Si avvicinava il tempo del compleanno della fatina Fe e la cuoca Pa decise di organizzarle una piccola festa… solo che non sapeva che torta cucinare, aveva in testa tante idee, ma nessuna la convinceva. Le venne in aiuto Lady I che vive al di là del mare, nel paese del Candomblè e degli Orixa, terra del carnevale e della samba: fece tintinnare i suoi bracciali, cercò nell’aria ispirazione e magicamente apparve l’idea. La cuoca Pa prese dall’armadio della pazienza il suo vestito più bello e cominciò a lavorare la torta.

INGREDIENTI (tortiera da 24 cm diam.)

Per il Pan di Spagna:
150 gr di zucchero
5 uova
75 gr di fecola
75 gr di farina
sale (un pizzico)
mezza bustina di lievito per dolci
1 bustina di vanillina
la punta di un cucchiaino di colorante alimentare rosa in gel (o un pò di più… dipende quanto carico deve essere questo rosa)
Per i bignè cliccare qui   (per circa 25-30 bignè, ma ne serviranno meno):
Per la bagna:
250 ml di acqua
125 gr di zucchero
1 bucchierino di rhum (o altro liquore a scelta)
Per la farcia:
200 gr di cioccolato fondente
150 gr di zucchero
50 gr di farina
5 tuorli
1/2 litro di latte
1/2 bacca di vaniglia
1 lt di panna


Per la decorazione:
200ml di panna
Meringhe 

PROCEDIMENTO:

 

DA FARE IL GIORNO PRIMA: preparare i bigné come indicato nel link e preparare anche il pan di spagna come segue: accendere il forno a 180°, imburrare e infarinare uno stampo a cerniera di 24 cm di diam. Separare i tuorli dagli albumi e montare questi ultimi a neve fermissima con metà zucchero (75 gr). In un altra ciotola sbattete i tuorli con il resto dello zucchero fino a quando il composto non sarà diventato bello chiaro. Unite i due composti mescolando delicatamente dal basso verso l’alto per non smontare i bianchi. Ora setacciate insieme la farina, la fecola, il lievito, la vanillina e continuate a mescolare piano piano. Quando non ci sarà più polvere nel composto aggiungere la punta di un cucchiaino di colorante in gel (nel mio caso era rosa) e mescolare piano piano. Versare il composto nello stampo precedentemente preparato, livellare bene e infornare per circa 40 minuti, controllando sempre la cottura.

Nel frattempo preparare la farcia: scaldare in un pentolino il latte con la vaniglia e portarlo a leggerissima ebollizione, spegnere e mettere un attimo da parte. Con una frusta elettrica sbattere i tuorli con lo zucchero fino a quando non saranno diventati belli chiari. Togliere dal latte ormai tiepido la bacca di vaniglia e versare il latte nel composto di zucchero e uova alternandolo con la farina. Rimettere il pentolino sul fuoco, spezzettare il cioccolato fondente e aggiungerlo al composto. Mescolare sempre bene bene facendo sciogliere il cioccolato e evitando che il composto si attacchi. Dopo un pò il composto si addenserà. Quando avrà raggiunto una bella consistenza (messo sul cucchiaio di traverso non scivola) togliere dal fuoco, metterlo in una teglia larga e coprirlo con una pellicola, facendola aderire alla crema, per evitare che faccia la crosticina. Sfornare il pan di spagna quando è cotto e farlo raffreddare.Preparate la bagna scaldando i 250ml di acqua e facendo sciogliere lo zucchero. Quando è freddo aggiungere il rhum o altro liquore che è stato scelto. Essendo solo un bicchierino, la bagna va bene anche per una torta per bambini (nel mio caso nessuno ha avuto esaltazioni etiliche) ma si può sostituire con del succo si arancia, di fragole… a piacere
.
Quando il pan di spagna è freddo tagliare di un cm la parte superiore in senso orizzontale e mettere da parte “il cappello”. Con un coltello molto affilato incidere l’interno della torta a due cm dal bordo e ricavare un taglio interno del diam di 20 cm. Svuotare l’interno senza arrivare alla base della torta e mettere via le briciole rosa che si saranno formate (mettetele in un contenitore con coperchio e mettete in frigo). Mettere la bagna in una bottiglia di plastica, chiudere il tappo e farci due buchini sopra e bagnare il pan di spagna.

Montare mezzo litro di panna (se è necessario aggiungere due cucchiai di zucchero) e con un sac à poche farcire i bignè e metterli a testa in giù nella torta in modo da riempire il buco che è stato fatto. Montare l’altro mezzo litro di panna e unirlo alla crema al cioccolato ormai fredda che abbiamo preparato, mescolando delicatamente. Con un sac à poche iniettare la mousse di cioccolato così ottenuta negli spazi liberi fra i bignè. Rimettere la calotta sulla torta e bagnare un altro pò. Chiudere la torta così ottenuta in una pellicola, sistemarla su un piatto, mettercene un altro sopra e rovesciare. Togliere il piatto superiore e mettere in frigo.

DA FARE IL GIORNO DELLA FESTA

Sistemare la torta nel piatto dove sarà presentata e togliere la pellicola. Montare la panna e spalmarla con una spatola su tutta la torta. Cospargere la torta con le briciole rosa ottenute dallo svuotamento della torta, come si fa con la torta mimosa. A questo punto aiutatevi con la vostra fantasia. Noi abbiamo fatto delle righe con lo zucchero verde e sistemato delle meringhe fatte per non gettare i gli albumi dell’uovo della crema.

Lo so che scritto sembra tutto lunghissimo, ma vi assicuro che già il
fatto che tutto si prepari il giorno prima aiuta a rilassarsi… ma in
ogni caso le varie preparazioni non portano via più di un ora e mezza!!
Poi vuoi mettere il risultato?

 

 

Facebook Comments

2 Comments on Tartufata rosa a quattro mani

  1. Cinzia
    24 Giugno 2012 at 8:17 (7 anni ago)

    mammamia che dolce particolare.. non ne avevo mia visto fare uno così! E quanta pazienza hai, bravissima!

    Rispondi
    • ilcastellodipattipatti
      27 Giugno 2012 at 9:45 (7 anni ago)

      Grazie Cinzia, è vero la pazienza, ma a quattro mani si fa meno fatica! Un bascio Pattipa

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.