… tranquilla! Un bascione gioia!

      Rispondi
  12. Mimma Morana
    18 Febbraio 2015 at 15:56 (4 anni ago)

    ma che bontààààààààà!!!!! concordo sulle farine alternative… a volte anch'io sono un pò diffidente ma adesso, vedendo il tuo capolavoro…non piu' !!! bravissima!!!!

    Rispondi
  13. consuelo tognetti
    18 Febbraio 2015 at 20:39 (4 anni ago)

    Che bellissima interpretazione, conquista proprio tutti ^_* anche i più scettici..ma si sa, tu 6 maggggicca :-))))

    Rispondi
  14. Unafettadiparadiso
    19 Febbraio 2015 at 9:00 (4 anni ago)

    L'immagine che dai in ogni post al tuo castello mi mette sempre di buon umore Pa. Anche il tuo plumcake merita un morso cara!

    Rispondi
  15. conunpocodizucchero Elena
    19 Febbraio 2015 at 10:31 (4 anni ago)

    a giudicre dai 3 punti che hai scritto uno non si aspetterebbe di trovare una torta così alla fine e invece… sopresa al castello e delizia tra le stanze! 🙂

    Rispondi
  16. speedy70
    19 Febbraio 2015 at 14:40 (4 anni ago)

    Ottima questa golosa versione… adoro i dolci con le mele, bravissima!!!!

    Rispondi
  17. Briciole di sapori
    19 Febbraio 2015 at 14:57 (4 anni ago)

    Scoperta per caso su G+ non ho potuto non aggiungermi ai tuoi lettori. Bel blog, bellissime foto e ricette. Un saluto da Lorena

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      20 Febbraio 2015 at 9:11 (4 anni ago)

      Ciao Lorena, che meraviglia che sei passata al Castello!!! Mi ha fatto tanto piacere!!! Grazie per tutte le tue bellissime parole! Un bascione forte forte!

      Rispondi
  18. Valentina Profumo di cannella e cioccolato
    19 Febbraio 2015 at 16:35 (4 anni ago)

    l'ho fatta anch'io e… ed è buonissima concordo!! mio papà che non tocca i miei dolci.. ne ha mangiate tre fette.. da record!! ah.. sia che la scena della torta sotto chiave c'è stata anche da me… pari pari alla tua!! 😉

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      20 Febbraio 2015 at 9:23 (4 anni ago)

      Pensa che una volta mio padre è stato capace di mangiare una mezza pastiera, tagliando delle fettine talmente sottili che ci si poteva vedere attraverso…. Sti padri!!! Un bascione cara!

      Rispondi
  19. Lara Bianchini
    19 Febbraio 2015 at 19:14 (4 anni ago)

    Il priincipe fa il purè con la ricetta di mia suocera, sappilo che è così, del resto se lo si vuol buono un ciccinin di burro s'è mai sentito ammazzasse la gente no? Ce lo metteremo no? Mica lo mangiamo tutti i giorni no? Però io preferisco la torta, anche io due fette, mi spiace solo per te,, ti tocca rifarla!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      20 Febbraio 2015 at 9:26 (4 anni ago)

      ma un cicinin… si! Pensa che quando lo faccio io mi chiede se ci ho trovato il padrone vicino….. 😀 Due fette in arrivo per te! Un bascione!

      Rispondi
  20. Silvia
    19 Febbraio 2015 at 19:58 (4 anni ago)

    Castellana bella, a me l'avena piace! E poi ricordi che biscotti ha tirato fuori la mia socia?!?
    Ciao Patty Patty! :*

    p.s.In compenso io litigo con la cannella, proprio non mi va giù, ma fa niente, ne faccio a meno. 😉

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      20 Febbraio 2015 at 9:27 (4 anni ago)

      Silvia anche a me piace.. ma ho le fatine che rompono le scatole…. quindi non è mai chiaro se faccio una cosa che piace o no…. Vabbuò! Un bascione forte forte!!

      Rispondi
  21. Claudia Magistro
    20 Febbraio 2015 at 10:37 (4 anni ago)

    non vale. Il fatto che sia finita è un sacrilegio perché, se c'è il dolce, dopo aver letto una bella storia, come sono di solito le tue, mi piace concludere con una fettina…mi rileggo il racconto, ho capito!
    Mizzica e meno male che non piace a nessuno l'avena e la crusca etc etc…
    mah!
    :*
    Cla

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      21 Febbraio 2015 at 19:22 (4 anni ago)

      Claudiè…. le convinzioni…. quando crollano…. e meno male!!! 😀 Un basciuzzo!

      Rispondi
  22. Adenina Viola
    20 Febbraio 2015 at 10:55 (4 anni ago)

    Dev'essere buonissima questa torta, d'altra parte con ingredienti così buoni come le mele annurche e le nocciole non poteva che essere così!
    Mi unisco ai tuoi lettori fissi, sperando che vorrai ricambiare sul mio blog. Ciao 🙂
    My Tester Mania

    Rispondi
  23. Angelica M
    20 Febbraio 2015 at 13:58 (4 anni ago)

    Patty, splendida presentazione della torta! è sicuramente deliziosa e profumata! Bravissima! Buon fine settimana e un abbraccione 🙂

    Rispondi
  24. La cucina di Esme
    20 Febbraio 2015 at 17:34 (4 anni ago)

    che belle le foto e che buono questo cake con questo mix di farine, e poi con le annurche e le nocciole!
    baci
    Alice

    Rispondi
  25. Annalisa B
    20 Febbraio 2015 at 18:34 (4 anni ago)

    Una preparazione deliziosa! Brava!!!
    In bocca al lupo Patty cara!!
    Un abbraccione <3

    Rispondi
  26. Paola Sabino
    21 Febbraio 2015 at 11:19 (4 anni ago)

    Tu mi fai morire dal ridere con le storie del castello, sappilo! Ma te la posso confessare una cosa?? Io sto ancora cercando di capire che caspito significhi sto 2.0 messo in ogni dove sul web. O.o

    Rispondi
  27. i Pasticci di Terry
    23 Febbraio 2015 at 8:59 (4 anni ago)

    Chi non conosce il re-cake? Poi, scusa ma una che vive in un piccolo castello e che arriva da un castello grande con tanto di regina madre, non può fare a meno di partecipare al re-cake! Aahahhhhhh ho detto la cazzata del lunedì mattina! Ottimo questo plum cake, bella versione. Un bacino cuoca del mio cuore

    Rispondi
  28. Mila
    23 Febbraio 2015 at 11:02 (4 anni ago)

    Complimenti Patty ne hai fatto una stupenda presentazione!!!

    Rispondi
  29. sississima
    26 Febbraio 2015 at 17:58 (4 anni ago)

    eccolo qui il tuo bel dolce, grande Patty! Grazie per aver partecipato, un abbraccio SILVIA

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.