Alzi la mano chi conosce l’etimologia della parola pacchero (io la alzo perchè ora la conosco, prima no!). Deriva dall’unione di due parole greche: tutto e mano. Quindi si spiega da sola: il pacchero è uno schiaffo a tutta mano, di quelli che prendono tutto il lato sinistro della faccia senza tralasciare un angolino, lato destro se il latore del pacchero è mancino; di quelli che quando arrivano creano l’effetto firmamento, cioè vedere tutta l’arcata celeste senza spostarsi di un centimetro; di quelli che quando alla notte sogni di darli a quello che ti passa avanti quando sei in coda, al tuo capo, al tizio che ti porta via il parcheggio (ecc. perchè l’elenco sarebbe troppo lungo), alla mattina ti svegli fresco e riposato. I greci ne sapevano veramente una più del diavolo e i napoletani ci hanno azzuppato. Per fortuna i paccheri non si servono solo quando prudono le mani, ma anche quando si vuole mangiare un bel piatto d’effetto, perchè il pacchero è anche bel bel maccherone grande grande, saporitissimo, che raccoglie tutto il sugo come la mano la faccia.
Al Castello, il principe Fa, ama farli alla domenica, con frutti di mare. Questi sono con le cozze e pomodorini.

INGREDIENTI X 4

1kg di cozze
500gr di paccheri
10 pomodorini
2 spicchi d’aglio
olio evo

PROCEDIMENTO:

Tagliare i pomodorini in due. In un pentolino far soffriggere uno spicchio d’aglio e quando sfrigola buttarci dentro i pomodorini, salare poco. Mettere una pentola con abbondante acqua salata sul fuoco. Quando bollirà ci si butterà dentro la pasta. In una saltapasta far soffriggere l’altro aglio e appena sfrigola buttarci dentro le cozze e coprire con un coperchio per farle aprire. Filtrare il sughetto delle cozze e versarlo in quello dei pomodorini. Portare la pasta a due minuti dalla fine della cottura e unire nella saltapasta il sughetto e i paccheri e far andare per i due minuti rimanenti. Impiattare e metterci su le cozze.
L’ANGOLO DEL SOMMELIER: 

Abbinare un bel bianco fresco, fruttato ma non troppo: Chardonnay, Greco di Tufo DOCG, Tocai Friulano colli orientali.

 

Facebook Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.